Final Fantasy Wiki
Advertisement
Final Fantasy Wiki
Icona Gabranth 1.png Gabranth: Perché rinunci a ciò di cui devi avere più cura?
L'articolo necessita di essere completato: provvedi usando il tasto Modifica.

Midgar è la città che la Shinra ha costruito su un'imponente piattaforma a 300 metri di altezza. Qui si trovano gli otto reattori che producono l'elettricità necessaria a garantire una vita agiata alla popolazione, mentre sotto la piattaforma si estendono i bassifondi che non conoscono la luce del sole.

Midgar è un'importante città all'interno della Compilation di Final Fantasy VII.

Conosciuta come "la capitale della mako" e "la città che non dorme mai", questa gigantesca megalopoli è la struttura più tecnologicamente avanzata di tutto il pianeta, centro del potere della compagnia elettrica Shinra e fulcro di numerosi eventi durante tutto il corso della Compilation. Midgar è dove si svolge la prima parte della storia di Final Fantasy VII, con cinque membri del gruppo giocabile iniziano l'avventura qui, ma funge anche da base operativa dei protagonisti di Before Crisis -Final Fantasy VII- e Crisis Core -Final Fantasy VII- per buona parte delle rispettive storie, e compare regolarmente anche nel resto dei titoli della serie. È inoltre il luogo in cui si svolge nella sua interezza il primo episodio di Final Fantasy VII Remake, che adatta ed espande la parte del gioco originale ambientata a Midgar.

Midgar è la località in assoluto più iconica della Compilation di Final Fantasy VII, e una delle più famose della serie Final Fantasy in generale. La città incarna molti dei temi del suo gioco d'origine, tra cui il potere e la corruzione della Shinra, lo sfruttamento sconsiderato delle risorse naturali del pianeta e la disparità sociale in un mondo in continua innovazione.

Storia[]

Orphan (crisi).pngPericolo Spoiler: Seguono dettagli su trama e/o finale. (Salta sezione)

La costruzione di Midgar iniziò attorno agli anni '70, dopo che la Shinra Co. ebbe acquistato un gran numero di territori attorno all'enorme torre dove aveva costruito la sua sede. Gli abitanti delle città confinanti collaborarono con la Shinra per aumentare la manodopera per la costruzione della piattaforma, e le città stesse furono reclamate dalla compagnia per essere usate come terreno di addestramento per le truppe SOLDIER. I numerosi robot e veicoli adoperati durante quel periodo furono in seguito abbandonati, creando immense montagne d'acciaio.

La guerra di Genesis e l'insurrezione dell'Avalanche[]

Nell'anno 0000, nonostante la scarsità di fondi forniti al dipartimento per lo sviluppo urbano rispetto ai reparti di ordine pubblico e armamenti durante la guerra di Wutai, i lavori per la costruzione procedevano comunque a pieno ritmo: secondo le stime del giovane e brillante architetto Reeve Tuesti, responsabile del dipartimento, il palazzo Shinra sarebbe stato completato nell'anno 0002, e la piattaforma nel 0007. Gli imprevisti arrivarono, però, quando Midgar fu teatro di diversi attacchi da parte dell'esercito del SOLDIER fuggiasco Genesis Rhapsodos e del gruppo terroristico Avalanche.

Il colpo più duro arrivò quando uno dei leader dell'Avalanche, il folle scienziato Fuhito, iniziò a cercare le materie che permettevano di richiamare l'invocazione suprema Zirconiade, che intendeva usare per distruggere tutta la vita sul pianeta e restituirla al flusso vitale. Il piano fu sventato dai Turks, l'agenzia investigativa della Shinra, che riuscirono a fermare Fuhito e distruggere Zirconiade, ma durante la battaglia la piattaforma del settore 6, all'epoca ancora in costruzione, crollò rovinosamente sui bassifondi.
Fortunatamente nessuno abitava ancora in quella parte della piattaforma, e anche l'area sottostante era disabitata, perciò fu facile per la Shinra far passare la cosa per un incidente. Benché alcuni sforzi di ricostruzione fossero iniziati nel periodo successivo, essi furono presto abbandonati, probabilmente a causa della massiccia presenza di criminali che aveva reclamato i territori in mezzo alle rovine.

