FANDOM


FFIV Overworld Tellah PSP
Maledetto bardo!
—Tellah

Tellah è un personaggio giocabile di Final Fantasy IV.

Saggio di fama mondiale e mago di straordinario talento, Tellah era un maestro nell'uso di tutti i tipi di magia, ma oramai l'età avanzata ha avuto la meglio sulla sua memoria, portandolo a scordarsi molti degli incantesimi appresi. Tornato a una vita sedentaria per crescere sua figlia Anna, riprende il suo viaggio quando la giovane fugge con un misterioso bardo, incrociando la strada del giovane Cecil Harvey.

ProfiloModifica

Aspetto fisicoModifica

Mago potentissimo, Tellah è conosciuto in tutto il mondo per la sua saggezza. Un tempo era in grado di controllare facilmente ogni tipo di magia, ma l'età l'ha indebolito più di quanto non voglia ammettere...
—Descrizione

Tellah è un uomo sessantenne molto pallido e dal fisico ossuto, con i capelli bianchi e modellati a onde ai lati della testa, una folta e scompigliata barba, il naso rosso e un paio di occhialini scuri viola che gli coprono gli occhi.
Il suo abbigliamento comprende una casacca rosa scuro, voluminose brache dello stesso colore e scarpe a punta dorate, unite a una sciarpa rosa e gialla e a un lungo cappotto a collo alto di colore rosa più chiaro. L'artwork di Yoshitaka Amano e i modelli delle edizioni 3D del gioco aggiungono dettagli come una fusciacca verde e gialla in vita, motivi a triangoli e strisce verticali sui pantaloni, polsini decorativi gialli e verdi e riflessi lilla su barba e capelli.

PersonalitàModifica

Tellah si presenta come un vecchio burbero, permaloso e facile all'ira, che quando si mette in testa qualcosa non si lascia fermare da niente e nessuno. Nonostante la sua testardaggine e la sua scarsa inclinazione ad ascoltare gli altri, non ha problemi a farsi aiutare da altre persone per arrivare dove gli serve.
Ama davvero sua figlia ma, forse a causa della perdita prematura di sua moglie, è tanto iperprotettivo nei suoi confronti da cercare di attraversare da solo grotte infestate di mostri pur di strapparla a un uomo che, secondo lui, non la merita. Non ama invece che gli si ricordi che ormai non è più tanto giovane, come dimostra la sua istantanea antipatia nei confronti di Cid, solo di poco più giovane lui, quando questi lo chiama "vecchio".

StoriaModifica

Orphan (crisi)Pericolo Spoiler: Seguono dettagli su trama e/o finale. (Salta sezione)

Il bardo del malaugurioModifica

Tellah aveva viaggiato in lungo e in largo per decenni al fine di perfezionare le proprie conoscenze magiche, ma dopo la perdita di sua moglie decise di tornare alla tranquilla oasi di Kaipo per vivere in pace con la figlia Anna. Il suo carattere irruento e iperprotettivo era però opprimente per la ragazza, che un giorno fuggì a Damcyan con un giovane bardo di cui si era innamorata. Tellah, che non approvava la loro relazione, cercò di inseguire la coppia, ma li perse presto di vista a causa dell'età avanzata.
Sapendo dove erano diretti e attanagliato dall'orribile presentimento che potesse succedere qualcosa di orribile, il saggio decise di attraversare le falde sotterranee che separavano Kaipo da Damcyan, ma trovò un ostacolo inatteso lungo la strada: un enorme mostro acquatico, il piovramammuth. Incapace di ricordare le sue magie più potenti, Tellah era quasi sul punto di tornare indietro, quando due persone lo raggiunsero nella grotta: erano Cecil, un giovane cavaliere delle tenebre di Baron, e Rydia, una piccola invocatrice di Mist, in viaggio verso Damcyan in cerca della luce del deserto per curare la febbre alta contratta da un'amica del ragazzo. Tellah decise di unirsi a loro, confidando che la spada oscura di Cecil potesse sconfiggere facilmente il mostro. Trovato un momento di calma, Tellah spiegò cosa stesse facendo nella grotta, e notò che Rydia aveva un grande potenziale nascosto, che il suo recente trauma le impediva di sfruttare appieno.

