FANDOM


Enorme creatura marina e migliore amica di Faris, nonché principale mezzo di propulsione della sua nave. Non c'è da stupirsi che riesca a navigare anche in totale assenza di vento! Per fortuna, diversamente da quanto avvenuto in passato, questa avventura non si concluderà con uno struggente addio sulla spiaggia.
—Descrizione

Syldra, personaggio originario di Final Fantasy V, è un personaggio secondario apparso in World of Final Fantasy.

Enorme drago marino simile a un plesiosauro, è amica della piratessa Faris da quando erano piccole, ed è legata a lei da una terribile tragedia avvenuta molti anni prima. Membro di una specie in via d'estinzione, Syldra traina senza alcun problema la nave di Faris, permettendole di navigare anche in totale assenza di vento, e può anche usare la sua straordinaria forza per difendere la nave da chiunque sia così sprovveduto da tentare di rubarla.

ProfiloModifica

Syldra è rappresentata come una versione più stilizzata della sua incarnazione del gioco originale: è un gigantesco drago marino dalla lucida pelle viola chiaro a pallini rossi, con quattro enormi pinne membranose e una lunga coda. La parte sotto del corpo è di colore azzurrino, ai lati del muso presenta due creste composte da spuntoni blu uniti da membrane azzurre, e una terza cresta più grande percorre la parte superiore del collo. La schiena è percorsa fino alla coda da una fila di protuberanze arancioni, e altre spine di questo tipo sono presenti sulle articolazioni delle pinne.

StoriaModifica

Orphan (crisi)Pericolo Spoiler: Seguono dettagli su trama e/o finale. (Salta sezione)

L'ultimo drago marinoModifica

Syldra era un esemplare di una grande famiglia di draghi marini che vagavano per l'oceano di Grymoire. La sua vita prese una piega tragica quando uno scontro tra la regina del mare Leviathan e il suo rivale Bismarck causò la morte dell'intero branco a parte lei.
Diversi decenni dopo, Syldra rimase bloccata in una secca e rischiò di cedere sotto il proprio peso, finché Faris, all'epoca ancora bambina, non riuscì a smuoverla. Il bisnonno della ragazza, il capitano Tycoon, era perito nelle stesse circostanze in cui Syldra aveva perso la sua famiglia, e Faris si trovò quindi in qualche modo legata all'enorme bestia che aveva appena salvato: le due decisero che un giorno si sarebbero vendicate su Leviathan. Con il passare degli anni, Syldra e Faris divennero amiche inseparabili, e il drago aiutò la giovane piratessa a muoversi per mare trainando la sua nave quando non c'era vento.

L'arrivo dei gemelliModifica

Oltre a trainare la nave di Faris, Syldra aveva anche il compito di difenderla da potenziali ladri quando la sua ciurma di moguri non era sufficiente a cacciarli. Un'occasione simile si presentò quando due visitatori un po' particolari si intrufolarono sulla nave ormeggiata nel porto di Saronia con l'intenzione di rubarla: erano Lann e Reynn, due gemelli jiganti che si vociferava fossero i mitici "jiganti dei colli" di cui parlavano le profezie di Grymoire.
I due, accompagnati dai loro miraggi, sconfissero facilmente la ciurma di Faris, ma la piratessa accorse tempestivamente per dare loro una lezione, chiamando Syldra al suo fianco. Il potere dell'enorme drago fu semplicemente troppo per i due ragazzi, ma prima che potesse sferrare il colpo di grazia, un altro ospite inatteso si palesò sulla nave: il governatore di Saronia, arrivato in cerca dei gemelli. Quando il governatore si rivelò essere una guardia federata della Federazione Bahamut, Faris rivolse Syldra contro di lui e il drago usò il suo potente attacco Tempesta di tuoni per spazzarlo via all'istante. Dopo un po' di spiegazioni, Faris comprese le intenzioni di Lann e Reynn, e si offrì di aiutarli a trovare un passaggio per i Marbassi, dove avrebbero potuto continuare il loro viaggio.

