Icona Gabranth 1.png Gabranth: Perché rinunci a ciò di cui devi avere più cura?
L'articolo necessita di essere completato: provvedi usando il tasto Modifica.


Primo e più potente tra i SOLDIER, Sephiroth si distinse nella guerra contro Wutai tanto da guadagnarsi la fama di eroe e ispirò decine di giovani a unirsi al corpo d'élite della Shinra. Ufficialmente è morto nel corso di una missione top secret, ma nessuno sa in quali circostanze.
—Descrizione

Sephiroth è l'antagonista principale di Final Fantasy VII e uno dei personaggi principali della Compilation di Final Fantasy VII.

Originariamente il più potente del corpo speciale SOLDIER della compagnia elettrica Shinra, Sephiroth era considerato il migliore combattente sulla faccia del pianeta, idolatrato da gente comune, soldati e addirittura dagli stessi membri di SOLDIER. Dopo aver scoperto gli orribili esperimenti che lo avevano creato, Sephiroth perse completamente la ragione e iniziò a odiare profondamente la razza umana. Durante gli eventi del gioco, cinque anni dopo la sua presunta morte, la sua misteriosa figura ritorna a far parlare di sé, lasciando una scia di morte ovunque passi.

Sephiroth svolge il ruolo di cattivo principale nel suo gioco d'origine, e torna a rivestire il ruolo anche nel film in computer grafica Final Fantasy VII: Advent Children, che per quasi tutta la sua durata preannuncia il suo trionfale ritorno. Il personaggio nella sua essenza è tuttavia esplorato maggiormente nel prequel spin-off Crisis Core -Final Fantasy VII-, che rivela alcuni dettagli del suo periodo in SOLDIER, incluso l'influsso che ha avuto sulla vita dei protagonisti e la sua grande amicizia con altri due 1ª classe, Angeal e Genesis.

Sephiroth ritorna al suo ruolo di antagonista principale in Final Fantasy VII Remake, in cui il suo impatto sulla trama è largamente espanso: mentre nel gioco originale la sua presenza era solamente menzionata nella parte ambientata a Midgar, in questa versione appare fisicamente sin dal primo episodio e si rivela una figura ben più ambigua e misteriosa rispetto alla sua comparsa originale.

Sephiroth è considerato uno dei più popolari personaggi di tutta la saga di Final Fantasy, grazie al suo aspetto iconico e a una sorta di carisma innato, e ciò gli ha permesso di apparire in un gran numero di media, anche non direttamente legati alla saga. Sephiroth appare come personaggio giocabile malvagio in Dissidia Final Fantasy e Dissidia 012 Final Fantasy, è apparso successivamente in numerosi titoli spin-off, e ha avuto anche apparizioni nel picchiaduro crossover Ehrgeiz, dove era un personaggio sbloccabile, e nei due capitoli centrali della saga parallela di Kingdom Hearts, dove aveva il ruolo di potente boss opzionale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Orphan (crisi).pngPericolo Spoiler: Seguono dettagli su trama e/o finale. (Salta sezione)

Nascita[modifica | modifica sorgente]

Lo sapevo, sin da quando ero bambino. Non ero come gli altri. Sapevo che la mia esistenza era speciale. Ma questo... non è ciò che intendevo.
—Sephiroth

Sephiroth nacque dall'unione del professor Hojo e dalla professoressa Lucrecia Crescent approssimativamente ventisette anni prima degli eventi di Final Fantasy VII. Prima della sua nascita, i suoi genitori lavoravano come assistenti del professor Gast, lo scienziato di punta della compagnia elettrica Shinra, sul Progetto Jenova. Il progetto era finalizzato a studiare una misteriosa creatura extraterrestre nota come Jenova, che Gast aveva erroneamente classificato come appartenente all'antica razza Cetra. Interessato a scoprire la verità sotto tutto questo, Hojo iniettò campioni di cellule di Jenova nel feto che Lucrecia portava in grembo. Quando la gravidanza fu completa, il piccolo fu portato via prima che Lucrecia avesse la possibilità di vederlo. Hojo lo chiamò Sephiroth.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Sephiroth crebbe senza sapere mai la verità sulla sua origine, addestrato dalla Shinra per diventare un super soldato. La sola cosa che sapeva era che sua madre si chiamava Jenova, ma non conosceva altro. La sola persona che vedeva come una figura paterna era il professor Gast, fino a quando non se ne andò dalla Shinra per poi sparire misteriosamente dalla circolazione.
Entrando nella divisione SOLDIER, Sephiroth non impiegò molto a divenire soldato di prima classe: si dimostrò in grado di affrontare da solo interi gruppi di soldati ben addestrati, SOLDIER inclusi, e col passare del tempo iniziò ad essere venerato come un eroe. La sua fama toccò la vetta più alta quando riuscì a portare alla sua conclusione la guerra di Wutai espugnando la roccaforte di forte Tamblin, proprio all'alba di un nuovo millennio.
Sephiroth era consapevole fin da piccolo di essere diverso dagli altri, ma non si immaginava quanto davvero fosse diverso.

Il Presidente Shinra imparò presto a considerare Sephiroth il suo miglior soldato, e lo chiamò in numerose occasioni, come durante l'attacco di Avalanche a Junon, il 30 febbraio 0001. Durante quell'evento, Sephiroth incontrò per la prima volta un avversario in grado di tenergli testa: il leader di Avalanche, Elfé. Questi gli chiese se avesse mai voluto qualcosa per cui combattere, dal momento che questo sembrava avere un influsso impressionante sul suo modo di agire: in futuro, il fatto di avere una ragione per combattere avrebbe trasformato Sephiroth in una minaccia per il pianeta stesso.
Più di un anno dopo, Sephiroth sventò nuovamente una minaccia di Avalanche, salvando il professor Hojo da un attacco al palazzo Shinra.

Durante il suo periodo in SOLDIER, il giovane conobbe Angeal Hewley e Genesis Rhapsodos, che scalarono le vette dell'organizzazione con lui, diventando prima rivali e poi profondi amici. Durante uno scontro con loro nella stanza delle simulazioni, Sephiroth si dimostrò più forte di entrambi, ma lo scontro si concluse in parità quando Angeal fermò la simulazione temendo che qualcuno si facesse male. Genesis si era ferito lievemente durante lo scontro ma, per qualche strano motivo, la ferita peggiorava anziché guarire. Quando il ragazzo dovette essere operato, Sephiroth provò a donare il suo sangue per aiutarlo, ma a quanto pare non era compatibile. Non passò molto tempo che Genesis disertò la Shinra, portando con sé un nutrito numero di SOLDIER di seconda e terza classe.
Quando l'ormai ex SOLDIER ricomparve, era chiaro che era diventato un nemico della Shinra, e perciò andava eliminato con tutte le forze. Sephiroth non si sentiva in grado di attaccare uno dei suoi migliori amici e, quando gli fu chiesto di andare a Banora per rintracciarlo, rifiutò la missione. In seguito si fece chiaro che presto anche Sephiroth avrebbe lasciato la Shinra, e lui stesso diede ad intendere di volerlo fare quando gli fu affidata quella che sarebbe stata la sua missione finale. Obiettivo: top secret. Destinazione: Nibelheim.