La seconda Avalanche e la caduta della Meteora[]

A causa dei ritardi nella costruzione della piattaforma, del crollo del settore 6 e del continuo aumentare di mostri, problemi alle infrastrutture, sovrappopolazione e disagio sociale, la Shinra iniziò a reputare Midgar un progetto fallimentare, e il Presidente Shinra prese in considerazione l'idea di costruirne una versione migliorata nella terra promessa, una fantomatica terra ricca di energia mako di cui si parlava nelle leggende del popolo Cetra. Il progetto fu mantenuto in stallo per diverso tempo perché l'ultimo Cetra rimasto, Aerith Gainsborough, aveva trovato rifugio nei bassifondi.
Le cose cambiarono quando una nuova cellula dell'Avalanche, guidata da Barret Wallace, mise a segno due attentati contro i reattori mako 1 e 5. Dopo aver scoperto che l'organizzazione aveva la sua base nei bassifondi del settore 7, il Presidente Shinra ordinò che il pilastro portante della piattaforma del settore 7 fosse fatto crollare e l'Avalanche fosse incolpata del fatto. La piattaforma crollò, facendo migliaia di vittime, e nel frattempo i Turks riuscirono anche a recuperare Aerith, che si trovava nell'area, riaccendendo nel Presidente Shinra la speranza di continuare il progetto Neo Midgar.

I rimasugli dell'Avalanche, sopravvissuti al crollo della piattaforma, attaccarono il palazzo Shinra per liberare Aerith, ma quella sera stessa il SOLDIER leggendario Sephiroth, creduto morto da cinque anni, riapparve misteriosamente e uccise il Presidente Shinra nel suo ufficio, spingendo i ribelli a cercarlo per capire cosa stesse cercando. La poltrona del leader dell'azienda fu subito reclamata da suo figlio Rufus, che decise di continuare i progetti del padre: nuove scoperte fatte dal professor Hojo portavano all'ipotesi che Sephiroth avesse trovato la terra promessa, perciò si decise di rintracciare lui per scoprire dove si trovava.
Il progetto Neo Midgar non vide mai la luce comunque: anche se la Shinra riuscì a seguire l'Avalanche fino al luogo dove si trovava Sephiroth, il cratere nord, il SOLDIER redivivo gettò il mondo nel caos invocando l'antica magia Meteora, costringendo tutti alla fuga. L'invocazione risvegliò anche le Weapon, le armi del pianeta: Sephiroth innalzò una barriera attorno al cratere per impedire alle creature di individuarlo, e senza un bersaglio, le Weapon si rivolsero contro i siti dove la Shinra estraeva la mako. Dopo aver distrutto con successo una delle Weapon a Junon, la Shinra fece trasferire il gigantesco cannone mako della città a Midgar, con l'intenzione di usarlo per distruggere la barriera attorno al cratere nord e lanciare un attacco contro Sephiroth.

Proprio mentre i preparativi stavano avendo luogo, un'altra Weapon iniziò a marciare lentamente verso Midgar. Potenziato da sette reattori mako attivi, il cannone sparò e distrusse l'immensa creatura e la barriera creata da Sephiroth, ma sfortunatamente la Weapon riuscì a contrattaccare prima di essere colpita, scagliando una pioggia di proiettili d'energia che colpirono il palazzo Shinra e causarono l'apparente morte di Rufus.
Con la scomparsa del presidente, la Shinra era nel caos, e mentre i membri del consiglio direttivo cercavano di riprendere il controllo della situazione, il professor Hojo prese il controllo del cannone mako e si preparò a sparare di nuovo. I membri dell'Avalanche guidati da Cloud raggiunsero Midgar lanciandosi col paracadute dall'aeronave Highwind, e riuscirono a distruggere il colossale robot Proud Clod pilotato da Heidegger e Scarlet, prima di proseguire verso il cannone: quando raggiunsero Hojo, lo scienziato spiegò di voler dare altra energia a Sephiroth, che rivelò essere suo figlio, per proseguire quello che considerava il suo esperimento più riuscito. Hojo fu tuttavia ucciso da Cloud e i suoi amici nello scontro che seguì, e il cannone fu disattivato.

Nonostante la sconfitta di Sephiroth e i tentativi di Cloud e compagni di fermare il cataclisma, Meteora si avvicinava inesorabilmente a Midgar. Reeve, alleatosi con Cloud, aveva preventivamente evacuato tutti gli abitanti della piattaforma nei bassifondi, ma la gravità dell'asteroide in avvicinamento stava distruggendo il riparo. Grazie all'aiuto dei Turks, di Yuffie Kisaragi e di Vincent Valentine, la popolazione di Midgar fu evacuata in tempo, mentre Sancta, la magia opposta a Meteora, e il flusso vitale stesso fermavano il cataclisma e salvavano il pianeta dalla distruzione.

