FANDOM


Vossler Azelas

Vossler, personaggio ospite di Final Fantasy XII

Consideriamola come un'"ospite". Diversamente da me e Fran, in qualità di "ospite" non accetterà ordini. E ci lascerà quando vorrà.
—Balthier su Amalia

L'Ospite (ゲスト, Gesuto) è un elemento di gameplay caratteristico di numerosi giochi di ruolo, presente in larga misura anche nella saga di Final Fantasy.

Con il termine "ospite" si indica un personaggio che si unisce al party giocabile per un lasso di tempo molto breve: solitamente, i personaggi ospiti hanno statistiche superiori a quelle medie del party, oppure dispongono di abilità uniche. Questo li differenzia in particolar modo dai personaggi segreti.
Sebbene in alcuni titoli l'ospite combatta a fianco del party e il giocatore possa controllarlo come un qualsiasi altro personaggio, in altri questo agirà per conto suo, manovrato dalla CPU. Solitamente, inoltre, non è possibile modificare o rimuovere l'equipaggiamento dell'ospite.

ComparseModifica

Final Fantasy IIModifica

In questo capitolo, a causa della scomparsa di Leon all'inizio del gioco, il party giocabile avrà sempre un posto libero, e saranno vari personaggi del gioco ad occuparlo in determinate occasioni. I personaggi che si uniscono al gruppo sono Minwu, Josef, Ricard, Leila e Gordon. Nelle edizioni Dawn of Souls, PSP, iOS e Android del gioco, i primi tre sono anche protagonisti in una storia bonus.

Il giocatore può controllare questi personaggi quando sono in squadra, e può tranquillamente modificarne l'equipaggiamento e la crescita di statistiche, sebbene dispongano già di statistiche predefinite al momento dell'entrata in squadra.

Final Fantasy IIIModifica

Nel terzo capitolo, sette personaggi incontrati durante la trama del gioco accompagnano il gruppo in determinate occasioni, anche se in realtà possono essere considerati personaggi ospiti solo nella versione per Nintendo DS del gioco, in quanto nell'originale versione NES non contribuiscono minimamente allo scontro e sono visibili solo tramite un cameo nel menu principale.

I personaggi ospiti non dispongono di statistiche e non contano come membri del party, ma possono intervenire a inizio turno durante le battaglie, lanciando un attacco o una magia differente a seconda del personaggio.
Durante le fasi di esplorazione (questo sia nella versione NES che nei remake) l'ospite segue il personaggio giocante, e premendo il pulsante Y della console si potrà parlare con lui ed avere un suo parere su determinati eventi.

Gli ospiti presenti nel gioco sono: Sara, Cid, Desch, Aria, Alus, Doga e Unei.

Final Fantasy IVModifica

Durante il corso del gioco Edward, Palom, Porom, Tellah, Cid, Yang e Fusoya si uniscono al gruppo per un breve periodo, sebbene solo Tellah e Fusoya possano essere realmente considerati ospiti: nelle versioni Advance e PSP del gioco, infatti, gli altri personaggi possono tornare a far parte del party giocabile dopo gli eventi del gigante di Babil, salgono di livello anche quando non sono in gioco, imparano nuove abilità e dispongono di armi finali e sfide nelle rovine lunari.

Nella versione DS, insegnare fino a due sublimazioni ai personaggi temporanei permetterà di ottenere in cambio altrettante sublimazioni basate sulle loro tecniche: ad esempio, Yang lascerà la sublimazione Accumulo, ma con una sublimazione rilascerà anche Calcio.

Final Fantasy IV: The After YearsModifica

In questo gioco, esistono personaggi che entrano a far parte del gruppo solo nelle storie individuali dei protagonisti: sono caratterizzati dall'avere un livello massimo generalmente pari a 20, salvo eccezioni, conoscono tutto quello che imparano dall'inizio, e dispongono di nessuna o poche abilità di gruppo.

I personaggi ospiti del gioco sono: Biggs, Wedge, il mago bianco, il mago nero, i tre monaci, il patriarca di Mysidia, le guardie di Edward, Fusoya e Cain?.

Final Fantasy VModifica

Nel quinto capitolo non esistono veri e propri personaggi ospiti, nè personaggi temporanei nel vero senso del termine, dal momento che Galuf e Krile possono essere considerati lo stesso personaggio.
Durante le battute finali del gioco, però, si può assistere ad una battaglia particolare, contro il boss Necrofobo, durante la quale Gilgamesh comparirà al centro del campo e inizierà ad attaccare il nemico assieme al gruppo: questo però non è considerabile un vero ospite, in quanto è possibile attaccarlo e addirittura rubare da lui (questo è addirittura consigliato).

Final Fantasy VIModifica

Final Fantasy VI è a tutti gli effetti il primo gioco della saga in cui compaiono personaggi ospiti nel vero senso del termine: per la prima volta si trovano infatti personaggi che, per quanto possano essere controllati durante le battaglie, dispongono di equipaggiamento predefinito e, a volte, abilità uniche esclusive. I personaggi si uniscono al gruppo in determinate occasioni, e tra di essi ci sono: Biggs e Wedge, i dieci moguri, gli spettri del treno fantasma, Banon e Leo Cristophe.