L'incidente di Nibelheim[modifica | modifica sorgente]

Tanto tempo fa, questo pianeta fu colpito da una catastrofe. I vostri antenati sopravvissero spostandosi spesso e nascondendosi impauriti. Il pianeta evitò una fine certa grazie al sacrificio dei Cetra. Dopo di che, la vostra razza si moltiplicò e assunse il controllo del pianeta, come se nulla fosse accaduto. Ormai i Cetra sono solo un ricordo custodito dalle pagine della storia. Non capisci? Abbiamo Jenova, un Antico rinvenuto in uno strato roccioso risalente a 2000 anni fa. E poi abbiamo il Progetto Jenova. L'obiettivo del progetto era creare un essere umano dotato del potere dei Cetra. E così crearono me.
—Sephiroth

La missione affidata a Sephiroth consisteva nell'ispezionare il reattore mako fuori del villaggio. Il SOLDIER arrivò a Nibelheim con pochi soldati: tra loro c'erano un suo collega SOLDIER, Zack Fair e un giovane fante di nome Cloud. Arrivato al reattore, Sephiroth trovò una serie di capsule contenenti delle creature misteriose, che comprese essere umani mutati da quantità eccessive di mako, e una porta su cui stava scritto un nome familiare: JENOVA. Quando Zack ipotizzò una connessione tra i SOLDIER e le creature, Sephiroth rimase sgomento e deluso, capendo che il solo motivo per cui era così diverso e speciale era perchè era nato dai resti di un mostro.
In quel momento, Sephiroth si trovò faccia a faccia con Genesis. Il redivivo SOLDIER gli rivelò parte della verità sulle sue origini, parlando dei Progetti Jenova G ed S e dell'intenzione di Hojo di creare il "mostro perfetto": gli chiese di condividere le sue cellule perfette con lui, in modo da bloccare la sua degenerazione, e gli promise che, se si fosse unito a lui, avrebbero beneficiato entrambi del "dono della dea". Sephiroth non volle credere alle parole di Genesis, e gli augurò di marcire come meritava prima di incamminarsi verso il villaggio.

Sephiroth passò la settimana successiva rintanato nel sotterraneo del maniero Shinra, leggendo tutti i libri e i fascicoli presenti al suo interno e chiedendosi perchè, per tutti quegli anni, tutti, compreso il professor Gast, gli avessero tenuta nascosta la verità. Col passare del tempo, Sephiroth comprese sempre più riguardo le sue origini e le origini di Jenova, e si convinse di essere, in quanto "figlio" suo, colui che avrebbe dovuto portare a termine la missione che essa aveva interrotto. Jenova era stato classificato come Antico, ma questa era solo parte della verità: per Sephiroth era comunque abbastanza per comprendere di essere il "Prescelto", colui che avrebbe reclamato il pianeta strappato a Jenova dagli uomini 2000 anni prima, colui che avrebbe vendicato i Cetra lasciati soli dagli uomini codardi durante la misteriosa calamità.
Impazzito, Sephiroth diede alle fiamme il villaggio di Nibelheim, provocando decine di vittime, e si diresse nuovamente al reattore Mako, seguito da Tifa Lockhart, il padre della ragazza, Zack e Cloud. Tifa estrasse la Masamune dal cadavere del padre e cercò di attaccare Sephiroth, ma il SOLDIER era troppo forte e la scaraventò giù dalla rampa del reattore. Intenzionato a liberare sua "madre" dalla capsula, Sephiroth fu affrontato da Zack, sopraggiunto poco dopo, ma anch'egli fu sconfitto al termine di una cruenta battaglia. Dopo aver rimosso lo scudo che proteggeva Jenova, Sephiroth si fermò un momento a contemplarla... tanto quanto bastò perchè Cloud raccogliesse la spada di Zack e trafiggesse Sephiroth con un colpo secco.

Ancora vivo, ma gravemente ferito (la spada era tanto spessa che lo aveva quasi tagliato in due), Sephiroth mozzò la testa a Jenova e tentò di dileguarsi con essa, ma Cloud lo seguì e cercò di dargli il colpo di grazia. Il SOLDIER lo scaraventò contro una parete per tutta risposta, e poi lo trafisse al petto con la sua lunga spada. Cloud, dimostrando un'impressionante forza di volontà e resistenza, riuscì però a rialzarsi e usare la Masamune come leva per sollevare il ben più leggero Sephiroth, e scaraventarlo nel pozzo del reattore. Il leggendario SOLDIER precipitò nel mako, trovando la morte nel flusso vitale del pianeta. Le notizie ufficiali lo dichiararono morto in azione.

Viaggio nel flusso vitale[modifica | modifica sorgente]

La volontà di Sephiroth e le cellule di Jenova erano però troppo forti perchè il flusso vitale potesse consumarlo completamente e, anzichè svanire, lo spadaccino viaggiò insieme al flusso vitale, guadagnando sempre più potere e accrescendo la sua conoscenza della storia del pianeta. Durante gli anni che seguirono, Sephiroth apprese la verità su Jenova, scoprendo di essere in effetti ancora più in alto degli Antichi. Alla fine il suo viaggio si concluse nel cratere nord, dove si schiantò il meteorite di Jenova 2000 anni prima, e qui il corpo fisico di Sephiroth si ricompose all'interno di un guscio di mako. Inebriato dal potere, Sephiroth era divenuto in grado di manipolare le cellule di Jenova che componevano il suo corpo, e per estensione manipolare chiunque fosse in stretto contatto con esse.

Il professor Hojo, interessato a questo fenomeno, iniettò le cellule di Jenova in tutti i sopravvissuti dell'incidente di Nibelheim, compresi Cloud e Zack (Tifa e pochi altri riuscirono a salvarsi grazie a Zangan), trasformandoli a tutti gli effetti in copie di Sephiroth. Auspicabilmente, in futuro Sephiroth avrebbe dato inizio a un processo di unione, che avrebbe portato le copie a ricongiungersi a lui: Hojo non vedeva l'ora che questa sua teoria fosse messa alla prova.

Il ritorno[modifica | modifica sorgente]

Cinque anni dopo la sua presunta morte, nel dicembre 0007, Sephiroth tornò a far parlare di sè. La maggior parte delle copie iniziò ad accusare strani sintomi, come se qualcuno li stesse controllando: l'unione era cominciata.
I resti del corpo di Jenova, trasportati dal reattore di Nibelheim al palazzo Shinra, si liberarono dalla capsula di contenimento e presero la forma fisica di Sephiroth, che entrò nella sala conferenze del palazzo uccidendo il presidente Shinra con la Masamune. Perchè l'unione avesse effetto, tutte le copie dovevano essere presenti, ogni cellula doveva tornare alla sorgente, perciò Jenova/Sephiroth liberò Cloud, tenuto prigioniero nel palazzo assieme ai membri della seconda Avalanche. Cloud, all'epoca plagiato mentalmente dai ricordi del defunto Zack, decise di scoprire se Sephiroth fosse davvero tornato e partì alla sua ricerca: doveva tornare a Nibelheim, e scoprire cosa fosse successo.

Sephiroth apparve davanti al gruppo sulla nave cargo della Shinra, dove rilasciò un frammento di sè per attaccarli e menzionò il processo di unione. In seguito, nel tempio degli Antichi, lo spadaccino redivivo ferì gravemente il Turk Tseng e in seguito apparve davanti a Cloud, spiegandogli il suo piano: dal momento che il pianeta usa il flusso vitale per guarire le proprie "ferite", e quella causata dal meteorite di Jenova non era ancora rimarginata del tutto, un altro colpo delle stesse proporzioni avrebbe fatto intervenire tutto il flusso vitale del pianeta in una volta. Sephiroth pianificava di attendere proprio quel momento per assorbire il flusso vitale e diventare un'autentica divinità. Per poter ferire il pianeta era necessario qualcosa che gli Antichi avevano nascosto, qualcosa che si trovava proprio in quel tempio: la materia nera. La materia nera permetteva a chi la usasse di invocare la magia proibita Meteor, il cui impatto sarebbe servito al suo scopo.
Quando Cloud riuscì ad impossessarsi della materia nera, grazie all'eroico sacrificio di Cait Sith, Sephiroth prese il controllo della sua mente per reclamare la preziosa sfera, e nulla valse l'intervento di quel poco di forza di volontà che gli era rimasto per impedire a Cloud di consegnargliela.