La crisi del geostigma[]

Dopo la caduta della Meteora, Midgar fu ridotta a una triste carcassa di quello che era una volta: a dispetto di alcuni tentativi di ricostruirla, nulla di concreto si realizzò, perché le perdite di mako dalle rovine dei reattori rendevano l'area invivibile. Midgar rimase disabitata, monumento alla superbia dell'uomo nel suo abuso della linfa vitale del pianeta e tributo al sacrificio compiuto per salvarlo. Gli abitanti della città si erano trasferiti nelle aree limitrofe, e quel che rimaneva della Shinra recuperò alcuni pezzi della piattaforma per costruire una nuova città per i profughi, chiamata Edge.
Nei due anni successivi al cataclisma, chi era entrato in contatto con il flusso vitale fuoriuscito dal pianeta aveva contratto una misteriosa malattia chiamata geostigma. Cloud, che viveva a Edge assieme a Tifa Lockhart, Marlene e un orfano di nome Denzel, scoprì di avere contratto il geostigma e, in cerca di una cura, andò a vivere da solo nella chiesa del settore 5 dove aveva conosciuto Aerith, facendosi vedere solo quando lavorava. Tifa e Marlene andarono a cercare Cloud nella chiesa, dove furono sorprese da Loz, una delle ombre di Sephiroth, che riuscì a sconfiggere Tifa e rapire Marlene.

Le ombre di Sephiroth rapirono un gran numero di bambini affetti da geostigma nel tentativo di far rinascere Sephiroth, e dopo che la vecchia Avalanche riuscì a fermarli temporaneamente a Edge, si diedero alla fuga verso le rovine di Midgar, inseguiti da Cloud. Cloud ebbe un duello in moto con Loz e suo fratello Yazoo sulla vecchia tangenziale di Midgar, e dopo averli seminati raggiunse il loro capo Kadaj nella chiesa di Aerith, dove una fonte d'acqua pura sgorgata grazie allo spirito della ragazza lo guarì dal geostigma.
Kadaj riuscì a usare il proprio corpo per far tornare Sephiroth, e Cloud affrontò nuovamente la sua nemesi tra le rovine di Midgar. I due combattenti portarono altra distruzione nelle rovine al loro passaggio, facendo crollare anche un grosso pezzo del palazzo Shinra. Alla fine, proprio sul tetto dell'edificio, Cloud riuscì a sconfiggere Sephiroth una volta per tutte, e una pioggia benefica invocata da Aerith cadde dal cielo, estinguendo il geostigma.

Il caso Deepground[]

Dopo la crisi del geostigma, la World Regenesis Organization nata per aiutare le persone negli sforzi di ricostruzione scoprì una zona segreta sotto il pilastro centrale di Midgar, ma aprendone l'accesso liberò un esercito segreto dell'organizzazione Deepground, nata dalla sezione scientifica della Shinra.
Il leader dell'organizzazione, Weiss, inviò il suo esercito in giro per il mondo, alla ricerca di tutte le persone che non avevano contratto il geostigma, per catturarle e portarle nel reattore mako 0: l'intento era uccidere tutte queste persone non contaminate nello stesso posto per far credere al pianeta di essere in pericolo e spingerlo a invocare la più potente delle Weapon, Omega, che sarebbe apparsa solo per rimuovere il flusso vitale dal pianeta e trasferirlo in un altro mondo.

La WRO lanciò un attacco da terra e dal cielo contro l'esercito di Deepground a Midgar, e durante la battaglia Vincent attraversò il cimitero dei treni per raggiungere il complesso centrale e si infiltrò nelle rovine del palazzo Shinra, dove trovò l'ascensore che portava a Deepground e al reattore mako 0. Weiss riuscì a invocare Omega, che si collegò ai reattori mako di Midgar per assorbire il flusso vitale del pianeta, ma lo sforzo combinato della vecchia Avalanche, che distrusse definitivamente i reattori, e di Vincent, che usò il potere di Chaos che albergava in lui, riuscì a sconfiggere l'immensa arma.
Omega scomparve e il flusso vitale tornò nuovamente al pianeta, e nel periodo che seguì la vita cominciò lentamente a tornare nella landa attorno a Midgar.

