FANDOM


FFI Khaos PSP

Khaos è il boss finale del primo Final Fantasy.

Khaos era il potente dio della discordia nel quale Garland si era reincarnato dopo la morte. Apparso nel santuario del caos duemila anni nel passato, inviò nel presente i demoni elementali allo scopo di oscurare la luce dei cristalli.
Apparve davanti ai guerrieri della luce dopo che essi ebbero sconfitto i quattro demoni nel presente e nel passato, e fu sconfitto dagli eroi dopo un epico scontro che pose fine al ciclo temporale infinito.

BattagliaModifica

Khaos è il boss finale del gioco e, nelle versioni precedenti quella per Game Boy Advance, il nemico più potente in assoluto: non si tratta di un nemico impossibile, ma potrebbe comunque far sudare sette camicie a un gruppo poco allenato.

Il boss alterna potenti attacchi fisici capaci di causare Paralisi a un vasto arsenale di magie e abilità speciali: le magie sono usate ripetutamente in questo ordine: BuferagaAdagioraTuonagaEnergijaAndanteFuocagaBuferaraFusione, mentre le abilità speciali di cui dispone sono invece quattro potenti attacchi che rappresentano i demoni elementali: Vampa, Tsunami, Ciclone e Terremoto, quest'ultimo molto pericoloso per la possibilità di causare morte istantanea a tutto il gruppo.
La magia più snervante di Khaos è tuttavia Energija, che ripristinerà tutti i suoi PV a prescindere dal loro valore residuo, nonostante a video appaia comunque la cifra 9999 se la quantità curata è superiore.

StrategiaModifica

FF1 Final Battle

La cosa più utile da fare per proteggere il gruppo dagli attacchi di Khaos è dotare almeno tre personaggi di un Fiocco, che darà loro resistenza a tutti gli elementi: nelle prime versioni del gioco questo è il massimo numero di fiocchi ottenibili, ma a partire dall'edizione per Game Boy Advance è possibile trovarne un altro; nel caso non si disponga di abbastanza fiocchi, le magie NulTutto o NulMorte serviranno egregiamente allo scopo, così come dotarsi di un anello protettivo per proteggersi dagli attacchi di morte immediata. I personaggi colpiti da Adagiora possono essere curati usando Andante, mentre per vanificare gli attacchi fisici del boss può essere utile lanciare più volte Invisira sul gruppo.
Dal momento che Khaos resiste a tutti gli elementi e possiede un'alta difesa magica, gli attacchi fisici sono la scelta migliore, e possono essere potenziati tramite Andante, Tempra e l'effetto Sciabola garantito dai Guanti giganti: uno stregone nero equipaggiato con la Masamune può dare il suo contributo usando Sciabola su di sé, ma in alternativa anche la magia Fusione farà un buon lavoro. La maga bianca, soprattutto se potenziata in strega bianca, dovrebbe naturalmente occuparsi della cura del gruppo una volta evocate le dovute magie protettive. Un buon modo per evitare imprevisti è rimanere sulla difensiva e potenziare il gruppo finché Khaos non usa Energija, e a quel punto attaccarlo con tutte le risorse disponibili finché, finalmente, non crolla.
Se il gruppo non dispone di abbastanza intelligenza da usare con efficacia le magie curative, può rendersi necessario avere una Verga curativa o un Elmo curativo nell'inventario, in modo da usarli ad ogni turno per curare il gruppo.

StatisticheModifica

Bestiario
PV 20000
Attacco 170
Precisione 200
Difesa 100
Agilità 50
Intelligenza 40
Schivata 100
Difesa magica 200
Guil 0
ESP 0
Tesori Niente
Subisce
Niente
Resiste
Terremoto Fuoco Tuono
Ghiaccio Tempo Pietra
Paralisi Veleno Cecità
Sonno Mutismo Caos
Mente Morte
Magie
Adagiora, Fuocaga, Tuonaga, Buferara, Buferaga, Energija, Andante, Fusione
Abilità
Vampa, Tsunami, Terremoto, Ciclone
#127#128 #129

FFI Khaos PSP

FFI Khaos GBA

FFI Khaos PS

FFI Khaos NES

CuriositàModifica

  • Gli attacchi speciali di Khaos sono ripresi nell'universo di Dissidia come parte del set di mosse di Garland.
  • L'animazione di sconfitta di Khaos, che lo vede disintegrarsi lentamente, è stata ripresa in quasi tutti i capitoli in 2D della saga, e anche in Final Fantasy VII e Final Fantasy X.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.