FANDOM


I cavalieri templari erano un ramo armato della chiesa di Glabados in Final Fantasy Tactics, guidati da Folmarv Tengille. La maggior parte di loro erano sotto il controllo o in combutta con i demoni Lucavi, altri invece, come il figlio di Folmarv, Isilud, non erano nemmeno a conoscenze dell'esistenza di tali demoni. Quando Ramza Beoulve venne dichiarato eretico dopo essersi messo in mezzo nelle oscure trame dei Lucavi, i cavalieri templari tentarono di tutto per non permettere che il ragazzo interferisse nel loro piano di resuscitare Ultima.

Nonostante il fallimento della maggior parte dei Lucavi, tre cavalieri templari, tra cui Folmarv, scoprirono la posizione del portale nelle necropoli di Mullonde, minacciando il gran confessore Marcel Funebris, dove fu sepolto sant'Ajora Glabados, ospite umano di Ultima. Folmarv riuscì ad aprire il portale grazie al vangelo di Germonique sotratto precedentemente a Ramza rimanendo al suo interno per custodirlo, mentre gli altri due tentarono di fermare Ramza e il suo gruppo che continuava ad avanzare.

Dopo alcune estenuanti lotte, Ramza raggiunse Folmarv nel cimitero delle aeronavi, e quest'ultimo, per adempiere al sacrificio di sangue che occorreva per risvegliare Ultima, si trasformò nel demone Lucavi Hashmal per uccidere Ramza e il suo gruppo. Tuttavia, Folmarv fu sconfitto e per completare il rituale decise di sacrificare il proprio sangue, riuscendo a risuscitare Ultima.

TerminologiaModifica

I cavalieri templari (formalmente chiamati "poveri compagni d'armi di Cristo e del tempio di Solomone") erano un ordine reale di cavalieri medievali che combatterono nelle crociate. Terminate le varie crociate, il re di Francia Filippo IV il Bello riuscì a estinguerne l'esistenza con accuse diffamatorie, nel tentativo di attaccare il papato. Al giorno d'oggi, l'ordine dei cavalieri templari è stato oggetto di numerosi miti e leggende, fra cui il fatto che vantassero ricchezze oltre ogni immaginazione o che custodissero il Santo Graal.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.