Il terzo figlio di re Ondoria III e della regina Louveria. Poiché i primi due loro figli sono morti poco dopo la nascita, il principe Orinus è l'erede al trono di Ivalice. Pochi tra i cittadini hanno ancora fiducia nell'attuale re, che partecipa raramente a questioni governative a causa di una malattia. I più sanno bene che ad avere veramente in mano il potere è la reggente che governa al suo posto.

Il Principe Orinus Atkascha è un personaggio presente in Final Fantasy Tactics. Nella prima edizione del gioco era chiamato Principe Orinas.

Un anno appena all'inizio del gioco, è l'unico figlio del re e della regina di Ivalice, ma la sua possibile ascesa al trono è ostacolata dalla presenza di un'altra erede. A dispetto della sua importanza nella storia, non fa alcuna comparsa fisica nel gioco, al di fuori di un ritratto e una descrizione nel menù Personaggi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Orphan (crisi).pngPericolo Spoiler: Seguono dettagli su trama e/o finale. (Salta sezione)

Il nuovo erede[modifica | modifica sorgente]

Orinus era il terzo figlio di re Ondoria Atkascha III e della regina Louveria, e l'unico loro erede diretto dopo la prematura morte dei suoi fratelli maggiori. Con il debole re che si avvicinava inesorabilmente alla morte, il consiglio reale, che non intendeva lasciare il trono alla regina assetata di potere, convinse il sovrano ad adottare e appuntare come propria erede la principessa Ovelia, sua sorellastra nata da madre diversa, ma la nascita di Orinus rimise tutto in discussione. Parte della corte volle considerare Orinus come il legittimo erede, ma un'altra parte parteggiava invece per Ovelia. Il leader dei cavalieri templari, Folmarv Tengille, arrivò a muovere l'accusa che Orinus non fosse nemmeno figlio del re, ma di un altro uomo che frequentava la regina Louveria in segreto.

Lotta per il trono[modifica | modifica sorgente]

Louveria organizzò un complotto con suo fratello, il duca Larg, e lo nominò tutore ufficiale di Orinus, poiché il principe era appena un infante. Con Orinus come erede e suo fratello come reggente, Louveria avrebbe potuto continuare a regnare dietro le quinte. I nobili, tuttavia, respinsero Larg in favore del duca Druksmald Goltanna, principale sostenitore di Ovelia. In seguito alla scoperta di un complotto ai danni della principessa, che portò all'estromissione di Louveria dal trono, Larg tentò frettolosamente di incoronare Orinus come re dopo la morte del padre, ma la questione non era ancora risolta e la guerra dei leoni ebbe inizio poco dopo. Mentre Larg fu assassinato e la regina scomparve misteriosamente, Orinus fu portato via da persone fedeli e passò il resto della sua vita in esilio a Romanda.

Gli spoiler finiscono qui.

Gameplay[modifica | modifica sorgente]

Profilo personaggi[modifica | modifica sorgente]

Evento 1

Il terzo figlio di re Ondoria III e della regina Louveria. Poiché i primi due loro figli sono morti poco dopo la nascita, il principe Orinus è l'erede al trono di Ivalice. Poiché è ancora un infante, è necessario che un reggente governi al suo posto. I duchi Larg e Goltanna si stanno preparando ancora oggi a competere per questa ambita posizione.

Evento 2

Il terzo figlio della regina Louveria e del fu re Ondoria III. Poiché i primi due loro figli sono morti poco dopo la nascita, il principe Orinus è il legittimo erede al trono di Ivalice. Poiché è ancora un infante, era necessario che un reggente governasse al suo posto. Tuttavia, una guerra scoppiò prima che ne fosse nominato uno, e il duca Larg dichiarò il principe Orino re con la forza.

Evento 3

Il terzo figlio della regina Louveria e del fu re Ondoria III. Poiché i primi due loro figli sono morti poco dopo la nascita, il principe Orinus era il legittimo erede al trono di Ivalice. Quando la guerra scoppiò, il duca Larg dichiarò il principe come nuovo re e se stesso come reggente. Dopo l'assassinio del duca, tuttavia, Orinus ha vissuto da fuggitivo, per poi trovare rifugio a Romanda.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.