La discesa di Meteor[modifica | modifica sorgente]

A quel punto, era rimasta solo una speranza: la magia suprema Sancta. Questa magia non era mai stata invocata da nessuno, e solo i Cetra ne conoscevano i segreti. Aerith Gainsborough, amica di Cloud e ultima vera discendente dell'antico popolo, decise quindi di andare da sola nella capitale dimenticata per eseguire l'invocazione della magia ed arrestare la discesa di Meteor. Jenova prese il controllo di Cloud per spingerlo ad ucciderla, ma questa volta il giovane riuscì a resistere. Al culmine della tensione, però, una proiezione di Sephiroth apparve dall'alto e impalò la giovane donna con la Masamune, uccidendola sul colpo.
L'invocazione di Sancta era completa, ma la sola presenza di Sephiroth relegava la magia all'interno del pianeta. Cloud e il suo gruppo continuarono a seguirlo fino a raggiungere il luogo in cui l'unione avrebbe avuto inizio: il cratere nord. Qui, la proiezione di Sephiroth uccise pian piano le copie radunatesi lì e assorbì le loro cellule. Ora mancava solo Cloud. Cloud affrontò la proiezione di Sephiroth, che si trasformò in un essere orribile, e riuscì a sconfiggerla e recuperare la materia nera. In quel momento, però, Sephiroth attaccò la mente di Cloud, proiettandolo nei suoi ricordi e mettendolo di fronte alla realtà che la sua memoria aveva cancellato: in realtà, Cloud non era il grande e coraggioso SOLDIER che diceva di essere, ma un semplice e insulso fante che lo aveva ucciso per pura fortuna. Per rincarare la dose, lo spadaccino cercò di convincere Cloud di non essere niente altro che un guscio, un ammasso di cellule di Jenova congregate nel corpo di un essere umano.

Sephiroth aveva ormai Cloud in pugno, e attraverso un'illusione di Tifa convinse gli altri membri di Avalanche a consegnargli di nuovo la materia nera. Cloud avvicinò la sfera al corpo fisico di Sephiroth e questo lo risvegliò, portando a termine l'unione e invocando Meteor. Il cratere collassò e il gruppo di Cloud fu costretto a fuggire con Rufus Shinra e la sua scorta, che ne approfittarono per catturarli. Il pianeta, per rispondere alla minaccia, liberò le creature note come Weapon e le scatenò in tutto il mondo. Con Cloud fuori causa e i custodi del pianeta che rallentavano i suoi nemici, Sephiroth non doveva far altro che aspettare pazientemente che Meteor facesse il suo lavoro; nel frattempo, il suo corpo iniziò a mutare forma.
Giorni più tardi, Cloud riuscì a riprendersi e ripartì alla carica per sconfiggere definitivamente Sephiroth, ricevendo un inaspettato aiuto dalla Shinra: Hojo voleva velocizzare il processo di assorbimento del flusso vitale sparando un raggio di mako sul cratere nord tramite il cannone Sister Ray. Il colpo causò però danni minimi, ma comunque sufficienti perchè la barriera che proteggeva il cratere cadesse. Quello era il momento di attaccare.

La fine[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo di Cloud si addentrò nelle profondità del cuore planetario, dove trovarono Sephiroth che con il suo bozzolo protettivo bloccava l'azione di Sancta. Lo spadaccino apparve nuovamente davanti a loro dopo che essi ebbero sconfitto l'ultimo frammento di Jenova e si rivelò a loro nella forma di Safer∙Sephiroth, ormai quasi completa. Il gruppo riuscì comunque a sconfiggerlo, ma ancora non era finita: la mente di Sephiroth era diventata forte abbastanza da sopravvivere senza il corpo, e trasportò Cloud in una dimensione metafisica, dove tentò un'altra volta di prendere il controllo della sua mente ed unirsi a lui. Cloud questa volta riuscì a resistere, e sferrò il colpo di grazia con la sua tecnica finale. Ormai completamente sconfitto, Sephiroth si dissolse in un bagliore di luce scomparendo per sempre nel flusso vitale... o almeno, così sembrava.

Il geostigma[modifica | modifica sorgente]

Durante lo scontro finale con Cloud, Sephiroth riuscì a trasferire parte della sua essenza nel flusso vitale, contaminandolo con le cellule di Jenova. Chiunque fosse entrato in contatto con il flusso vitale contaminato sarebbe stato intaccato, e avrebbe portato con sè un pezzo di Sephiroth, che si manifestava attraverso delle piaghe sulla pelle che prendevano il nome di geostigma. Ormai l'uomo un tempo venerato come un eroe non era più in grado di ricomporre il suo corpo, ma non tutto era perduto.
Sapendo che qualche rimasuglio del corpo originale di Jenova era ancora presente nel cratere nord, Sephiroth usò i suoi stessi ricordi, distorti dalla paura degli spiriti presenti nel flusso vitale, per generare tre avatar, Kadaj, Yazoo e Loz, il cui compito era trovare i resti di Jenova e dare inizio a una nuova unione.

La seconda unione[modifica | modifica sorgente]

Ne è passato di tempo... Cloud.
—Sephiroth rinato

Più di un anno dopo la scomparsa di Sephiroth, il geostigma era diventato una piaga a livello mondiale, con decine di migliaia di infetti e un gran numero di vittime. La gente attribuì la piaga all'energia mako, dimenticando che aveva convissuto con essa per decenni, ma solo in pochi erano davvero consapevoli di ciò che fosse in realtà: la causa delle ferite era una reazione allergica alle cellule di Jenova presenti nel flusso vitale. Anche Cloud era affetto da questa malattia, e il suo precedente legame con Sephiroth gli causava continue visioni che turbavano la sua mente.

Le tre incarnazioni di Sephiroth iniziarono i preparativi per la nuova unione, credendo di essere guidati dalla volontà di Jenova, quando in realtà era Sephiroth stesso a controllarli. La vera natura del piano di Sephiroth era ignota ai tre cloni, che desideravano semplicemente riunirsi alla "madre".

Al culmine di un duello contro Cloud, Kadaj si unì con ciò che rimaneva della testa di Jenova, sottratta alla Shinra, e riportò in vita Sephiroth con grande sorpresa del suo avversario. Tornato alla carica, Sephiroth spiegò quale fosse il suo intento questa volta: gli spiriti delle vittime del geostigma si sarebbero riuniti al flusso vitale del pianeta, e col tempo lo avrebbero contaminato fino a corroderlo. Il suo obiettivo era ripetere la storia, salpando per le tenebre del cosmo con il pianeta come vascello, in cerca di un nuovo mondo dove costruire un futuro radioso, proprio come fece Jenova 2000 anni prima.

Sephiroth e Cloud combatterono un'epica battaglia tra i palazzi del centro di Midgar, durante la quale lo spadaccino esibì i suoi nuovi poteri ed evocò una grande ala nera dalla spalla destra. Nelle fasi finali della battaglia, riuscì a martoriare Cloud con la masamune e scaraventarlo a terra in una pozza di sangue. Gli chiese quale fosse per lui la cosa più preziosa, cosicchè potesse portagliela via come in passato. Il ricordo dei suoi amici e la scomparsa del suo senso di colpa rinvigorirono Cloud e, prima che Sephiroth potesse sferrare il colpo di grazia, il giovane riuscì a bloccarlo e restituirgli ogni colpo subito con uno spettacolare attacco finale. Ormai Cloud aveva accettato il passato, il solo posto di Sephiroth era tra i suoi ricordi.
Sephiroth si avvolse nella sua ala nera, affermando che non sarebbe mai stato un ricordo, e scomparve, questa volta per sempre.

Nessuno sa cosa sia successo in seguito, ma la presenza di Sephiroth non è mai più stata documentata negli anni successivi a questo evento. Così si concluse la sua pagina nella storia di Final Fantasy VII, anche se non è escluso che qualche frammento di lui, seppure piccolo, continui ad esistere nel flusso vitale.

Gli spoiler finiscono qui.