Giustizia è fattaModifica

Diverso tempo dopo l'incontro con i gemelli, Faris venne a sapere che Leviathan era riapparsa nei Marbassi, e colse quindi l'occasione per vendicare la morte del suo bisnonno e della famiglia di Syldra. Syldra, Faris e Mog discesero fino ai Marbassi, non senza qualche scossone, e raggiunsero la riva Arcobaleno dove si diceva fosse stato avvistato il demone del mare. Qui, il trio s'imbatté in Tharty, un gentile adamanthart che conosceva molto bene quelle acque e si offrì di chiamare Leviathan per conto loro.
La regina dei mari si palesò davanti a Faris e Syldra, chiedendo il motivo di tanto chiasso, e Faris la sfidò reclamando la sua vendetta per il capitano Tycoon e la famiglia di Syldra. Leviathan chiese perché volessero vendicarsi su di lei, visto che in realtà era stato Bismarck a compiere il misfatto, ma sapendo che spiegarlo a una ragazza la cui famiglia covava un grande odio verso di lei da generazioni non avrebbe cambiato nulla, decise di assecondare Faris e porre fine alle sue sofferenze accettando la sfida. Grazie all'aiuto di Lann e Reynn, Syldra e Faris sconfissero Leviathan, che finse di morire per evitare che la cercassero di nuovo.

Almeno a livello simbolico, giustizia era stata fatta, Faris e Syldra erano ormai in pace con la loro vendetta e poterono ritornare in mare verso nuove avventure.

Gli spoiler finiscono qui.

GameplayModifica

Articolo principale: Syldra (World of Final Fantasy boss)

Syldra è affrontata come boss sulla nave pirata di Faris durante il capitolo 8, assieme alla stessa Faris, ed è considerata un nemico di taglia L. Questo boss è semplicemente troppo potente per il punto del gioco in cui è incontrato: Syldra e Faris compongono una pila quasi impossibile da sbilanciare, e l'attacco Tempesta di tuoni di Syldra manderà quasi certamente KO il gruppo al primo colpo. Fortunatamente, la sconfitta del gruppo farà continuare la storia ugualmente.

Nella versione originale del gioco, Syldra è uno dei pochi miraggi che non possono essere in alcun modo ottenuti dal giocatore, ma nelle fasi avanzate del gioco è comunque possibile imprismare un miraggio dotato delle stesse abilità, l'elasmo. A partire dall'espansione World of Final Fantasy Maxima, Syldra può essere affrontata e imprismata nell'Arena: questa versione, pur essendo sempre un miraggio di taglia L, è più piccola di quella affrontata durante la storia, ed è identificata come Syldra ★.

File dei personaggiModifica

Tratti distintivi
Migliore amica di Faris, è la vera fonte di energia della sua nave.

La stirpe delle serpi
Per quanto possa sembrare un miraggio unico nel suo genere, in realtà Syldra faceva parte di una famiglia molto più grande. La sua stirpe è ormai scomparsa, ma da qualche parte, a Gymoire, sembra ancora esistere un dragone marino suo lontano parente, l'elasmo.

Abilità incredibili
Syldra è in grado di trascinare una nave nell'oceano, sbaragliare un plotone di soldati Bahamut con un solo colpo e persino attraversare i Marbassi senza alcun aiuto. Non è stata invocata a Grymoire e la sua condizione è ben dissimile da quella di un animale domestico troppo cresciuto. Faris la trovò in difficoltà in qualche secca e, dopo aver superato insieme numerose avversità, le due diventarono amiche inseparabili.

AllusioniModifica

  • Come nel gioco originale, anche a Grymoire Faris conosce Syldra da quando era piccola. I ruoli nel loro primo incontro sono però invertiti: nel gioco originale fu Syldra a salvare Faris quando rischiò di annegare in una tempesta.
  • La descrizione di Syldra nella miraggiopedia afferma che nel gioco la sua storia non si concluderà con "uno struggente addio sulla spiaggia", riferendosi alla morte di Syldra nel gioco originale e all'addio di Faris sulla spiaggia di Walz.

CuriositàModifica

  • Syldra ha in comune con Shiva-Ixion la particolarità di essere un miraggio unico nel suo genere, e di essere legato a un abitante di Grymoire in modo diverso da quello che lega un famiglio al suo invocatore. Sia Syldra che Shiva-Ixion non potevano essere imprismate dal giocatore prima dell'espansione World of Final Fantasy Maxima.
  • Contrariamente a Faris, la cui anima è quella del personaggio originale di Final Fantasy V, Syldra sembra essere espressamente nativa di Grymoire. Questo significherebbe che non è destinata a morire allo stesso modo della sua controparte originale, come invece si dice accada per gli aspiranti.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.