Final Fantasy VIIModifica

Nel settimo capitolo l'unico personaggio considerabile come un ospite è Sephiroth, che combatte a fianco di Cloud durante il flashback di Nibelheim. Sephiroth non può essere controllato, è armato della sua Masamune e può usare numerose magie di alto livello. Con lui in squadra gli scontri dureranno sempre pochissimo e con perdite nulle, visto che è in grado di rianimare Cloud con Areiz e che è virtualmente imbattibile.

Aerith Gainsborough, la fioraia di Midgar, è liberamente controllabile solamente durante il primo disco, fino a quando non viene completamente rimossa dal party, ma non è considerabile come un personaggio ospite in quanto, esattamente come i personaggi giocabili, è controllabile, il suo equipaggiamento e le sue materie sono liberamente modificabili e possiede una serie di armi esclusive nonchè di tecniche Limite.

Final Fantasy VIIIModifica

Nell'ottavo capitolo, il rivale del protagonista, Seifer Almasy, svolge il ruolo di personaggio ospite durante la prima parte dell'esame di valutazione SeeD. Dispone di una tecnica speciale chiamata Shimatsuken ed utilizza un gunblade come arma, ma la sua velocità rende più difficile effettuare colpi critici con il grilletto.
Durante il disco 3, quando i protagonisti viaggiano verso Esthar e quando assaltano la Lunatic Pandora per la prima volta, la strega Edea accompagna il party. La sua tecnica speciale si chiama Sortilegio, e utilizza poteri psichici per attaccare fisicamente.

I personaggi Laguna, Kiros e Ward possono essere considerati anch'essi personaggi ospiti, dal momento che sono utilizzabili tutti e tre solo in determinati momenti della storia. Essi condividono i Junction e le abilità dei personaggi principali, ma possiedono tecniche speciali tutte loro.

Final Fantasy IXModifica

Subito all'inizio del nono capitolo, durante la prima battaglia, l'intero party giocabile è composto da personaggi ospiti che affiancano il protagonista: Blank, Marcus ed Er Cina, membri della compagnia teatrale Tantarus, accompagnano Gidan nelle prime fasi del gioco; inoltre i primi due ritornano in squadra in un secondo momento. Questi tre personaggi dispongono del comando Ruba, come Gidan, ma non hanno altre abilità e non possono andare in trance. Le loro statistiche sono trasferite ad altri personaggi quando la trama avanza.

Un altro personaggio ospite è la shogun Beatrix, che si allea con il gruppo giocante durante due eventi del gioco. Le sue abilità sono simili a quelle di Steiner, ma sono più leggermente più potenti.

Un ulteriore personaggio ospite è Cid, temporaneamente utilizzabile nella sua forma di rospo durante una sorta di minigioco finalizzato a liberare i protagonisti nella reggia del deserto.

Final Fantasy XModifica

Come nell'ottavo capitolo, un antagonista di Final Fantasy X si unisce temporaneamente al party. Al termine della battaglia contro la scaglia Ghy, durante l'operazione Mihen, Yuna ed Auron affronteranno il mostro per una seconda volta e saranno assistiti dal maestro Seymour Guado. Seymour può essere controllato e dispone anche di una turbotecnica (Requiem), ma il suo equipaggiamento è comunque fisso.

Final Fantasy XIIModifica

Il dodicesimo capitolo è il primo a dare una definizione precisa di "personaggio ospite": gli ospiti contano come membri del party, ma non possono essere controllati in battaglia, e possono lasciare la squadra quando vogliono. Gli ospiti hanno inoltre un livello massimo che possono raggiungere, e dispongono di una riserva di oggetti personale e illimitata, cosa che rende molto utile la loro presenza; hanno inoltre equipaggiamento fisso, non possono essere rimossi dal party attivo, non sono controllabili e i loro gambit non sono disattivabili o modificabili. Gli ospiti che compaiono in questo gioco sono: Amalia, una combattente anti-imperiale che ha un volto familiare, Basch, prima che entri in squadra permanentemente, Vossler, che si unisce al party in due occasioni, Larsa, anche lui presente in due occasioni di cui una sotto falso nome, e il pirata Reddas.
Esiste un'altra categoria di personaggi chiamata personaggi di supporto: rintracciabili in determinate occasioni, questi personaggi non contano come membri del party, ma aiuteranno il giocatore se saranno abbastanza vicini a lui.

Nella versione International e nel remaster HD del gioco, gli ospiti sono controllabili e i loro gambit sono modificabili. Nella versione International, passando da una schermata a un'altra controllando un ospite, dopo la transizione si tornerà a controllare l'ultimo membro del party utilizzato prima di quest'ultimo, ma ciò non avviene nel remaster HD. Il principale svantaggio degli ospiti in questa versione è il fatto che non abbiano più le loro scorte di oggetti infiniti, ma ne usino direttamente dall'inventario. Ciò è compensato, comunque, dalla presenza di alcune abilità in più nel loro arsenale, ad esempio le utili magie curative di Larsa.