In un futuro lontano[]

Cinquecento anni dopo la caduta di Meteora, Nanaki e i suoi cuccioli corsero in cima all'altopiano vicino alle rovine di Midgar: quello che una volta era un mostro di cemento e metallo in mezzo a un deserto era ormai stato reclamato dalla natura, ricoperto di vegetazione e circondato da un'immensa foresta e dal mare che si era espanso nell'area a nord.

Gli spoiler finiscono qui.

Località[]

Guarda lì. È tutta colpa di quella maledetta piattaforma se là sotto si fa una vita da inferno.
—Barret Wallace

Midgar è situata nella zona nord-ovest del continente orientale della mappa del mondo, al centro dell'area conosciuta come landa di Midgar.

Si tratta di una città sospesa a diverse decine di metri dal suolo, costituita da un'immensa piattaforma circolare sorretta da un enorme pilastro centrale, e otto reattori che estraggono e raffinano l'energia mako che dà elettricità a tutta la struttura. Sulla piattaforma si trova la città vera e propria, divisa in otto settori, ciascuno alimentato da un reattore, mentre sotto si trovano i bassifondi dove vivono gli abitanti più sfortunati. Ogni settore della piattaforma è sorretto da un enorme pilastro portante, e ciascuno di questi pilastri è dotato di un sistema di autodistruzione d'emergenza che può far crollare l'intero settore.
Prima che la piattaforma fosse costruita, Midgar era suddivisa in città individuali, ma i nomi di queste città sono stati pian piano dimenticati in favore di riferirsi ad esse con il numero dei settori in cui si trovano. L'area in cui sorge il pilastro centrale ospita una città segreta e un nono reattore mako di cui in pochi conoscono l'esistenza.

La costruzione della piattaforma è iniziata negli anni '70, circa trent'anni prima degli eventi di Final Fantasy VII, ed è ancora in fase di completamento durante il gioco. Essendo stata costruita dalla Shinra, Midgar è essenzialmente sotto il completo controllo della compagnia, che la governa con il pugno di ferro e ne amministra tutte le funzioni dall'enorme palazzo Shinra al centro della piattaforma: sebbene Midgar abbia un sindaco, Domino, il vero leader della città, e di fatto di tutto il mondo, è il Presidente Shinra.

Grazie ai suoi otto reattori mako, Midgar riceve una costante quantità di energia che permette di dare una vita agiata alle decine di migliaia di persone che la abitano, ma questa comodità arriva al prezzo dell'ambiente circostante: a causa dell'enorme quantità di flusso vitale assimilato quotidianamente dai reattori, il territorio attorno alla megalopoli è diventato una landa desolata in cui non cresce quasi niente per chilometri. Proprio per questo, i reattori sono i principali bersagli di gruppi terroristici come l'Avalanche, che combattono per fermare lo sfruttamento continuo dell'energia vitale del pianeta.

Aree[]

La piattaforma di Midgar è suddivisa in otto spicchi di uguali dimensioni denominati settori, delimitati da alte pareti lungo tutti i lati, mentre al centro si trova il settore 0 che ospita il quartier generale della Shinra. Agli angoli esterni di ciascun settore stanno i reattori mako, adeguatamente numerati in base al settore a cui danno energia: il reattore mako 1, situato tra i settori 1 e 8, punta verso nord e tutti gli altri seguono in senso orario lungo la circonferenza.
Gli spostamenti tra i settori avvengono tramite enormi strade tangenziali e ponti ferroviari, e il sistema ferroviario è anche il solo modo per muoversi tra la piattaforma e i bassifondi sottostanti, che non sono serviti da alcun sistema stradale. I treni raggiungono i bassifondi attraverso il tunnel elicoidale, che passa intorno al pilastro centrale. All'interno del pilastro è invece presente la città segreta di Deepground, da cui si accede solo tramite un ascensore segreto nel palazzo Shinra.

Le dimensioni effettive della città non sono chiare: in qualunque incarnazione, il palazzo Shinra al centro appare enormemente sproporzionato rispetto a qualunque altro edificio sulla piattaforma, e molte località hanno dimensioni inconsistenti tra un'apparizione e l'altra. Nei titoli della Compilation, la piattaforma era sospesa a 50 metri da terra, ma in Final Fantasy VII Remake l'altezza è stata aumentata a 300 metri, e la piattaforma in generale è stata notevolmente ingrandita, rendendo il palazzo ancora più improbabilmente alto.
Nei giochi, tutte le sequenze che hanno luogo sopra la piattaforma avvengono sempre di notte, mentre le sequenze ambientate nei bassifondi avvengono durante il giorno, con la luce del sole che filtra dai bordi della piattaforma. In Final Fantasy VII Remake, durante il giorno, i bassifondi sono illuminati da enormi lampade che fungono da soli artificiali.