Profilo[modifica | modifica sorgente]

Aspetto fisico[modifica | modifica sorgente]

FFVII character Sephiroth.png
Sephiroth è considerato il miglior ufficiale delle forze speciali del SOLDIER. Le informazioni sul suo passato sono conservate in un rapporto top secret in possesso della Shinra, Inc. La sua enorme spada, che solo lui riesce a maneggiare, ha un’incredibile forza distruttiva. Si dice che sia scomparso in battaglia anni fa, ma nessuno sa dove si trova ora.
—Descrizione originale

Sephiroth è un uomo molto alto e longilineo, con un volto angelico e glaciali occhi color verde acqua, luminosi per l'energia mako che scorre nel suo corpo, ma occasionalmente le pupille gli si allungano come quelle di un gatto, per via delle cellule di Jenova che ha dentro di sé. Ha lunghissimi capelli d'argento, con due grossi ciuffi che gli incorniciano il viso.
Il suo abbigliamento consiste in lungo cappotto di pelle nera a colletto alto, stretto in vita da un cinturino e chiuso solo sulla parte centrale, lasciando scoperto il petto e le gambe. Il cappotto è corredato da spallacci segmentati bianchi metallizzati e polsiere circolari dello stesso colore. Sotto il cappotto, porta pantaloni militari neri, stivali di pelle lunghi fin sopra il ginocchio e stretti sulla parte superiore da cinghie metalliche, e guanti bianchi, mentre il petto è nudo e coperto solo da due cinture di pelle incrociate e un corpetto con il logo di SOLDIER che copre l'addome.
Nelle fasi finali del gioco, Sephiroth attua due trasformazioni nelle battaglie contro di lui: la prima, chiamata Bizarro∙Sephiroth, è una sorta di bozzolo in cui il SOLDIER si prepara alla mutazione finale, che consiste in un enorme busto grigio e azzurro con la sua faccia e i suoi capelli, due ali piumate al posto delle braccia, un nucleo luminoso sull'addome e un secondo busto più piccolo sopra la testa. Quando questa forma è sconfitta, appare la più potente forma finale chiamata Safer∙Sephiroth: ormai tutto ciò che rimane di Sephiroth è il busto, con i lunghi capelli al vento sormontati da due enormi aureole luminose, mentre il corpo dalla vita in giù è sostituito da una grande nuvola bianca da cui partono sei enormi ali angeliche con le punte violacee. Il braccio destro è inoltre fuso con una settima ala, questa volta di colore viola e verde e dall'aspetto molto meno etereo: questa ala è ciò che dà il nome al tema di questa battaglia, "One-Winged Angel".

L'abbigliamento di base di Sephiroth è stato mantenuto consistente nella maggior parte delle apparizioni successive dentro e fuori la Compilation, subendo alcune modifiche di minore entità con l'evolversi degli elementi ricorrenti nei giochi: come in qualunque altro caso, il simbolo di SOLDIER sul suo corpetto è stato modificato per adattarsi al suo nuovo design nei titoli della compilation, mentre la forma degli spallacci è stata lievemente alterata, con la parte più interna lunga fin sotto i pettorali, e il cappotto è stato dotato di una serie di piccole cinghie che ne permetterebbero la chiusura completa lungo la parte inferiore, anche se come sempre solo il primo è effettivamente allacciato.
In Final Fantasy VII: Advent Children, Sephiroth esibisce inoltre una maestosa ala piumata nera sulla spalla destra: questa è un retaggio della sua precedente apparizione in Kingdom Hearts, in cui uno dei suoi nuovi elementi di design era proprio una grande ala nera, in riferimento alla sua forma finale e al tema di battaglia "One-Winged Angel".

In Final Fantasy VII Remake, il design di base di Sephiroth è quasi invariato a livello superficiale, ma è stato arricchito di nuovi dettagli: il cappotto rimane fortemente basato su quello esibito nei titoli della Compilation, ma le cinghie che ne permettono la chiusura hanno una forma diversa, e la parte inferiore è ora percorsa da una serie di cuciture che compongono disegni simili ad ali piumate; gli spallacci tornano a essere basati sulla sua apparizione originale, e insieme alle polsiere hanno un aspetto meno metallico, mentre i guanti appaiono più dettagliati e pesanti; l'unico elemento completamente nuovo nel design è la lunga cintura nera ripetutamente arrotolata in vita, decorata con una fibbia rotonda con un'emblema a forma di ala al centro, e con tre alloggiamenti per la materia lungo il bordo superiore. Anche i capelli sono leggermente diversi, con i ciuffi frontali molto più lunghi e lasciati cadere lungo il petto.

Personalità[modifica | modifica sorgente]

Qual è la cosa che consideri più preziosa? Voglio la gioia di portartela via...
—Sephiroth a Cloud

Durante gli eventi del gioco originale, Sephiroth è avvolto in un alone di mistero che posiziona ogni sua comparsa fisica tra i momenti più seri del gioco: quando Sephiroth appare in qualche modo nel gioco, è quasi certo che qualcuno morirà, ma per buona parte della storia i suoi obiettivi non sono chiari, e la sua sola esistenza è sufficiente ai protagonisti per dargli la caccia.
La descrizione che Cloud fornisce di lui durante il suo racconto dell'incidente di Nibelheim dipinge tuttavia un uomo forte e carismatico, che ogni membro di SOLDIER vedeva come un modello: benché freddo e distaccato, era sempre cordiale e disponibile verso i suoi commilitoni, e la sua saggezza era seconda solo alla sua forza. Era anche molto affezionato al professor Gast, che per lui era stato praticamente una figura paterna, e aveva per contro una bassa opinione del professor Hojo. Ciò che cambiò radicalmente la sua visione del mondo fu la scoperta delle verità dietro la sua esistenza, su cui anche le persone a lui più care gli avevano mentito, e soprattutto la scoperta di quello che era creduto il suo retaggio: credendosi un discendente del popolo degli Antichi, come la forma di vita Jenova di cui aveva il patrimonio genetico, Sephiroth si convinse che la sua vera missione fosse vendicare il suo popolo, lasciato morire dalla razza umana all'arrivo di una misteriosa calamità dal cielo duemila anni prima.
Nel presente del gioco, non è rimasto quasi nulla di questa caratterizzazione in Sephiroth: ormai praticamente un tutt'uno con Jenova, ha scoperto la vera natura di questa creatura e usa la sua intelligenza e le sue capacità per continuare la sua missione originaria da dove lei l'aveva interrotta. Non si sa con certezza se Sephiroth sia effettivamente più intelligente di Jenova o se l'alieno gli stia concedendo volontariamente il posto di guida, ma è chiaro che l'obiettivo finale di entrambi sia il medesimo: assimilare il flusso vitale del pianeta e diventare una divinità, per poi viaggiare in cerca di un nuovo mondo da depredare usando quello vecchio come vascello.

La personalità di Sephiroth è stata ulteriormente espansa negli altri titoli della compilation in cui è apparso. In Advent Children, che racconta eventi successivi al gioco originale, Sephiroth ha una caratterizzazione contemporaneamente più ampia e più semplificata rispetto al gioco originale, che è diventata la più famosa e più utilizzata nelle sue comparse spin-off per diversi anni: è definito esclusivamente dall'attaccamento alla "madre" Jenova e dal proprio odio verso Cloud, e questo secondo aspetto è stato ulteriormente enfatizzato nella maggior parte delle apparizioni successive.
Nel contesto del film, tuttavia, questa caratterizzazione è giustificata: Sephiroth si sta dissolvendo nel flusso vitale dopo la sua sconfitta, ragion per cui deve aggrapparsi ai suoi sentimenti più forti per rimanere attaccato al mondo mortale. Ciò si riflette anche nei suoi tre avatar, Kadaj, Yazoo e Loz, che rappresentano tre aspetti del suo essere ma possiedono personalità estremamente basilari e quasi infantili. Quando Sephiroth rinasce completamente, la sua personalità ritorna simile a quella vista nel presente del gioco originale, pur rimanendo semplificata.
Tutto all'opposto, Crisis Core -Final Fantasy VII- si concentra invece sulla caratterizzazione di Sephiroth prima dell'incidente di Nibelheim, mostrando un lato molto più umano del personaggio. Durante il gioco, Sephiroth dimostra di non essere sempre la macchina da guerra vivente che era stato progettato per essere, ma esibisce anche un lato compassionevole verso le persone cui era maggiormente legato: rifiuta di eliminare il suo vecchio amico Genesis anche dopo che questi ha disertato SOLDIER, e non si fa alcun problema a sabotare un altro incarico quando la vita dell'altro suo amico Angeal è in pericolo.