Il gruppo si liberò dell'ostacolo, ma quando finalmente arrivò alle porte di Damcyan, il presentimento di Tellah si rivelò fondato: il castello fu bombardato dalle Ali rosse di Baron, arrivate per sottrarre al regno il cristallo del fuoco. Preoccupato per la figlia, Tellah corse all'interno del palazzo, ma era troppo tardi: Anna giaceva a terra, in fin di vita. Come vide il giovane bardo nella sala, Tellah lo attaccò in preda all'ira, non solo per avergli portato via la sua bambina, ma anche per non averla saputa proteggere.
Fu Anna stessa a fermare la furia del saggio, rivelando che il giovane bardo era in realtà il principe Edward di Damcyan, e che lei lo amava sinceramente. Chiedendo scusa al proprio padre per essere stata egoista, la ragazza esalò l'ultimo respiro fra le sue braccia. Furioso, Tellah chiese a Edward chi avesse guidato l'attacco: il giovane affermò che le Ali rosse erano comandate da un misterioso stregone di nome Golbez, arrivato a Baron da poco. Questa informazione era più che sufficiente per Tellah: il saggio giurò che si sarebbe vendicato e, contro il parere di Cecil, partì alla ricerca di un modo per attuare la propria vendetta.

La magia definitivaModifica

Tellah riprese a viaggiare, alla ricerca dell'arma perfetta per sconfiggere Golbez e vendicare la figlia perduta: Meteo, la leggendaria magia proibita. Le sue peregrinazioni lo portarono infine sul monte dell'ordalia, dove la sua strada si incrociò nuovamente, e inaspettatamente, con quella di Cecil. Il giovane aveva raggiunto il monte per iniziare un percorso di purificazione, accompagnato da una giovanissima coppia di maghi gemelli di Mysidia chiamati Palom e Porom. I quattro scalarono la montagna, eliminando orde di nonmorti e confrontandosi faccia a faccia con l'orribile Scarmiglione, l'arcidiavolo della terra.
Dopo aver avuto ragione del mostro per ben due volte, il gruppo raggiunse un monolito che li trasportò in una stanza di cristallo, in cui una voce misteriosa guidò Cecil in uno scontro con il proprio lato oscuro per concludere il suo processo di espiazione. Cecil scacciò le tenebre dal suo cuore e divenne un paladino, e una luce abbagliante invase la stanza: lo stupefacente evento mosse qualcosa nella mente di Tellah, che all'improvviso ricordò tutti gli incantesimi che aveva appreso nella sua vita, e imparò anche la formula per evocare Meteo.

Tellah accompagnò Cecil, Palom e Porom nel loro ritorno a Mysidia, dove ebbe occasione di parlare con il patriarca. Quando seppe del suo desiderio di usare Meteo per uccidere Golbez, il patriarca ammonì Tellah intimandogli di non combattere con la vendetta nel cuore, e gli ricordò anche che, alla sua età, usare Meteo sarebbe stato fatale per lui. Tellah fu però irremovibile, e decise di continuare a seguire Cecil nel suo viaggio: la prossima meta era Baron.
Arrivato nel regno natale di Cecil, il gruppo entrò nel castello per convincere il re a fermare la sua caccia ai cristalli, ma con loro amara sorpresa, il sovrano si rivelò essere in realtà un altro arcidiavolo, Cagnazzo. Sconfitto anche questo nemico, il gruppo fu raggiunto dall'ingegnere Cid, grande amico di Cecil, che si offrì di accompagnarli nel proseguimento del loro viaggio con la sua ultima aeronave, l'Enterprise. Tellah ebbe subito in antipatia il nuovo arrivato, poiché lo aveva chiamato "vecchio", ma il loro conflitto si fermò quando Cagnazzo, in punto di morte, cercò di schiacciare il gruppo tra le mura del corridoio in cui si trovava. Palom e Porom decisero di sacrificarsi, pietrificandosi per bloccare le pareti. Tellah tentò di rimuovere l'incantesimo dai piccoli, ma nulla poteva spezzare una pietrificazione volontaria.

Muore una stellaModifica

Tellah continuò ad accompagnare il gruppo di Cecil e salì a bordo dell'Enterprise. Appena la nave decollò, tuttavia, un vascello delle ali rosse la raggiunse con una bandiera bianca. A bordo c'era Cain, ex amico di Cecil ora agli ordini di Golbez, con un ultimatum: Golbez aveva la ragazza di Cecil, Rosa, tra le sue grinfie, e sarebbe stato disposto a scambiarla solo con il cristallo della terra, l'ultimo ancora fuori dalla portata di Baron.
Senza alcuna alternativa, il gruppo volò verso il pacifico regno di Troia per contrattare la cessione del cristallo. Nell'infermeria del castello, incontrarono Edward, scomparso tempo prima e ritrovato sulle spiagge del regno: Tellah colse l'occasione per chiedere scusa al giovane principe, dicendo che Anna sarebbe stata fortunata al suo fianco. Edward ringraziò il saggio, implorandolo di sconfiggere Golbez anche da parte sua, e seppur convalescente aiutò il gruppo a recuperare il cristallo della terra, protetto da un potente incantesimo nella caverna magnetica.