I soli settori di Midgar che non sono mai visitati nemmeno una volta in tutta la Compilation di Final Fantasy VII sono i numeri 2 e 3.

Piattaforma[]

Settore 0
Articolo principale: Settore 0

Il settore 0 è la piattaforma centrale su cui sorge il palazzo Shinra, un enorme grattacielo di settanta piani che domina l'intera città. Non vi sono altre strutture abitate attorno al palazzo, solo un enorme sistema di tubature collegato agli otto reattori della città, e una serie di torri e piattaforme di controllo.
Sotto il palazzo si trova la vecchia città del settore 0, ora conosciuta come Deepground, dove sono condotti numerosi esperimenti segreti.

Settore 1
Articolo principale: Settore 1

Il settore 1 è il primo settore visto nella serie, ed è dove inizia l'avventura di Final Fantasy VII e Crisis Core. La sola zona visitata in entrambi i giochi è la stazione ferroviaria all'angolo nord-ovest, che conduce direttamente al reattore mako 1.

Settore 4
Articolo principale: Settore 4

Il settore 4 è un settore residenziale visto in Final Fantasy VII e Crisis Core, l'ultimo ad essere stato completato. La piattaforma superiore non è mai visitata, e le sole aree viste sono le intercapedini sottostanti che conducono al reattore mako 5, che all'epoca di Final Fantasy VII sono in condizioni precarie e brulicano di mostri.
In Final Fantasy VII Remake, qui è possibile osservare alcuni dei meccanismi interni con cui funziona Midgar, inclusi gli enormi sistemi di ventilazione e le gigantesche lampade usate per illuminare i bassifondi, che i personaggi si trovano a spegnere per dare energia a un ascensore necessario a proseguire verso il reattore.

Settore 5
Articolo principale: Settore 5

Il settore 5 è uno dei più importanti apparsi nella Compilation, e appare in vari titoli. Le sole zone visitate sono il reattore mako 5 e i bassifondi. Nei bassifondi si trova una grande area abitata circondata da montagne di rifiuti e macerie, a poca distanza dalla quale si trova una chiesa in rovina, e sono tra le poche zone di Midgar in cui piante e fiori crescono naturalmente.
I bassifondi del settore 5 sono il luogo che Aerith chiama casa, e sono un'area molto ospitale dove però può risultare difficile guadagnarsi la fiducia degli abitanti.

Settore 6
Articolo principale: Settore 6

Il settore 6 è la zona più malfamata di Midgar, ed è visto in numerosi titoli della Compilation, incluso Before Crisis dove è il luogo in cui avviene la battaglia finale. Parte della piattaforma superiore è crollata qualche tempo prima degli eventi di Final Fantasy VII, fortunatamente con pochissime vittime, e da allora il settore è un cumulo di rovine che la Shinra non sembra avere alcun interesse a completare.
Le rovine sono frequentate prevalentemente da mostri e criminali, ma nell'area più vicina al pilastro centrale si trovano ancora zone sicure. Il settore 6 è la dimora di Don Corneo, capo della malavita di Midgar, e attorno al suo palazzo sorge un enorme mercato che la Shinra ha circondato con una muraglia per limitarne l'espansione, rendendolo noto come il mercato murato.

Settore 7
Articolo principale: Settore 7

Il settore 7 è il settore più importante dell'originale Final Fantasy VII. Anche di questo settore, la piattaforma superiore non è mai vista direttamente, mentre i bassifondi sono la prima area tranquilla in cui il giocatore può trovarsi durante l'avventura. I bassifondi sono la casa di Barret e Tifa, ospitano il bar Settimo cielo che funge anche da base per l'Avalanche, e sono un'area frequentemente sorvegliata dalla Shinra. Nell'area si trova anche il pilastro che sorregge la piattaforma, che durante la storia è fatto crollare dalla Shinra per distruggere la base dell'Avalanche, mentre al confine con il settore 6 si trova il cimitero dei treni, un vecchio deposito di treni infestato da fantasmi.
In Final Fantasy VII Remake, l'area dei bassifondi è notevolmente espansa, con l'aggiunta di una vecchia fabbrica appartenuta a una società chiamata Tallaga e un laboratorio segreto situato nei sotterranei. Inoltre, il gioco rende visitabile per la prima volta una parte della piattaforma superiore, una zona residenziale dove si trovano la casa della famiglia di Jessie e una succursale della Shinra dove vengono prodotte armi ed esplosivi.

