FANDOM


FFII Tiamath PSP

Tiamath, boss ricorrente nella serie Final Fantasy, appare come boss opzionale in Final Fantasy II.

Tiamath era un potente drago arancione a cinque teste, al servizio dell'Imperatore Mateus nel palazzo infernale Pandaemonium. Gigantesca e a conoscenza di magie potentissime, sorvegliava un forziere contenente il leggendario elmo di Genji.

Tiamath aveva anche il compito di testare il valore dei viaggiatori che si addentravano nel labirinto arcano.

Strategia di battagliaModifica

Tiamath, nonostante le apparenze, è un boss semplice: benchè, infatti, possa ricorrere a magie elementali ad area quali Nube tossica XVI, Incendio XVI, Folgore XVI e Tormenta XVI, esse infliggeranno danni relativamente lievi ad un gruppo allenato. Posto di fatto che il boss non userà altri attacchi, sarà quindi più che sufficiente attaccarla a più non posso con colpi fisici e magie non elementali (Tiamath assorbe Gelo, Fuoco, Tuono e Veleno), potenziando i personaggi con Aura, Furia e Andante nonchè proteggendoli con Bozzolo per concludere lo scontro con una facile vittoria.

StatisticheModifica

Bestiario Rango PV PM
125 7 8000 450
Attacco Precisione Difesa Schivata Difesa magica
150 8-100 180 1-80 8-70
Guil Tesori
15000-15000 Elisir, Coda di fenice, Tomo vitale, Tomo sacro, Tomo ardente
Abilità
Nube tossica XVI, Incendio XVI, Folgore XVI, Tormenta XVI
Attributi elementali
Subisce Resiste Assorbe
Corpo Mente Tuono, Ghiaccio, Fuoco, Veleno

CuriositàModifica

  • Le abilità di Tiamath in questa sua apparizione sono riprese esattamente dalla sua battaglia nel primo Final Fantasy, in cui disponeva delle abilità Saetta, Vampa, Tormenta e Nube tossica.

Nemici correlatiModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.