Con la gemma in proprio possesso il gruppo di Cecil raggiunse quindi la base di Golbez, la torre di Zot, per attuare lo scambio. Una volta che il cristallo fu consegnato, però, lo stregone fece finta di non aver promesso nulla in cambio e fece per andarsene. Questa fu l'ultima goccia per Tellah, che non vide più per la rabbia e si scagliò contro Golbez in un impeto di vendetta: dopo aver lanciato qualche magia contro di lui, senza alcun successo, il saggio ormai in preda alla furia usò tutto il suo potere magico per evocare Meteo.
Sopravvissuto all'incantesimo, ma gravemente ferito, Golbez si stupì alla vista di un tale potere nelle mani di un comune essere umano, e colse l'occasione per ritirarsi dopo aver bloccato un tentativo di attacco da parte di Cecil e aver visto il volto del giovane. Cecil fece per inseguirlo, quando si accorse che Tellah era accasciato a terra: lo sforzo per evocare la magia definitiva era stato troppo grande, e il vecchio saggio capì troppo tardi di essersi lasciato consumare dall'odio. Supplicando i suoi amici di vendicare Anna al posto suo, Tellah esalò l'ultimo respiro tra le braccia di Cid.

Lo spirito di Tellah continuò a vegliare su Cecil e i suoi amici anche dopo la morte, apparendo assieme ad Anna durante lo scontro finale con Zeromus per ridare al gruppo l'energia necessaria a sconfiggere il nemico.

LascitoModifica

Anche se il corpo di Tellah non fu mai ritrovato, una lapide fu eretta in suo onore accanto alla tomba di Anna a Kaipo. La sua fama di grande mago fu il suo lascito più grande, e il suo esempio spinse Palom a intraprendere un viaggio per seguire le sue orme e diventare un saggio come lui.

Diciassette anni dopo la sua morte, lo spirito di Tellah vegliava ancora assieme ad Anna su Edward, divenuto re di Damcyan. Quando il mite sovrano si trovò nella disperazione poiché la sua segretaria Harley aveva contratto la febbre alta, il saggio gli apparve per spronarlo a non abbandonare la ricerca della felicità, per il bene di Anna. Grazie all'incoraggiamento di Tellah, Edward ritrovò la determinazione e trovò anche la soluzione al suo problema.

Gli spoiler finiscono qui.

GameplayModifica

FFIV Tellah

Tellah si unisce alla squadra a livello 20 nelle edizioni 2D del gioco, mentre in quelle 3D è a livello 13. Il suo equipaggiamento iniziale comprende un'Asta e un Completo di Gaia, unito a un'Armilla di ferro nei remake in 3D, e può anche equipaggiare le ferule.
Tellah si unisce alla squadra per la prima volta nelle falde sotterranee, e vi rimane fino alla battaglia automatica con Edward a Damcyan, per poi rientrarvi una seconda volta sul monte dell'ordalia, mantenendo il livello e l'equipaggiamento con cui l'aveva lasciata, e lasciarla permanentemente dopo lo scontro automatico con Golbez nella torre di Zot. Contrariamente agli altri personaggi temporanei, Tellah non potrà mai più rientrare in squadra per motivi di trama, cosa che lo rende uno dei soli due veri e propri personaggi ospiti del gioco, assieme a Fusoya.

Le statistiche di Tellah sono generalmente basse, e alcune di esse sono tra le peggiori del gioco. Caso unico tra i personaggi giocabili, le sue statistiche di Forza e Resistenza diminuiscono man mano che sale di livello, a indicare che l'età avanzata lo sta indebolendo. Nelle versioni 2D, già solo dopo dieci livelli, entrambi i valori scendono a 1, mentre in quelle 3D diminuiscono più gradualmente e arrivano al minimo solo una volta raggiunto il livello 70.
Al suo ingresso in squadra, inoltre, Tellah ha dimenticato tutto tranne una piccola parte del suo effettivo arsenale magico, e solo sulla cima del monte dell'ordalia, dopo che Cecil sarà diventato un paladino, le ricorderà tutte e imparerà Meteo. I suoi PM sono tuttavia permanentemente fissi a 90, in modo da impedirgli di usare Meteo fuori dalla battaglia automatica contro Golbez. È comunque possibile fargliela usare se gli si danno delle Gocce di soma o, nelle versioni 3D, la sublimazione PM + 50%. Questo espediente è tuttavia impossibile da mettere in pratica perché nessuno dei due oggetti può essere ottenuto prima che Tellah abbia lasciato la squadra: è comunque possibile girarci intorno inserendo di nuovo Tellah nel gruppo tramite trucchi o, nelle versioni 3D, ricominciando il gioco in modalità Nuovo gioco + con l'oggetto nell'inventario.

