FANDOM


Sister Ray

Il Sister Ray è una gigantesca arma apparsa nel mondo di Final Fantasy VII. Nella sua prima apparizione è conosciuta semplicemente come Cannone mako.

Questo imponente cannone è stato costruito dalla compagnia elettrica Shinra nella città costiera di Junon, anche se gli effettivi propositi non sono mai stati spiegati. Inizialmente alimentato dalla materia densa presente nel reattore mako della città, è in seguito spostato nella città di Midgar, dove può ricevere energia dagli otto reattori della megalopoli.

I colpi del Sister Ray possono distruggere intere città e addirittura gli enormi mostri chiamati Weapon, e possono percorrere distanze considerevoli senza perdere forza. In proporzione alle dimensioni di Junon, il cannone sembra essere lungo diverse centinaia di metri, e quando è trasferito a Midgar appare ancora più grande.

StoriaModifica

Orphan (crisi)Pericolo Spoiler: Seguono dettagli su trama e/o finale. (Salta sezione)

JunonModifica

Il cannone mako di Junon fu probabilmente costruito qualche tempo prima della guerra di Wutai, ma non ne fu mai attestato l'uso in alcuna occasione. Con il suo completamento, tuttavia, l'intera struttura che lo componeva, così come il resto della città, fu ricreata al computer per essere usata nelle sale di addestramento olografiche della Shinra, ed era particolarmente apprezzata dai SOLDIER 1ª classe Angeal Hewley, Genesis Rhapsodos e Sephiroth: ogni volta che si allenavano con quella simulazione, il cannone finiva sempre tagliato a fettine dai poderosi colpi di spada e dalle onde d'urto che emettevano.

Il cannone fu finalmente messo in uso nel dicembre dell'anno 0007: alcuni dirigenti della Shinra si trovavano a Junon per giustiziare in una camera a gas i membri del gruppo eco-terroristico Avalanche Barret e Tifa, quando una delle Weapon risvegliate dal Pianeta, Sapphire Weapon, attaccò la città. Il primo colpo non riuscì a penetrare la corazza della creatura, che in risposta lanciò un raggio che colpì le mura alte della fortezza, dove era imprigionata Tifa. La Weapon si preparò a caricare un secondo attacco, ma gli operatori fecero in tempo a ricaricare il cannone per sparare un secondo colpo, che questa volta centrò in pieno la testa della bestia, uccidendola.
Tifa uscì dal buco causato dall'attacco della Weapon e, cercando i suoi compagni, si ritrovò sul cannone stesso, dove fu intercettata dalla dirigente Shinra Scarlet. Le due donne si scontrarono per qualche minuto a suon di schiaffi, ma Tifa riuscì a fuggire quando Barret e il resto di Avalanche arrivarono con l'aeronave Highwind e la trassero in salvo.

MidgarModifica

Con l'avvicinarsi di Meteor al pianeta e nessuna Weapon nelle vicinanze, la Shinra decise di attuare due piani per debellare la minaccia una volta per tutte: la materia densa fu caricata a bordo di un sommergibile per essere inserita nel razzo Shinra n. 26, mentre il cannone mako fu deassemblato e trasferito nella città di Midgar, dove avrebbe potuto avere ancora più energia grazie agli otto enormi reattori mako della città. Il cannone fu ribattezzato Sister Ray e fu diretto verso il cratere nord, dove si trovava la causa dell'invocazione di Meteor e del risveglio delle Weapon: Sephiroth.
Il presidente Rufus Shinra ripose tutta la sua fiducia nel piano, contando che solo il colpo del cannone avrebbe potuto distruggere il campo di forza che proteggeva Sephiroth. Il cannone sparò un potente colpo proprio mentre un'altra Weapon, Diamond Weapon, stava per assediare Midgar: il colpo distrusse la Weapon e colpì il cratere nord, distruggendo il campo di forza.

Sfortunatamente, prima di essere distrutta, Diamond Weapon era riuscita a lanciare un attacco a distanza contro il quartier generale Shinra, causando l'apparente morte del presidente Rufus. Senza di lui, la compagnia e l'intera Midgar caddero nel caos, i dirigenti cercarono di difendere la città da possibili attacchi schierando le armi più potenti e, non visto, il professor Hojo si fece strada fino al pannello di controllo del Sister Ray.
Il gruppo di Avalanche riuscì a entrare nella città e raggiungere il cannone, dove Hojo rivelò loro le sue vere intenzioni: voleva sparare un altro colpo alla massima potenza, in modo che Sephiroth, che rivelò essere suo figlio, potesse assorbirlo e ottenere più potere... anche se questo avrebbe potenzialmente distrutto l'intera Midgar. Prima che accadesse l'irreparabile, il gruppo affrontò e uccise Hojo, disattivando poi il cannone in via definitiva.

DistruzioneModifica

Il Sister Ray fu reso definitivamente inutilizzabile quando Meteor fu a un passo dallo schiantarsi su Midgar: anche se il flusso vitale del pianeta aveva arrestato la caduta della meteora, il cannone e qualunque altro meccanismo fu danneggiato al punto tale da non poter più essere riparato.

Durante la caduta di Meteor, Vincent Valentine, impegnato con le procedure di evacuazione, rilevò segni di vita nei pressi della piattaforma di controllo del cannone. Quando arrivò per vedere di cosa si trattasse, vide quello che sembrava Hojo seduto al pannello dei comandi. Prima che potesse sparargli un colpo, Vincent fu distratto dalla caduta di un'impalcatura, e quando si girò il suo bersaglio era sparito. Convinto di aver visto male, se ne andò prima che la scalinata della piattaforma gli crollasse sotto i piedi, mentre il computer sulla piattaforma completava l'esecuzione di un certo programma Fragment.

Gli spoiler finiscono qui.

GameplayModifica

NemiciModifica

Base (schermata 1)
Base (schermata 2)
Livello superiore
Sala controllo

EtimologiaModifica

Il nome Sister Ray è probabilmente ispirato a una canzone dei Velvet Underground con lo stesso titolo, introdotta nel loro album White Light/White Heat.

CuriositàModifica

  • Il Sister Ray è una delle armi più potenti mai costruite dall'uomo in tutta la serie di Final Fantasy. Solo armi come il Cannone Zeus di Final Fantasy: The Spirits Within, Vegnagun di Final Fantasy X-2, il cannone della fortezza aerea Bahamut in Final Fantasy XII e il cannone SP di Bravely Second: End Layer possono essere altrettanto potenti.
  • Quando è posizionato a Midgar per attaccare il cratere nord, il Sister Ray non è puntato contro di esso nella mappa del mondo. Se il giocatore prova ad andare in linea retta con l'aeronave nella stessa direzione in cui è puntato, mancherà non solo il cratere, ma l'intero continente nord. Anche tenendo in considerazione la rotazione del pianeta, probabilmente simile a quella terrestre, è molto difficile che il colpo possa centrare il cratere da quell'angolazione.
  • Anche se Scarlet afferma che il cannone mako è stato ribattezzato "Sister Ray" dopo che è stato trasferito a Midgar, il nome "Sister Ray" è già presente sul cannone quando si trova a Junon.
  • Se si apre il menù quando ci si trova sul cannone, il nome del luogo è scritto "Canon" invece che "Cannon".
  • Il Sister Ray è menzionato come una delle possibili risposte a una delle domande di Spremicervello in Final Fantasy XIII-2.
  • Un vecchio concept art del Tiny Bronco lo rappresenta con la scritta "Sister Ray" sul telaio.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.