Nella sua comparsa in Final Fantasy VII Remake, la personalità originale di Sephiroth è notevolmente arricchita dai numerosi anni di apparizioni dentro e fuori della Compilation: nel primo episodio, Sephiroth compare di persona solo alla fine del gioco, ma si manifesta spesso davanti a Cloud attraverso visioni durante tutto l'arco della storia, anche soltanto come una piuma nera che svolazza in aria. In particolare, dimostra di poter controllare le persone con il suo materiale genetico al punto tale da far assumere loro il suo aspetto, solo agli occhi di Cloud o anche per altre persone.
Al contrario di quanto avveniva nel gioco originale, in cui Sephiroth non influenzava direttamente Cloud se non quando diventava un ostacolo troppo scomodo, in questa versione della storia lo tormenta attivamente sin dal primo momento, arrivando addirittura a provocarlo ricordandogli come ha ucciso la madre del protagonista durante quella notte fatidica a Nibelheim. Non è sempre così diretto, tuttavia, e a volte preferisce lasciargli solo qualche messaggio enigmatico legato al proprio ritorno, oppure rinfacciargli la sua impotenza davanti ai suoi fallimenti passati e presenti.
Questa caratterizzazione così diversa è dovuta al fatto che nel gioco appaiano ben quattro diverse versioni di Sephiroth:

  • Una visione che solo Cloud può vedere.
  • Gli uomini dal mantello nero, che a volte assumono il suo aspetto.
  • I ricordi del passato di Cloud.
  • Un essere dalle caratteristiche sconosciute, che tutti possono vedere ma che non sembra avere a che fare con gli altri tre.

Quest'ultima entità è attualmente un mistero che potrà essere spiegato solo negli episodi futuri: sembra essere a conoscenza degli eventi del gioco originale, e per questo sembra muoversi attivamente per cambiarne il corso, manipolando Cloud e i suoi compagni (e forse persino il suo alter ego) per divergere il più possibile dalla linea temporale e provocare la reazione dei Numen. Un'altra caratteristica che separa questa incarnazione di Sephiroth dalle altre viste nel gioco è il suo modo di parlare: nel doppiaggio giapponese, egli si riferisce a se stesso con il pronome personale ore, usato prima dell'incidente di Nibelheim, anziché con il più formale e altezzoso watashi usato dopo quell'evento. Quale sia il significato di ciò non è ancora chiaro, ma è certo che Cloud sia importante per la riuscita del suo piano, e che Sephiroth abbia quindi intenzione di tenerlo in vita finché lo reputa necessario.

Poteri e abilità[modifica | modifica sorgente]

SephirothCGModel-CrisisCore.png

Nonostante sia apparso in molti titoli, regolari e non, la vera forza di Sephiroth rimane tuttora sconosciuta: è stato il più potente tra i SOLDIER per tutta la sua carriera, e le sue azioni hanno ispirato molti giovani a entrare nel corpo. Al contrario di quanto succede spesso per le figure famose, Sephiroth è in realtà più forte di quanto qualunque racconto su di lui possa affermare, e ogni impresa da lui compiuta sembra essere solo la punta dell'iceberg per quel che riguarda le sue reali capacità.
Considerato il miglior spadaccino del mondo, sembra essere l'unica persona capace di sfruttare a fondo il potere della Masamune: benché la spada sia lunga quanto lui, è in grado di usarla con perfetta efficienza anche con una mano sola, che sia la destra o la sinistra, e menare fendenti più velocemente di quanto l'occhio umano possa percepire. Può anche concentrare energia cinetica nell'arma per scagliare raggi d'energia dalla lama della Masamune, con cui può tagliare quasi qualunque cosa anche da grande distanza.

Si afferma, nel libro ufficiale Reunion Files, che Sephiroth non aveva usato appieno i suoi poteri nello scontro finale con Cloud in Advent Children, indi per cui il suo vero potenziale non è mai stato mostrato del tutto. Non è mai stato sconfitto da nessuno, a parte Cloud, e in tutti i casi si è sempre rivelato un avversario più duro di quanto chiunque si potesse aspettare: Si può comunque supporre che, al culmine del suo potere, Sephiroth avrebbe superato di gran lunga il potere originale di Jenova, e potenzialmente anche quello di Omega, canonicamente l'essere più potente del pianeta. Si può inoltre ipotizzare che, se avesse raggiunto lo stato completo di "divinità", Sephiroth avrebbe potuto sostituirsi a Omega stesso e spostare a suo piacimento il flusso vitale attraverso il cosmo, come indicano anche le sue parole in Advent Children.
Grazie al suo controllo sulle cellule di Jenova intaccate dal suo materiale genetico, Sephiroth può occasionalmente manipolare e usare come estensioni di sé le persone che sono state infuse con esse dopo l'incidente di Nibelheim, incluso Cloud: con quest'ultimo, poiché la sua coscienza è ancora integra, è in grado di sfruttare le sue insicurezze e i suoi ricordi repressi per piegarlo al suo volere.
Sephiroth è un formidabile spadaccino, in grado di difendersi senza problemi da qualunque nemico, e di mostrarsi superiore a lui con grande facilità (è riuscito a tenere testa a Genesis e Angeal insieme). Sephiroth può fluttuare, teletrasportarsi e rilasciare potenti fasci di energia dalla sua spada o semplicemente dal terreno intorno a sé. Assorbito e rinato dal flusso vitale, Sephiroth è inoltre in grado di usare la magia senza bisogno della materia. Ha inoltre la capacità di controllare la mente delle persone a lui collegate e di proiettare copie illusorie di se stesso. Durante gli eventi di Advent Children Sephiroth riesce anche a controllare il flusso vitale contaminato dalle persone morte di Geostigma.

Poteri[modifica | modifica sorgente]

  • Energia interiore: Sephiroth è in grado di scagliare fasci di energia dalla propria spada o semplicemente dalle mani, a volte anche senza bisogno di materia, come è mostrato quando evoca uno scudo lucente per bloccare una magia di Genesis, nel reattore di Nibleheim.
  • Teletrasporto: fin dal periodo in SOLDIER, Sephiroth dimostra di essere in grado di teletrasportarsi a breve distanza, per sorprendere i nemici con attacchi imprevedibili.
  • Volo: rinato dal flusso vitale, Sephiroth ottiene la capacità di fluttuare in aria e spostarsi a piacimento.
  • Trasformazione: quando assorbe il potere del flusso vitale direttamente dal centro del pianeta, Sephiroth diventa in grado di modificare drasticamente la propria forma fisica, diventando progressivamente più potente. Questa trasformazione non è mai stata portata a termine, tuttavia, poiché la sua sconfitta per mano degli eroi durante Final Fantasy VII gli ha impedito di assorbire completamente il flusso vitale del pianeta. Sephiroth assume due forme durante lo scontro finale con i protagonisti del gioco.
    • Bizarro∙Sephiroth: si tratta di una sorta di crisalide che serve a contenere il corpo originale di Sephiroth durante il processo di mutazione. Questo essere dispone di una serie di abilità difensive che gli permettono di proteggere il suo nucleo esposto dagli attacchi nemici. Può usare anche una vasta gamma di abilità offensive, per incapacitare gli avversari e sconfiggerli in poco tempo.
    • Safer∙Sephiroth: la forma finale raggiunta da Sephiroth, ormai a un passo dalla divinità, gli fa assumere un aspetto solo in parte umano. Appare come un angelo con una grande ala nera al posto del braccio destro, sei ali piumate al posto della parte inferiore del corpo e due luminose aureole che risplendono dietro di lui. In questa fase, anche se il suo potere non è ancora al massimo, dimostra di avere capacità completamente fuori da qualunque schema: i suoi attacchi sono tanto potenti da poter deformare la trama stessa della realtà.

