La Chiesa di Glabados è un'importante organizzazione presente in Final Fantasy Tactics.

Si tratta di un gruppo religioso che detiene un forte potere nel regno di Ivalice da circa 1200 anni. La chiesa si formò dopo la caduta di Mullonde, il centro del farismo, ed è incentrata sulla figura divina del santo Ajora Glabados.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Orphan (crisi).pngPericolo Spoiler: Seguono dettagli su trama e/o finale. (Salta sezione)

Inizialmente vi era un gruppo di famiglie che testimoniarono il primo miracolo di sant'Ajora: appena nato, egli si alzò in piedi e parlò riguardo un pozzo la cui acqua era contaminata. Coloro che bevvero dal pozzo morirono poco dopo mentre coloro che ascoltarono la sua profezia si affrettarono a proclamare Ajora come figlio degli dèi.

Quando raggiunse i vent'anni, Ajora cominciò a diffondere la parola della venuta del paradiso. I sacerdoti faristi, temendo la sua crescente influenza, lo accusarono di essere un traditore del sacro impero di Ydoran e lo condannarono all'impiccagione. La sua morte fu seguita da un enorme cataclisma che distrusse il farismo, facendo spronfare negli abissi il suo centro, e l'impero.

Coloro che avevano fede in Ajora predicarono riguardo la sua divinità, e poco dopo, si formò la chiesa di Glabados.

La chiesa di Glabados in verità era corrotta e sant'Ajora Glabados, il "messia" su cui era fondata, era posseduto dal demone Lucavi Ultima, anche se pochi ormai sapevano tutto questo all'interno della chiesa.

Il capo della chiesa al tempo della guerra dei leoni era il gran confessore Marcel Funebris, che cercò di accrescere la potenza della chiesa. Grazie alla guerra i due ordini cavallereschi di Ivalice si indebolirono a vicenda, e Marcel cercò di approfittarne per inserire la chiesa in un eventuale vuoto di potere. Egli era a conoscenza che i cavalieri templari, guidati da Folmarv Tengille, erano posseduti dai Lucavi e che il loro intento era quello di far risorgere Ultima. Cuchulainn Quando Ramza Beoulve scoprì la vera natura della chiesa, venne etichettato come eretico ed accusato dell'omicidio del cardinale Alphonse Delacroix, posseduto dal demone lucavi Cúchulainn: questo diede maggior libertà ai cavalieri templari di ostacolare gli sforzi di Ramza per fermare i Lucavi. Alla fine il gran confessore venne tuttavia assassinato dai templari stessi, in quanto non era più utile ai Lucavi.

La chiesa di Glabados sopravvisse diversi secoli dopo la caduta di Ultima impedendo la pubblicazione degli scritti di Durai. Gli scritti vennero successivamente scoperti da Arazlam Durai, un discendente dell'autore, Orran Durai.

Gli spoiler finiscono qui.

Dietro le quinte[modifica | modifica sorgente]

Come il resto dell'ambientazione di Final Fantasy Tactics trae ispirazione dall'Europa medievale, la Chiesa di Glabados è fortemente ispirata alla Chiesa cristiana: entrambe sono fondate su una figura santa a cui sono attribuiti numerosi miracoli e che è stata contrastata dalla fede dominante della sua epoca, entrambe hanno iniziato come culti indipendenti fino a ottenere un enorme potere temporale e la capacità di influenzare la politica, ed entrambe si basano su una gerarchia patriarcale con a capo un pontefice massimo (la carica di Funebris è espressamente chiamata "Papa" nella versione giapponese del gioco).

La principale differenza con la religione cristiana è che la chiesa di Glabados professa una fede politeistica, anziché un unico Dio: questo è reso evidente da alcune battute di dialogo, in particolare durante la preghiera di Ovelia proprio all'inizio del gioco, in cui usa il termine kami-gami, che significa "dei" indiscutibilmente al plurale.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nei dati di gioco sono presenti tre ritratti inutilizzati di personaggi che, a giudicare dai vestiti, avrebbero dovuto essere legati alla Chiesa di Glabados: il primo è il prete che presiede al funerale alla fine del gioco, ma senza copricapo, il secondo è un uomo con i capelli corti e i baffi neri, e il terzo è un uomo calvo che assomiglia a Zalmour Lucianada.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.