FANDOM


FFXV Catoblepas Art

Il Catoblepas è un mostro apparso in diversi titoli della saga di Final Fantasy. In alcuni titoli è anche chiamato Catoblepa o Catoplepas.

Questo mostro non ha mai avuto un aspetto definito in tutti i capitoli della saga: inizialmente è apparso con l'aspetto di un bovino, coerentemente con la figura mitologica su cui è basato, ma con gli anni è diventato una varietà di behemoth. I remake di alcuni titoli classici lo introducono invece come una varietà di lucertola.

Anche le abilità del catoblepas hanno subito variazioni, ma la più ricorrente è la capacità di causare lo status Pietra con l'abilità Sguardo pietrificante.

ComparseModifica

Final FantasyModifica

FFI Catoblepa PSP
Articolo principale: Catoblepa (Final Fantasy)

Il catoblepa appare in questo gioco come nemico di medio livello. Introdotto a partire dall'edizione Dawn of Souls del gioco, può essere incontrato nei dungeon opzionali introdotti nei remake.

Il catoblepa alterna i normali attacchi fisici all'abilità Sguardo, che infligge status Pietra a un personaggio.

Final Fantasy IIModifica

FFII Catoblepas PSP
Articolo principale: Catoblepa (Final Fantasy II)

Il catoblepa appare in questo gioco come mostro di medio livello. Introdotto a partire dall'edizione Dawn of Souls del gioco, può essere trovato nel palazzo ignoto nell'episodio speciale Rinascita.

Il catoblepa può far uso dell'abilità Sguardo V per infliggere status Pietra a un personaggio.

Final Fantasy IIIModifica

FFIII Catoblepa
Articolo principale: Catoblepa (Final Fantasy III)

Il catoblepa appare ufficialmente per la prima volta in questo gioco, come nemico comune. Simile a un toro alato, può essere affrontato nelle aree attorno a Saronia e nella torre del drago.

Il catoblepa non possiede abilità particolari, e anche se appare in coppia non rappresenta un pericolo serio.

Final Fantasy IVModifica

FFII Rettile glaciale PSP
Articolo principale: Catoblepas (Final Fantasy IV)

Il catoblepas appare in questo gioco come nemico di medio livello. Presente solamente nelle edizioni GBA e PSP del gioco, può essere incontrato in alcune aree delle rovine lunari.

Il catoblepas usa l'abilità Sguardo pietrificante per causare status Pietrosi a un personaggio.

Final Fantasy IV: The After YearsModifica

TAY Catoblepas
Articolo principale: Catoblepas (The After Years)

Il catoblepas ritorna in questo seguito con caratteristiche sostanzialmente invariate. Può essere incontrato nelle profondità della luna.

Final Fantasy VModifica

FFV Catoblepas IOS
Articolo principale: Catoblepas (Final Fantasy V boss)

Il catoblepas appare in questo gioco come boss opzionale. Può essere incontrato nelle foreste vicino a Muur, ma solamente nel mondo di Galuf, e una volta sconfitto rilascia un oggetto che permetterà di apprendere la sua invocazione.

Il catoblepas è un boss semplice da sconfiggere, ma molto pericoloso per la sua capacità di usare Occhio demoniaco per causare status Pietra a un personaggio.

Final Fantasy VIIIModifica

Catoblepas FFVIII
Articolo principale: Catoplepas (Final Fantasy VIII)

Il catoplepas appare in questo gioco come boss opzionale. Può essere affrontato nell'armeria del castello di Artemisia, dopo aver risolto un piccolo enigma. Sconfiggerlo permetterà di spezzare un sigillo che inibisce le abilità del gruppo.

Il catoplepas è un boss molto forte, capace di usare poderosi attacchi fisici e magie di elemento Tuono, ma il pericolo maggiore è rappresentato dalla magia proibita Meteor, che userà come attacco finale una volta sconfitto.

Final Fantasy IXModifica

FFIX Catoplepas
Articolo principale: Catoplepas (Final Fantasy IX)

Il catoplepas appare in questo gioco come nemico di medio livello. Nuovamente simile a un toro, può essere incontrato nei canyon Sciavesis del continente dimenticato, ma un esemplare può essere affrontato in una sfida uno contro uno nell'armeria di Toleno, visitando l'area con Gidan prima di ottenere l'idrovolante. Sconfiggerlo frutterà un premio di 15000 guil.