Abilità[modifica | modifica sorgente]

  • Maestro di spada: grazie ad una particolare connessione con la sua masamune, Sephiroth è uno dei migliori spadaccini del pianeta, in grado di tenere testa a molti nemici contemporaneamente (inclusi due SOLDIER di alto livello come Genesis e Angeal), e sconfiggere la maggior parte dei nemici con un solo colpo.
  • Infusione mako: come ogni SOLDIER, Sephiroth ha ricevuto una doccia di energia mako, che ne ha potenziato le caratteristiche ben oltre il potenziale umano.
  • Progetto Jenova S: infuso già allo stato fetale con le cellule di Jenova, Sephiroth dimostra capacità che superano quelle di ogni altro SOLDIER potenziato. Grazie alla maggiore qualità dell'esperimento rispetto al Progetto G, Sephiroth non è soggetto alla tipica degenerazione cellulare delle cavie dei progetti Jenova.

Debolezze[modifica | modifica sorgente]

  • Senza passato: inizialmente, Sephiroth non sa nulla del proprio passato, se non il nome della propria fantomatica madre "Jenova". Per questo motivo tenta spesso di evitare di parlarne, e una cruda rivelazione cruda delle sue origini sarà ciò che lo porterà alla follia.
  • Follia: Dopo la settimana passata nella residenza Shinra a leggere gli scritti del professor Gast, Sephiroth è definitivamente impazzito e ha sviluppato un fortissimo complesso del Messia, convincendosi di essere l'ultimo Cetra esistente, predestinato a vendicarsi della vile razza umana. Dopo aver assorbito le conoscenze dell'antico popolo nel flusso vitale, l'ex SOLDIER passa da uno stato di pazzia ad una visione più consapevole dei propri obiettivi, sebbene ancora estremamente folle.

Gameplay[modifica | modifica sorgente]

Final Fantasy VII[modifica | modifica sorgente]

Sephiroth entra brevemente nella squadra come personaggio ospite durante le sequenze flashback a Nibelheim nel primo disco. È al livello 50 ed è euipaggiato con la Masamune, un bracciale d'oro e un anello Energos, che non possono essere rimossi o modificati. La Masamune è inoltre associata alle materie magiche Recupero, Rinascita, Fuoco e Terra, quest'ultima unita a una materia di sostegno Attacco totale, mentre il bracciale d'oro dispone delle materie magiche Ghiaccio e Tuono, entrambe collegate a una materia Attacco totale. Tutte le materie equipaggiate da Sephiroth sono al livello MASTER, e anch'esse non possono essere rimosse o modificate.

Sephiroth non può essere controllato dal giocatore, è immune a qualunque tipo di danno, non possiede tecniche Limite, e i suoi attacchi causano sempre danni critici senza mai fallire. La sua crescita in esperienza è identica a quella di Cloud, mentre la crescita in statistiche è uguale a quella di Vincent. Molti dei parametri di Sephiroth subiscono aumenti leggeri o non aumentano affatto quando sale di livello, principalmente perché è in squadra solo per un breve periodo ed è già ben più forte di qualunque mostro nella sequenza.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Boss[modifica | modifica sorgente]

Articolo principale: Bizarro∙Sephiroth, Safer∙Sephiroth e Sephiroth/Boss (Final Fantasy VII)

Sephiroth è il boss finale di Final Fantasy VII, ed è affrontato tre volte consecutive durante l'arco della sequenza finale del gioco. Il primo scontro lo vede in forma di crisalide come Bizarro∙Sephiroth, un boss composto da diversi bersagli distinti, che può essere affrontato anche da tre squadre diverse in base a determinate condizioni. Il secondo scontro vede Sephiroth assumere una forma divina come Safer∙Sephiroth, ed è famoso per la sua iconica musica di battaglia e gli spettacolari attacchi del boss, tra cui Supernova. L'ultimo scontro vede Sephiroth in forma umana affrontato solamente da Cloud, ma si tratta di una battaglia quasi interamente automatica, in cui il giocatore non potrà in alcun modo essere sconfitto.

Crisis Core -Final Fantasy VII-[modifica | modifica sorgente]

Articolo principale: Sephiroth/Boss (Crisis Core)

Durante Crisis Core, Sephiroth è affrontato in due battaglie consecutive all'interno del reattore mako di Nibelheim. Il suo comportamento varierà leggermente da uno scontro all'altro, ma in entrambi i casi sarà in grado di usare la sua abilità Angelo spietato. Nel primo scontro, sarà capace di teletrasportarsi per il campo di battaglia e di invocare quattro materie magiche al suo fianco, mentre nel secondo cercherà solo di spingere Zack nel pozzo di mako del reattore.

Una simulazione di entrambe le battaglie può essere in seguito affrontata nelle missioni 5-2-1 e 5-2-2. Nella missione 5-4-6, la più difficile della sua categoria, sarà inoltre possibile affrontare l'Esperimento n. 124, una copia di Sephiroth ancora più potente.

Onda Mentale Digitale[modifica | modifica sorgente]

Sephiroth è presente nell'OMD dall'inizio del gioco, perciò Zack è in grado di usare la sua mossa speciale Ottacolpo se realizza un tris con la sua immagine durante la fase di modulazione.

Nome Ottieni Livello/Potenza Immagine
Descrizione 1 2 3 4 5
Sephiroth
Ottacolpo
Inizio del gioco 9 11 15 18 22 CCVII OMD Ottacolpo.png
Otto attacchi fisici su un nemico.

Musica[modifica | modifica sorgente]

Il tema personale di Sephiroth è chiamato "Those Chosen by the Planet", udibile all'interno della residenza Shinra, ma i fans lo ricordano soprattutto per il tema della battaglia finale contro di lui: "One-Winged Angel" è un inno corale dal caratteristico inizio percussivo, molto ritmato, che prosegue con una sorta di invocazione allo stesso Sephiroth. È stato giudicato come il più bel tema dell'intera saga, ed uno dei più amati della storia dei videogiochi.

Altre comparse[modifica | modifica sorgente]

Final Fantasy V[modifica | modifica sorgente]

Nell'edizione Final Fantasy Anthology, uno sprite 2D di Sephiroth, modellato sullo stile di Final Fantasy V, compare occasionalmente sugli schermi di caricamento.

Dissidia Final Fantasy[modifica | modifica sorgente]

Sephiroth Dissidia.png
Articolo principale: Sephiroth (Dissidia)

Durante l'eterno conflitto tra Cosmos, dea dell'ordine, e Chaos, dio della discordia, Sephiroth è il rappresentante di Final Fantasy VII nelle schiere di Chaos, contrapposto al guerriero di Cosmos Cloud.

Sephiroth è uno dei malvagi meno coinvolti nel conflitto, e il suo unico obiettivo sembra essere spingere Cloud a combatterlo. Sephiroth è a conoscenza di cose che molti altri malvagi sembrano ignorare, poiché nel conflitto precedente si era tolto deliberatamente la vita. In seguito, egli rivela di voler sfruttare le sue conoscenze per sopravvivere all'inevitabile caduta di Chaos e Cosmos e diventare un dio a sua volta. Sephiroth viene sconfitto da Cloud durante l'epilogo della storia, ma afferma che non sarà mai sconfitto del tutto finché il ragazzo non cambierà.

Sephiroth è un combattente versatile, che sfrutta l'esagerata lunghezza della sua spada per colpire il nemico da tutte le distanze. I suoi attacchi Audacia si basano specialmente su colpi veloci che rilasciano energia dalla lama per colpire ancora più lontano, mentre gli attacchi PV prevedono che si avvicini gradualmente all'avversario durante l'esecuzione, in modo da danneggiare anche l'Audacia nel processo. In modalità EX, Sephiroth dispiega la sua ala nera che lo rende capace di planare, ottiene l'accesso all'attacco Angelo crudele per ridurre l'Audacia dell'avversario a 1 e può usare la potentissima Supernova come attacco finale.
Il costume di base di Sephiroth è un misto tra il suo design moderno e i dipinti concettuali di Yoshitaka Amano, con molti più gioielli e una specie di ala bianca sotto il cappotto, mentre il costume alternativo è la sua versione a torso nudo affrontata nella battaglia finale del gioco originale.