Settore 8
Articolo principale: Settore 8

Il settore 8 è il luogo che apre la storia dell'originale Final Fantasy VII, e appare frequentemente anche in Crisis Core e Before Crisis. Al contrario degli altri settori, di questo è regolarmente vista solamente la piattaforma, in particolare la piazza della fontana e corso Loveless, mentre i bassifondi non sono mai visitati. In questo settore avvengono numerosi incontri importanti per la storia della Compilation, incluso il primo incontro tra Cloud e Aerith e, in Remake la prima comparsa dei Numen, e verso la fine del gioco originale è qui che viene installato il gigantesco cannone Sister Ray.

Tangenziale
Articolo principale: Tangenziale di Midgar

La tangenziale è una grande strada a scorrimento veloce costruita allo scopo di permettere di spostarsi lungo tutta Midgar, e persino uscire da essa. All'epoca degli eventi di Final Fantasy VII, la parte superiore della strada è ancora in costruzione, ma il punto dove finisce il cantiere è sufficientemente lontano da permettere ai protagonisti di oltrepassare la barriera e uscire da Midgar per sfuggire alla Shinra.

Tunnel elicoidale
Articolo principale: Tunnel elicoidale

Il tunnel elicoidale è una lunga galleria ferroviaria che gira intorno al pilastro centrale di Midgar per collegare la piattaforma ai bassifondi. A metà del pilastro, apparecchi di scansione identificano chiunque passi nell'area, attivando l'allarme in caso di attività sospette.

Bassifondi[]

Articolo principale: Bassifondi di Midgar

I bassifondi sono ciò che resta delle vecchie città che si trovavano nella landa prima che Midgar fosse costruita. In seguito alla costruzione della piattaforma, sono diventati la dimora dei cittadini meno abbienti, e nel corso degli anni sono stati ricoperti di rifiuti e macchinari in disuso che hanno drasticamente modificato il paesaggi. Gli abitanti dei bassifondi non vedono mai il cielo, a causa della piattaforma che blocca la vista, ma Final Fantasy VII Remake rivela la presenza di un sistema di lampade che illuminano l'area sottostante durante il giorno.
Final Fantasy VII The First SOLDIER, ambientato trent'anni prima degli eventi dell'originale Final Fantasy VII, è il primo gioco a mostrare l'aspetto dei bassifondi prima che la piattaforma fosse completata, quando ancora le montagne di rifiuti non esistevano e l'attività dei reattori mako non aveva ancora prosciugato la vegetazione nell'area.

Sotterranei[]

Rete fognaria
Articolo principale: Rete fognaria

La rete fognaria è il sistema di fognature di Midgar, che accoglie l'acqua reflua di tutta la città, sia dai bassifondi che dalla piattaforma. Come qualunque cosa al di sotto della piattaforma, non è in condizioni esattamente ottimali, ed è infestata da mostri aggressivi, alcuni dei quali molto intelligenti.

Deepground
Articolo principale: Deepground

Situata sotto il pilastro centrale, Deepground è quello che resta della città che fu la prima sede della Shinra, il luogo dove era stato costruito il primo reattore mako, il reattore mako 0. Sotto la città, attorno al reattore, si trova un laboratorio dove una divisione scientifica segreta della compagnia aveva operato una serie di esperimenti su soggetti umani, sulla falsariga del progetto Jenova. L'area è completamente sigillata, e un sistema di ologrammi proietta un cielo fittizio sul soffitto.

Gameplay[]

Final Fantasy VII[]

Midgar è un insieme di livelli e location visitate durante la prima parte del gioco. La permanenza nella città comincia all'inizio del gioco, con l'attentato al reattore mako del settore 1, e passa attraverso varie località prima di concludersi al palazzo Shinra.
Le località visitate sono le seguenti:

  • Sector 1
  • No. 1 Reactor
  • Sector 8
  • Sector 7 Slums
  • Winding Tunnel
  • Sector 4 Plate
  • No. 5 Reactor
  • Church in the Slums
  • Sector 5 Slums
  • Sector 6
  • Wall Market
  • Sewer
  • Train Graveyard
  • Shinra Bldg.