Il catoblepas può far uso di numerose abilità fisiche e magiche, inclusa la magia blu Limit Globe.

Final Fantasy XModifica

BehemothFFX
Articolo principale: Catoplepas (Final Fantasy X)

Il catoplepas appare in questo gioco come boss opzionale. Si tratta di un campione di zona affrontabile nello Zoolab, e per farlo apparire è necessario catturare almeno un esemplare di ogni mostro presente sul monte Gagazet.

Il catoplepas è identico a un normale behemoth nell'aspetto, ma è molto più forte, e può usare la magia Ultima come attacco finale.

Final Fantasy XIModifica

Il catoplepas appare in questo gioco online come nemico. Si tratta di un mostro appartenente alla famiglia Dhalmel, e può essere incontrato sulla baia Bibiki. La sua pelle è un oggetto di grande valore.

Final Fantasy XIIModifica

FFXII Catoplepas
Articolo principale: Catoplepas (Final Fantasy XII)

Il catoplepas appare in questo gioco come boss opzionale. Varietà molto aggressiva di behemoth dalla pelle verde, è affrontato nel profondo delle caverne di Zertinan su commissione del capitano garif Spiner, che lo ha registrato come ricercato per vendicare un torto subito da suo fratello.
Un altro catoplepas appare davanti ai protagonisti nella Sala della ragione a Nabudis, ma è incerimoniosamente sconfitto da Fury, il vero boss dell'area, prima che possa fare qualunque cosa.

Il catoplepas è uno dei ricercati più pericolosi per la sua elevata forza fisica e i suoi potenti attacchi, ma durante la battaglia il giocatore potrà contare sull'aiuto di Spiner, che combatterà al suo fianco come personaggio di supporto.

Final Fantasy XIVModifica

Il catoplepas appare in questo gioco online come boss. Si tratta del secondo boss del dungeon Halatali (difficile), ed è ispirato alla sua incarnazione di Final Fantasy V: si tratta di un boss specializzato nell'incapacitare i giocatori: a seconda del colore del suo occhio, cambia l'attacco che userà per ostacolare il gruppo, ma l'attacco più pericoloso è Occhio maligno, che può essere evitato solo tocando uno dei quattro piedistalli ai bordi dell'arena.

Final Fantasy XVModifica

Articolo principale: Catoblepas (Final Fantasy XV)

Il catoblepas appare in questo gioco come nemico. Due esemplari possono essere visti girovagare nella pozza di Alstor, nella regione di Duscae, ma non è possibile affrontarli in condizioni normali a causa della profondità dell'acqua che impedisce di raggiungerli. Durante un'escursione con Prompto nella zona, è possibile fotografarne uno che esce dall'acqua, e se si aspetta che esca è anche possibile affrontarlo. Un catoblepas è affrontabile come ricercato sempre nell'area di Duscae, e sconfiggerlo è parte di una missione secondaria per conto di Takka. Ottenere un po' della sua carne permetterà di sbloccare un nuovo piatto nella taverna di Hammerhead e una nuova ricetta per Ignis.
Nella demo Final Fantasy XV Episode Duscae, i catoblepas apparivano esattamente nella stessa area in cui sarebbero comparsi nel gioco vero e proprio, e come in quest'ultimo era possibile farne uscire uno dall'acqua durante un'escursione assieme a Prompto.

Questa incarnazione del catoblepas è uno dei nemici più grandi del gioco: la sua sola testa è più grande di un personaggio e, grazie alla sua stazza, può causare danni pesanti semplicemente muovendosi.
Il catoblepas incontrato in Episode Duscae era considerabile il superboss della demo: i suoi PV erano talmente alti da far impallidire il behemoth Occhiofosco, al punto che nemmeno Ramuh poteva sconfiggerlo in un colpo solo.

EtimologiaModifica

Il Catoblepa (dal greco καταβλέπω, ovvero "guardare verso il basso") era una creatura immaginaria descritta dagli storici Plinio il Vecchio e Claudio Eliano. Originario dell'Etiopia, era descritto con un aspetto bovino, e si dice avesse un alito velenoso e la capacità di uccidere con lo sguardo: il suo nome deriva dal fatto che la sua testa sarebbe troppo pesante per guardare in avanti e perciò guardi sempre verso il basso. A dispetto della descrizione spaventosa, è possibile che gli scrittori si riferissero allo gnu.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.