Dissidia 012 Final Fantasy[modifica | modifica sorgente]

Sephiroth ricompare nel prequel di Dissidia, di nuovo come guerriero di Chaos, assieme a tutti i suoi colleghi, ma questa volta è affiancato dallo stesso Cloud, mentre Tifa è la rappresentante del settimo capitolo presso Cosmos. Durante la storia principale, non ha praticamente alcun ruolo, e il suo unico obiettivo è ritrovare i suoi ricordi sconfiggendo sempre più avversari. Durante un evento narrato negli appunti, tuttavia, cerca di sconfiggere Tifa in combattimento, solo per essere fermato da Cloud. In seguito, nel tentativo di scoprire se è il vero Sephiroth o solo un clone infuso con le sue memorie, si suicida davanti all'Imperatore.

Sephiroth ottiene in questo gioco due costumi alternativi, uno presente direttamente nel gioco, l'altro scaricabile come DLC dal PSN. Il primo gli dà il vestiario del gioco originale, più semplificato rispetto a quello moderno e con il simbolo classico di SOLDIER sulla cintura, mentre il secondo gli dà l'aspetto che aveva nel primo capitolo di Kingdom Hearts, senza l'ala nera, che gli appare solo in modalità EX.

Theatrhythm Final Fantasy[modifica | modifica sorgente]

TFF Sephiroth.png
Seraph∙Sephiroth Theathrythm.png
Un leggendario SOLDIER eroe di guerra che, dopo aver scoperto di essere il frutto di un esperimento della Shinra, si rivolta contro la compagnia e contro l'umanità. Resistendo a tutti gli attacchi più forti di Cloud e rifiutando di tornare a far parte del Pianeta, intende scatenare la magia distruttiva finale e attuare la sua vendetta sul mondo.
—Descrizione (Sephiroth)
L'angelo da un'ala sola che porta il suo giudizio spietato sul mondo. Usando il pianeta per ottenere poteri inimmaginabili, l'eroe caduto attende di portare Cloud alla disperazione e rendere proprio il flusso vitale...
—Descrizione (Safer∙Sephiroth)

Sephiroth è un personaggio sbloccabile in questo gioco musicale, accessibile collezionando i cristalli oscuri rilasciati dai boss. La sua forma di Safer∙Sephiroth è essa stessa un boss da battere nei livelli battaglia del gioco.

Sephiroth è un personaggio focalizzato sull'attacco e sulla magia, ma non dispone di abilità particolari che lo distinguano da altri combattenti.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Level HP PC Forza Magia Agilità Fortuna
1 198 9 21 21 12 13
10 789 14 48 47 26 30
20 1445 19 79 76 43 49
30 2101 24 109 105 59 67
40 2758 30 139 134 75 86
50 3414 35 169 164 92 105
60 4071 40 199 193 108 123
70 4727 45 230 222 125 142
80 4908 50 238 230 129 147
90 5089 50 247 239 134 153
99 5252 50 255 247 138 158

Abilità[modifica | modifica sorgente]

Abilità reattive
Abilità PC Livello
Fire 7 5
Contrattacco (Lv1) 5 15
Blizzara 14 20
Thundaga 25 40
Contrattacco (Lv2) 10 45
Reiki (Lv1) 4 70
Contrattacco (Lv3) 16 75
Abilità proattive
Abilità PC Livello
Magia ↑ (Lv1) 4 Default
Dark (Lv1) 5 Default
Etude della forza (Lv1) 7 10
Dark (Lv2) 10 25
HP ↑ (Lv1) 4 30
Forza ↑ (Lv1) 4 35
Bluff 15 50
Dark (Lv3) 16 55
Etude della forza (Lv2) 10 60
Magia ↑ (Lv2) 8 65
HP ↑ (Lv2) 8 80
Etude della forza (Lv3) 15 85

Theatrhythm Final Fantasy Curtain Call[modifica | modifica sorgente]

Un leggendario SOLDIER venerato come un eroe e un veterano di guerra che Cloud prendeva a modello. Nessun altro poteva usare la sua temibile spada Masamune, capace di tagliare i nemici in due. Non si sa dove sia ora, e nemmeno se sia ancora vivo.
—Descrizione

Sephiroth ritorna come personaggio giocabile all'interno del gioco, e può essere sbloccato collezionando i frammenti di cristallo neri.

Qui continua ad essere un personaggio focalizzato sull'attacco e sulla magia, ma dispone ora di molte più abilità reattive, tra le quali è presente anche Meteor.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]
Livello PC HP Forza Magia Agilità Fortuna Resistenza Spirito
1 15 289 21 20 11 8 20 15
50 42 4902 165 158 88 60 158 116
99 50 7688 253 243 135 92 242 178
Abilità[modifica | modifica sorgente]
Abilità reattive
Abilità PC Livello
Berserk (Lv1) 5 Default
Vigilanza 4 5
Contrattacco (Lv1) 5 10
Falciadifesa (Lv2) 7 20
Falciaforza (Lv2) 6 30
Berserk (Lv2) 10 35
Contrattacco (Lv2) 10 40
Antima 19 45
Doppio taglio 15 55
Firaga 25 60
Thundaga 25 70
Berserk (Lv3) 15 75
Blizzaga 25 80
Contrattacco (Lv3) 16 90
Meteor 28 95
Abilità proattive
Abilità PC Livello
Dark (Lv1) 2 Default
Magia ↑ (Lv1) 4 15
Dark (Lv2) 4 25
Magia ↑ (Lv2) 8 50
Dark (Lv3) 6 65
Magia ↑ (Lv3) 14 85

Pictlogica Final Fantasy[modifica | modifica sorgente]

PFF Sephiroth.png

Sephiroth appare come personaggio giocabile in questo spin-off per smartphone.

Final Fantasy Airborne Brigade[modifica | modifica sorgente]

Sephiroth è un boss, un alleato e un personaggio leggendario invocabile in questo social game. Dispone di numerose abilità, e appare in tre diverse versioni: la prima è il suo look di Dissidia, la seconda è il suo design moderno e la terza è la versione a torso nudo.

Sephiroth può occasionalmente apparire durante gli scontri con Jenova∙DEATH e Jenova∙SYNTHESIS, nel qual caso userà Oblio per rimuovere un personaggio dalla battaglia.

Abilità:
  • Oblio
  • Ottacolpo
  • Nagiharai
  • Scintilla
  • Materia oscura
  • Folgore divina
  • Ingresso degli inferi
  • Supernova
  • Angelo crudele
Abilità Leggenda:
  • Crudeltà improvvisa
  • Materia oscura
  • Folgore divina
  • Ingresso degli inferi
  • Ottacolpo
  • Supernova
  • Angelo crudele

Mobius Final Fantasy[modifica | modifica sorgente]

Sephiroth (nella versione di Pictlogica) appare in questo capitolo come carta abilità utilizzabile da WoL, ottenibile durante un evento speciale.
L'effetto della carta Sephiroth: PICTLOGICA è Super Nova, ha un costo di 4 sfere di terra e causa danni di terra ad area.

