FANDOM


FFIV Scarmiglione 1 PSP
Oooh... Che gioia! Che gioia avere l'onore di essere colui che vi manderà all'altro mondo! Scarmiglione, colui che diede i vostri corpi in pasto alla terra!
—Scarmiglione, prima fase

Scarmiglione è un boss opzionale presente nel primo Final Fantasy, dall'edizione Dawn of Souls in poi.

Scarmiglione era un misterioso demone della terra, avvolto in un mantello grigio. Custodiva uno dei quattro altari dell'abisso infernale, e il suo aspetto apparentemente innocuo nascondeva un potere ancora più grande.
Apparve ai guerrieri della luce e cercò di impedire loro di proseguire lungo l'abisso, ma fu sconfitto con facilità. Risorto davanti ai loro occhi increduli come un orribile nonmorto dai lunghi artigli, il demone tornò all'attacco molto più potente di prima, ma fu sconfitto definitivamente dopo un epico scontro.

BattagliaModifica

Scarmiglione è uno di quattro boss inseriti in omaggio a Final Fantasy IV, e può essere affrontato accedendo all'ingresso nord del quinto piano dell'abisso infernale. Come nella sua comparsa originale, lo scontro con Scarmiglione sono in realtà due scontri separati con due diverse forme del boss, ma questa volta saranno uno di fila all'altro, quindi non sarà possibile curarsi o salvare tra i due.

La prima forma usa quasi esclusivamente la magia Tuono, che causerà buoni danni grazie al suo elevato livello di intelligenza, ma non dispone di altre caratteristiche di rilievo.
La seconda forma, che appare immediatamente dopo la sconfitta della prima, possiede molti più PV e statistiche più elevate, ma subisce un leggero abbassamento dell'intelligenza e acquisisce, grazie al suo status di nonmorto, le debolezze al fuoco e a Dia. Questa forma può usare potenti attacchi fisici, uniti all'attacco totale Nube tossica, che causa pesanti danni.

Strategia: primo scontroModifica

La prima battaglia contro Scarmiglione sarà molto semplice e basilare: nonostante il buon valore di PV del boss, un gruppo sufficientemente livellato può sconfiggerlo senza troppi problemi. Per difendersi dai danni di Tuono, si può usare la magia NulTuono, ma è meglio non sprecare più PM di quanti ne siano necessari al lancio della magia, salvo se il gruppo necessita di cure. I guai veri arriveranno dopo questo scontro.

Strategia: secondo scontroModifica

Mi avete dato una morte degna! Devo darvene atto! E solo nella morte potete conoscere il vero terrore di Scarmiglione!
—Scarmiglione

La vera forma di Scarmiglione è un osso molto più duro da rompere, e si rende quindi necessario disporre di un gruppo in piena forma per non essere falcidiati dal suo temibile attacco totale. La maga bianca del gruppo dovrebbe avere sempre pronto Curaga per rimediare ai danni di Nube tossica, mentre il mago nero o rosso dovrebbe usare Andante e Tempra sugli attaccanti fisici. Proteggersi con Egidara e Invisira può essere utile, ma non è prioritario. Data la sua buona difesa magica, le magie non gli causeranno molti danni, quindi ci si dovrebbe concentrare unicamente sugli attacchi fisici.

StatisticheModifica

#133Modifica

Bestiario
PV 4000
Attacco 19
Precisione 50
Difesa 10
Agilità 10
Intelligenza 160
Schivata 10
Difesa magica 140
Guil 0
ESP 0
Tesori Niente
Subisce
Niente
Resiste
Terremoto Tempo Pietra
Veleno Morte
Magie
Tuono
Abilità
Niente
#132#133 → #134

FFIV Scarmiglione 1 PSP

FFI Scarmiglione 1 GBA

#134Modifica

Bestiario
PV 7046
Attacco 46
Precisione 40
Difesa 20
Agilità 10
Intelligenza 100
Schivata 10
Difesa magica 140
Guil 0
ESP 0
Tesori FFI Oggetto PSP Tela lunare
Subisce
Fuoco Dia
Resiste
Terremoto Ghiaccio Tempo
Pietra Veleno Morte
Magie
Niente
Abilità
Nube tossica
#133 ← #134 #135

FFIV Scarmiglione 2 PSP

FFI Scarmiglione 2 GBA

CuriositàModifica

  • Questa versione di Scarmiglione è l'unica dei quattro arcidiavoli elementali a seguire le meccaniche dello scontro originale con lui in Final Fantasy IV, ovvero l'essere affrontato in due forme in due scontri separati.

Nemici correlatiModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.