Final Fantasy XII: Revenant WingsModifica

In questo capitolo sono presenti numerosi ospiti, distinti da una barra HP dorata: non possono essere controllati, e non hanno accesso agli esper. Gli ospiti incontrabili sono i gizarabbit nella missione 4; Llyud nella missione 7; Ba'Gamnan nella missione 9; un Aegyl nella missione 11; Ricky, Elsa e Razz nelle missioni 16, 17, 18 e 19; Velis nelle missioni 21 e 23; Penelo nella missione 24; Fran nella missione 27; un gruppo di soldati dalmaschi e Gizarabbit nella missione 35.

Final Fantasy XIIIModifica

Durante il primo capitolo del tredicesimo titolo della saga, nel margine estremo, il giocatore passerà a un certo punto al controllo di Snow Villiers: durante le battaglie in questa fase il ragazzone sarà affiancato da due suoi compagni, Gadot e Lebreau, che lo supporteranno con fuoco aggiuntivo e pozioni. I due personaggi compariranno solo in questo frangente, il loro status non può essere visualizzato, e i loro PV non sono visualizzati in battaglia, sostituiti da "???".

Final Fantasy XIII-2Modifica

Durante la visita alla riserva di Sunleth (300 DD), Snow si unirà al gruppo durante le battaglie. Benché contro i budini della giungla non sia di grande aiuto, essendo un combattente fisico, darà comunque il suo appoggio durante lo scontro con il budino gigante Vostra Maturità.

Snow non ha una barra PV, è immune agli status alterati, sia positivi che negativi, e attacca usando colpi fisici alternati alla magia Rovina.

Lightning, inoltre, è un personaggio temporaneamente giocabile all'inizio del gioco, durante lo scontro con Bahamut caos.

Lighting Returns: Final Fantasy XIIIModifica

In questo capitolo appaiono due ospiti non controllabili, l'Angelo di Valhalla e Fang, che supportano Lightning in battaglia e non possono essere messi KO. L'Angelo di Valhalla si allea con Lightning nei confini selvaggi dopo essere stato salvato e rinvigorito, può essere cavalcato e combatte usando magie elementali, e diventerà più forte e più abile a planare nutrendosi con i mangimi e i rari fiori di Yeul; Fang si allea con Lightning nelle dune arse, attacca colpendo le debolezze del bersaglio e lascia la squadra dopo la conclusione della missione principale a lei dedicata.

Final Fantasy TacticsModifica

Nel primo capitolo della serie Tactics appare un nutrito numero di personaggi ospiti, che seguono il party per una serie di eventi e battaglie, alcune volte aggiungendosi ad esso in via definitiva più avanti. Finchè non si aggiungono definitivamente al gruppo gli ospiti non sono controllabili, ma il loro equipaggiamento e la loro classe possono essere modificati liberamente.
Gli ospiti incontrabili nel gioco sono Agrias Oaks, Goffard Gaffgarion, Delita Heiral, Argath Thadalfus, Ladd, Alicia, Lavian, il chocobo Boco, la principessa Ovelia Atkascha, Mustadio Bunansa, Orran Durai, Alma Beoulve, Rapha Galthena, Meliadoul Tengille, Zalbaag Beoulve, Beowulf Cadmus, Reis Duelar, il celeberrimo Cloud Strife ed il mostro Byblos. Nella versione PSP del gioco, ad essi si aggiungono Balthier e Luso Clemens.
Casualmente, combattendo in determinate mappe di gioco (come ad esempio nelle segrete del giuramento) è possibile che il party venga affiancato da un personaggio ospite casuale, a volte umano a volte mostro: a differenza degli altri ospiti questo personaggio non verrà reclutato alla fine della battaglia.

Final Fantasy Tactics AdvanceModifica

Il capitolo tattico per GBA include una serie di personaggi ospiti presenti in alcune missioni: questi personaggi, contrassegnati da una finestra dati verde anzichè blu o rossa, combattono secondo un proprio algoritmo e dispongono di abilità ed equipaggiamento preimpostati, oltre a contare in qualche modo come membri del party (il limite di personaggi schierabili in squadra è di sei elementi, ed i personaggi ospiti riducono questo limite).
Gli ospiti incontrabili nel gioco sono il professor Auggie, Ezel Berbier, Shara, Babus Swain, Ritz Malheur e il giudice Mastro Cid Randell; tutti, ad eccezione del professor Auggie, possono inoltre essere reclutati nel clan.

Final Fantasy Tactics A2: Grimoire of the RiftModifica

Gli ospiti incontrabili in questo capitolo, indicati dalla parola OSPITE nella loro finestra dati, sono Cid, Adelle, Popocho, Dayvis e il mercante di Komodo.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.