Comparse esterne a Final Fantasy[modifica | modifica sorgente]

Saga di Kingdom Hearts[modifica | modifica sorgente]

Sephirothkh2cropped.png
Per maggiori informazioni, vedi Kingdom Hearts Wiki: Sephiroth

Sephiroth compare come personaggio e boss segreto nella serie crossover tra Square e Disney. Misterioso spadaccino, un tempo riverito come un eroe, è riapparso all'improvviso senza apparente ragione, anche se sembra aver a che fare con Cloud.
Nel primo Kingdom Hearts, Sephiroth appare come scontro opzionale sul Monte Olimpo, e solo sconfiggendolo si può scoprire quale sia il motivo della sua presenza lì: si assiste infatti ad uno scontro tra lui e Cloud, i cui risultati sono sconosciuti.
In Kingdom Hearts II, Sephiroth ha un ruolo leggermente più attivo, anche se lo scontro con lui è sempre opzionale, e appare per la prima volta durante la seconda visita alla Fortezza oscura. Qui è finalmente rivelata la sua natura, che fa da eco agli eventi di Advent Children: Sephiroth altro non è che la proiezione dell'oscurità del cuore di Cloud, che lo tormenta fin tanto che non riesce a staccarsi dal suo passato. Dopo che Sora lo "sconfigge", Sephiroth si scontra con Cloud, e di nuovo lo scontro termina con la sparizione dei due.
La sua presenza è menzionata anche in Kingdom Hearts: Birth by Sleep, in cui Zack si trova al Monte Olimpo nella speranza di incontrarlo. Durante i titoli di coda, Zack vede una piuma nera volargli vicino, a indicare la presenza effettiva di Sephiroth.

Il doppiatore di Sephiroth nella versione giapponese di entrambi i giochi è Toshiyuki Morikawa; nella versione americana, il ruolo è stato di Lance Bass nel primo Kingdom Hearts, e di George Newbern nel secondo.

L'aspetto di Sephiroth presenta alcune differenze con la sua apparizione originale, e subisce alcune modifiche tra Kingdom Hearts e Kingdom Hearts II. La base dell'abbigliamento è grossomodo la stessa, con i pantaloni e gli stivali neri, mentre il cappotto, pur simile all'originale, è tagliato in modo diverso, per sembrare un paio di ali demoniache: esso presenta finiture rosso scarlatto e pinne decorative sulle maniche. Inoltre, è proprio a Kingdom Hearts che si deve l'apparizione della sua ala nera sulla spalla destra, che ha ispirato l'intero concetto della compilation. In Kingdom Hearts II, Sephiroth presenta altre due ali sotto il cappotto, ma è la sola differenza sostanziale con il capitolo precedente. In entrambi i casi, porta sempre con sé la sua Masamune, molto più lunga rispetto al gioco originale.
In entrambi i giochi, Sephiroth è affrontabile come boss segreto, e il suo stile di combattimento varia leggermente. Nel primo Kingdom Hearts, usa attacchi singoli, prevedibili ma difficili da schivare a causa della loro velocità, alternati a Tempesta di fuoco, e man mano che perde PV comincia ad usare Omnislash, Fusione oscura e Supernova, oltre ad usare anche Angelo spietato per azzerare i PM e ridurre a 1 i PV di Sora. In Kingdom Hearts II, invece, usa uno stile più veloce e letale, ma più facile da gestire grazie alle nuove abilità di Sora. Alterna spesso i suoi attacchi a Oblio, e più PV perde, più spesso usa Tempesta di fuoco, Fusione oscura, e il suo nuovo attacco finale, Meteo. Continua inoltre ad usare Angelo spietato, e qui è più difficile bloccarne l'esecuzione.

Sconfiggendo Sephiroth in Kingdom Hearts, Sora ottiene un Keyblade personalizzato chiamato Angelo Monoala, che rilascia fiamme mentre attacca; Kingdom Hearts II, Sora ottiene il Keyblade Fenrir da Tifa dopo aver portato Cloud da Sephiroth. Il primo di questi Keyblade è basato sulla Masamune.

SMITE[modifica | modifica sorgente]

Smite Final Boss Thanatos.jpg

In questo MOBA sviluppato da Hi-Rez Studios, un costume alternativo per il dio greco Thanatos è chiamato "Final Boss", ed è ispirato all'aspetto di Sephiroth.
Realizzato in collaborazione con Square Enix, è composto da una lunga giacca nera aperta sul petto, coordinata a pantaloni neri e blu con stivali alti; il tutto è completato da varie cinghie e piastre metalliche, in particolare sulle braccia e sulle gambe.
Per conformità con il modello di base di Thanatos, il costume presenta due ali piumate viola corazzate nelle giunture, e l'arma è una lunga falce dal manico decorato in modo che ricordi l'elsa della Masamune. La falce e la corazzatura delle ali sono decorate in vari punti da cristalli verdi di forma circolare, che ricordano l'aspetto della materia magica nel gioco originale.

DEATH BATTLE![modifica | modifica sorgente]

Sephiroth è apparso nel sedicesimo episodio della quarta stagione della serie web DEATH BATTLE! di ScrewAttack, in cui è stato messo a confronto con Vergil, della serie Devil May Cry.
L'equipaggiamento di Sephiroth era quello canonicamente usato all'epoca dell'incidente di Nibelheim, e comprendeva l'inseparabile Masamune, il Bracciale d'oro, l'Anello Energos e le materie Fire, Ice, Lightning, Earth, Restore e Revive, oltre a molti degli attacchi da lui usati nelle sue varie apparizioni.

Lo scontro ha visto la vittoria di Sephiroth: entrambi i combattenti sono potenti e abili spadaccini, ma Sephiroth è superiore a Vergil in forza, resistenza e potere magico, e ha una sufficiente esperienza contro avversari veloci da poter competere alla pari con la rapidità dell'avversario. Inoltre il potere dimensionale della Yamato di Vergil è troppo inconsistente per determinare se sia in grado di distruggere la Masamune, e il suo fattore rigenerante non è efficiente quanto le magie curative che Sephiroth può usare all'infinito. La disfatta di Vergil viene però dal potere di Sephiroth sulle illusioni, che lo ha messo in una situazione che si è rivelata fatale per lui anche nella sua serie d'origine, dando tempo a Sephiroth di caricare Supernova e finirlo.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Durante la scena della morte di Aerith, mentre Sephiroth discende dal cielo per uccidere la ragazza, i suoi guanti scompaiono brevemente, per poi riapparire nell'inquadratura successiva.
  • Stando a una delle mail inviate a Zack dal fan club "Élite d'argento", Sephiroth usa una bottiglia intera di shampoo e una di balsamo per mantenere perfetti i suoi capelli. I prodotti che usa sono realizzati e forniti direttamente dalla Shinra stessa, e profumano di tredici fragranze differenti.
  • Quando Cloud viene trasportato a Ivalice, in Final Fantasy Tactics, il suo primo pensiero è "Fuoco! Nella mia testa... No... Fermo!... Sephiroth... NO!!!". Il malvagio guerriero non compare nel gioco, ma un uomo parla di un tipo con un cappotto nero e una singola ala nera. Nello stesso gioco, appare anche il marchese Elmdore, un antagonista fisicamente basato su Sephiroth: come lui, ha lunghi capelli argentei ed è armato di Masamune.
  • Benché Sephiroth definisca il professor Hojo "un ammasso di complessi ambulante", lui stesso corrisponde a questa descrizione, almeno dopo essere impazzito: ha infatti un complesso del messia, che si evolve successivamente in un complesso di dio, e ha anche alcune tracce di un complesso di Edipo, in quanto odia il proprio padre e venera la propria "madre" Jenova.
  • Nella serie TV americana Robot Chicken è presente una parodia di Final Fantasy VII, in cui i protagonisti lavorano in un fast food di cui Sephiroth è il proprietario. Ad ogni sua comparsa, è riprodotto un arrangiamento di "One Winged Angel", in cui al posto di "Sephiroth" è cantata la parola "Hamburger". Lo sceneggiato parodizza anche la battaglia finale tra Sephiroth e Cloud, che qui termina con l'esplosione del ristorante.
  • Oltre ad essere la nuova voce di Sephiroth in Final Fantasy VII Remake, Tyler Hoechlin ha in comune con il precedente doppiatore George Newbern il fatto di aver rivestito il ruolo di Superman: Newbern aveva doppiato il famoso supereroe in numerosi film d'animazione, mentre Hoechlin lo ha interpretato direttamente nella serie TV Supergirl.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.