StatisticheModifica

Sprite
FFIV Tellah SNESFFIV Tellah GBAFFIV Tellah PSPFFIV Tellah IOS
Ritratti
FFIV Ritratto Tellah SNESFFIV Ritratto Tellah GBAFFIV Ritratto Tellah PSPFFIV Ritratto Tellah IOS
Versioni 2D

PV - 340
PM - 90
Forza - 5
Rapidità - 8
Resistenza - 7
Acume - 16
Spirito - 16

Versioni 3D

PV - 219
PM - 90
Forza - 6
Rapidità - 7
Resistenza - 8
Acume - 25
Spirito - 23

ComandiModifica

Tellah dispone della speciale abilità comando Flashback, chiamata Ricorda nell'edizione GBA, che rappresenta per buona parte del gioco il solo modo per sfruttare il suo pieno potenziale. A causa dell'età, Tellah ha dimenticato buona parte delle formule magiche, ma usando questo comando sarà possibile fargliene ricordare una: l'abilità sarà scelta a caso, colpirà tutto il gruppo di nemici o alleati a seconda del tipo di magia, e consumerà il suo normale costo in PM. La probabilità di comparsa di una magia è inversamente proporzionale alla sua potenza o utilità, ma esiste anche una probabilità che Tellah non ricordi nulla e sprechi così un turno. La probabilità che Tellah non ricordi nulla è più alta nelle versioni 2D del gioco.
Le magie utilizzabili da Tellah con questo comando variano in base alla versione del gioco, ma nelle versioni 3D sono molte di più e molto più potenti: in particolare, esiste una probabilità molto bassa che usi le magie speciali Bolla, Audacia e Fede, normalmente accessibili solo insegnando la sublimazione Duetto a determinati personaggi. Dopo gli eventi del monte dell'ordalia, Tellah ricorda tutte le sue magie, rendendo Flashback obsoleto: nelle versioni 2D del gioco, da questo momento in poi perde la capacità di usare Flashback, mentre nei remake in 3D continua ad avere accesso ad essa e alle magie speciali che normalmente non potrebbe utilizzare.
Nella versione originale del gioco per Super Nintendo, l'abilità era stata completamente rimossa.

Versioni 2D
Magia Probabilità
Non ricordi nulla 20%
Fuoco 15%
Bufera 15%
Tuono 15%
Rospo 15%
Medusa 5%
Bio 5%
Tornado 5%
Morte 5%
Versioni 3D
Magia Probabilità
Rospo 31%
Fuoco 10%
Bufera 10%
Tuono 10%
Fuoca 6%
Buferara 6%
Tuona 6%
Fuocoga 4%
Buferaga 4%
Tuonaga 4%
Bolla 3%
Fede 3%
Audacia 3%

Nelle versioni 3D del gioco, quando Tellah lascia la squadra per la seconda volta, è possibile raccogliere nella stessa area la sublimazione Flashback, che permette a qualunque personaggio di richiamare le magie nella lista. Se durante il gioco gli è stata fatta apprendere almeno una sublimazione, sarà possibile ottenere anche la sublimazione Tenacia, che permette di raddoppiare la difesa quando si è in stato critico. Se invece ne ha apprese almeno due, si potrà ottenere anche la sublimazione Parlantina, che permette di dimezzare il tempo di caricamento delle magie.