Dopo che il giocatore ha lasciato Midgar, non sarà più possibile accedervi finché il giocatore non avrà ottenuto l'aeronave e trovato una chiave a Bone Village, e anche così le sole aree a cui sarà possibile accedere liberamente saranno il settore 5 e il mercato murato. Il palazzo Shinra e il settore 8 sono brevemente visitabili durante l'assalto a Midgar durante l'ultimo atto del gioco, assieme al cannone Sister Ray, ma una volta conclusa questa sequenza saranno nuovamente inaccessibili.

Final Fantasy VII Remake[]

Midgar è il luogo in cui è ambientato, nella sua interezza, il primo episodio del rifacimento di Final Fantasy VII. La storia ricrea gli eventi del gioco originale dall'attentato al reattore mako alla fuga in moto dal palazzo Shinra, perciò tutte le aree che compongono Midgar sono state notevolmente espanse, con interi capitoli individuali dedicati a ciascuna di esse, e sono presenti anche aree completamente nuove:

  • Reattore mako 1
  • Settore 8
  • Bassifondi del settore 7
    • Pilastro del settore 7
  • Settore 7
  • Tunnel elicoidale
  • Settore 4 - Piattaforma
  • Bassifondi del settore 5
  • Bassifondi del settore 6
    • Tangenziale crollata
    • Mercato murato
  • Cimitero dei treni
  • Settore 7 - Resti della piattaforma
    • Laboratorio sotterraneo Shinra
    • Resti della piattaforma
  • Settore 0 - Palazzo Shinra
  • Tangenziale di Midgar
    • Singolarità

Nell'episodio speciale dedicato a Yuffie in Final Fantasy VII Remake Intergrade sono rese visitabili nuove aree.

Crisis Core -Final Fantasy VII-[]

Articolo principale: Midgar (Crisis Core)

Midgar funge da base per il giocatore dall'inizio del gioco fino al capitolo VII, superato il quale non sarà più visitabile. Il numero di aree cui il giocatore ha accesso aumenta con l'avanzare della storia, anche se alcune zone sono visitabili solamente una volta durante la trama.
Un gran numero di missioni ha inoltre come sfondo varie località non specificate della piattaforma o dei bassifondi.

Dirge of Cerberus -Final Fantasy VII-[]

Midgar è visitata durante le battute finali del gioco, tra il capitolo 8 e il capitolo 12. Le zone esplorate comprendono località conosciute e completamente nuove:

  • Cimitero dei treni
  • Complesso centrale
  • Palazzo Shinra
  • Deepground
  • Reattore mako 0
  • Sopra Midgar

Musica[]

Midgar ha vari temi musicali a seconda della zona della città in cui ci si trova, ma il più ricorrente è "Under the Rotting Pizza", riprodotto in varie zone dei bassifondi: il brano prende il nome dalla piattaforma superiore, che da lontano ricorda una pizza. Altri temi riprodotti frequentemente sono "Lurking in the Darkness", udibile nelle zone superiori della piattaforma, e "The Oppressed", udibile invece nel settore 6 e, nel gioco originale, nel mercato murato.
Numerosi altri temi sono udibili negli altri capitoli della Compilation, e Final Fantasy VII Remake ogni zona ha il suo tema personale, o anche più di uno.

Altre comparse[]

Dissidia 012 Final Fantasy[]

Midgar è il nome di uno dei server della lobby online della modalità multiplayer del gioco.

Dissidia Final Fantasy NT[]

Midgar in Dissidia

Midgar appare in questo gioco come arena, in rappresentanza di Final Fantasy VII. Durante la storia, qui è dove Gidan e Terra vengono intercettati dall'Imperatore e da Sephiroth nella loro ricerca degli Esper del mondo in cui si trovano, ma ricevono l'aiuto inaspettato di Kuja, che cambia schieramento e combatte al loro fianco.

Si tratta di un'arena piuttosto grande, costituita dalla parte superiore della piattaforma del reattore mako 5: l'area è costellata di impalcature e container, uniti a scalinate e dislivelli che rendono più difficile colpire direttamente gli avversari dalla distanza, mentre sullo sfondo sono ben visibili il reattore, le piattaforme dei settori 4 e 5 e il palazzo Shinra in lontananza. Quando una delle due squadre di combattenti ha un netto vantaggio sull'altra, l'arena è avvolta in un'aura rossastra, ed enormi colonne di fuoco appaiono dai bordi, mentre la spaventosa immagine della Meteora incombe minacciosa sullo sfondo.

Theatrhythm Final Fantasy[]

Midgar appare come sfondo durante i brani musicali "Let The Battles Begin!" e "Fight On", e appare anche sullo sfondo durante il brano "Main Theme of Final Fantasy VII".

Theatrhythm Final Fantasy Curtain Call[]

Midgar appare come sfondo durante i brani musicali "Let The Battles Begin!" e "Fight On", e appare anche sullo sfondo durante il brano "Main Theme of Final Fantasy VII". Una seconda versione di Midgar appare come sfondo durante i brani musicali "J-E-N-O-V-A" e "One-Winged Angel" di Advent Children.

Final Fantasy Airborne Brigade[]

Midgar appare come area in questo social game.

Comparse esterne a Final Fantasy[]

Super Smash Bros.[]

Midgar in SSB4.

Midgar appare nella serie crossover di Nintendo come arena, introdotta in Super Smash Bros. per Nintendo 3DS e Wii U come parte del contenuto scaricabile dedicato a Cloud. Il campo di battaglia ha lo stesso layout delle Rovine, l'arena di base, ed è costituito da una piattaforma fluttuante con tre piattaforme più piccole disposte a triangolo sopra di essa. La città di Midgar, con la torre del palazzo Shinra, è ben visibile sullo sfondo.

L'arena comprende anche particolari ostacoli rappresentati dalle invocazioni: durante gli scontri, una materia rossa potrebbe apparire e fluttuare attorno ai giocatori prima di fermarsi su una piattaforma, e chiunque la tocchi potrà invocare una potente creatura per danneggiare gli altri giocatori. Le invocazioni utilizzabili sono:

  • Odino: usa Zantetsuken per tagliare in due l'arena. I giocatori coinvolti nel colpo vanno KO all'istante, funziona anche sull'invocatore.
  • Leviatano: usa Tsunami per inondare l'arena. Un fiume impetuoso appare sotto la piattaforma e i giocatori che finiscono nell'acqua sono trascinati velocemente verso il KO.
  • Ramuh: usa Spirale di saette per elettrificare l'arena. Le piattaforme cambiano costantemente disposizione e i giocatori che le toccano sono danneggiati.
  • Ifrit: usa Fiamme infernali per infuocare l'arena. Una colonna di fuoco inclina la piattaforma e i giocatori che la toccano sono danneggiati.
  • Bahamut ZERO: usa Teraflare per colpire l'arena dall'alto. Un potente raggio colpisce un'area contrassegnata della piattaforma, causando pesanti danni ai giocatori coinvolti.

L'arena di Midgar ritorna assieme a Cloud in Super Smash Bros. Ultimate senza alcuna modifica di rilievo.

Etimologia[]

Il nome di Midgar deriva da Midgard, o Miðgarðr, uno dei nove regni nella mitologia nordica: il nome significa "terra di mezzo", ed è il regno dove Odino e i suoi fratelli posero i primi uomini al momento della creazione. Midgard si trova esattamente in mezzo all'albero sacro Yggdrasill, circondata lungo la sua circonferenza dal serpente Midgardsormr, è collegata al regno divino di Asgard tramite il ponte arcobaleno Bifrost, e oltre i suoi confini si trovano quattro regni ostili. Secondo il mito, durante il Ragnarok, Midgar sarà distrutta dalle fiamme della battaglia finale, e un nuovo mondo emergerà dalle sue ceneri.

Diversi elementi del mito sono presenti in Final Fantasy VII: Midgar è un paradiso per la razza umana attorno al quale si trova una landa ostile, alla fine del gioco è devastata da un cataclisma ma dopo i titoli di coda è mostrato che nuova vita è nata dalle ceneri del disastro.

Curiosità[]

  • All'interno del palazzo Shinra si trova un modello di Midgar, che secondo l'audioguida del museo rappresenterebbe la città in scala 1/10000. Questa affermazione è tuttavia estremamente improbabile: se il modello fosse accurato, la superficie di Midgar si estenderebbe ben oltre quella di qualunque città realmente esistente, e il palazzo Shinra, che nel modello sembra essere alto circa un metro senza contare la base, si innalzerebbe ben 10 chilometri in altezza, più del monte Everest.
Advertisement