AbilitàModifica

Magia bianca
Magia Livello Magia Livello Magia Livello
2D*SNES, PS, GBA, PSP 3D*DS, iOS, Android, PC 2D*SNES, PS, GBA, PSP 3D*DS, iOS, Android, PC 2D*SNES, PS, GBA, PSP 3D*DS, iOS, Android, PC
Energia Evento Evento Silenzio Evento Default Mini Evento Evento
Blocco Evento Evento Esna Default Default Dissipatio Evento Evento
Scan Evento Evento Berserk Evento Evento Fretta Evento Evento
Lentezza Evento Evento Elusione Default Default Levita Evento Evento
Vista Evento Evento Caos Default Default Reflex Evento Evento
Rinascita Default Default Teleporto Default Default Energija Evento Evento
Egida Evento Evento Guscio Evento Evento Miracolo Evento Evento
Energira Default Default Energiga Evento Evento
Magia nera
Magia Livello Magia Livello Magia Livello
2D*SNES, PS, GBA, PSP 3D*DS, iOS, Android 2D*SNES, PS, GBA, PSP 3D*DS, iOS, Android 2D*SNES, PS, GBA, PSP 3D*DS, iOS, Android
Fuoco Default Default Stop*Non può apprenderla nelle versioni 3D Default Parassita Evento Evento
Bufera Default Default Porcello Evento Evento Buferaga Evento Evento
Tuono Default Default Bio Evento Evento Fuocoga Evento Evento
Morfeo Evento Default Fuoca Evento Evento Tuonoga Evento Evento
Veleno Evento Default Buferara Evento Evento Medusa Evento Evento
Sbalzo Evento Evento Tuona Evento Evento Tornado Evento Evento
Rospo Evento Evento Osmosi Default Default Meteo Evento Evento

EquipaggiamentoModifica

Armi
Ferule Ferula - Ferula gelum - Ferula focum - Ferula di tuono - Ferula evoluta - Ferula fatata - Ferula di Lilith - Ferula stellare
Aste Asta - Asta curativa - Asta di mithril - Asta potente - Asta aurale - Asta runica - Asta del saggio
Protezioni
Scudi Scudo dell'eroe*Solo versioni 2D
Testa Cappello di cuoio - Fascia hachimaki - Cappello piumato - Berretto verde - Cappello a punta - Cappuccio nero - Mitra del saggio - Fiocco - Maschera di vetro - Elmo onion*Solo versioni 3D
Corpo Veste - Veste del recluso - Veste di cuoio - Veste del bardo - Completo di Gaia - Completo kempo - Veste nera - Cintura nera - Veste della luce - Fascia potente - Veste bianca - Corazza adamant
Mani Anello di rubino - Anello maledetto - Armilla di ferro - Armilla d'argento - Armilla runica - Armilla di giada - Anello protettivo - Anello di cristallo

Altre comparseModifica

Articolo principale: Tellah/Altre comparse

Tellah è apparso nei seguenti giochi all'interno della serie Final Fantasy:

EtimologiaModifica

Il nome di Tellah, pronunciato "Tera" in giapponese, può essere ispirato al nome ebraico תֶּרַח (Téraḥ). Terah, o Terach, era il diciannovesimo patriarca biblico e padre di Abramo. Nella lingua ebraica "terah" è anche un modo di dire "vecchio".

CuriositàModifica

  • Tellah è uno di soli due personaggi temporaneamente giocabili di Final Fantasy IV a non poter rientrare nuovamente in squadra nelle fasi finali dei remake 2D del gioco. È inoltre l'unico personaggio giocabile a morire per davvero.
  • Tellah è il primo personaggio giocabile della saga a portare gli occhiali, seguito da Queen di Final Fantasy Type-0 e Ignis Scientia di Final Fantasy XV.
  • I motivi a strisce e a triangoli sui pantaloni di Tellah sono un riferimento alle classi di mago nero e mago bianco, noti rispettivamente per indossare spesso pantaloni a strisce verticali e abiti decorati con triangoli: la presenza di entrambi i motivi indica che Tellah è esperto in entrambe le scuole di magia rappresentate dalle due classi.
  • Tellah, Cid e Fusoya sono i soli personaggi a non apparire nel filmato iniziale in computer grafica delle versioni 3D di Final Fantasy IV, e di conseguenza a non avere un render ufficiale in computer grafica.
  • Benché le loro interazioni nel gioco fossero minime, la guida Final Fantasy IV Settei Shiryou Hen descrive il rapporto tra Tellah e Rydia come quello tra un maestro e un'allieva.
  • Nella prima edizione giapponese e in quella americana di Final Fantasy IV su Game Boy Advance, la battaglia programmata fra Edward e Tellah al castello di Damcyan è affetta da un bug che la fa durare più del dovuto: gli attacchi di Tellah mancano spesso il bersaglio, impedendo allo script di avanzare e di fatto bloccando i progressi del giocatore. Il bug è stato rimosso nella seconda release giapponese e nella versione europea, permettendo alla scena di andare avanti anche se l'attacco non va a segno.
  • Tramite un glitch, nella versione SNES del gioco è possibile evitare del tutto gli eventi del villaggio di Mist. A causa del glitch, Cain non abbandonerà il gruppo e né Rydia né Tellah vi si uniranno mai: questo causerà il crash del gioco al momento dello scontro fra Tellah e Edward a Damcyan.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.