FANDOM


Icona Gabranth 1 Gabranth: Perché rinunci a ciò di cui devi avere più cura?
L'articolo necessita di essere completato: provvedi usando il tasto Modifica.


Cait Sith si sposta a cavallo di un enorme pupazzo moguri magico. Megafono alla mano, passa il tempo urlando ordini e creando attacchi un po’ stupidi. Quando sferra il suo attacco slot machine, le linee avversarie assomigliano a una scatola di giocattoli rovesciata. Adora predire il futuro ma, dato il suo carattere, è piuttosto inaffidabile.
—Descrizione

Cait Sith è un personaggio giocabile di Final Fantasy VII.

Con tutta probabilità il personaggio più particolare del settimo capitolo, Cait Sith è un piccolo gatto di peluche bianco e nero, che usa un enorme robot moguri per spostarsi e combattere. Inizialmente incontrato nella Wonder Square del Gold Saucer dove lavora come macchina della fortuna, in seguito si rivela essere una spia in combutta con la Shinra, manipolata a distanza da un uomo di nome Reeve. Sebbene inizialmente agisca contro la missione di Cloud e dei suoi compagni, arriva ad allearsi con loro nella lotta per la salvezza del Pianeta, che sta molto a cuore al suo burattinaio.

Cait Sith appare in tutti i capitoli della compilation di Final Fantasy VII, ma i due ruoli più significativi li ha avuti in Dirge of Cerberus -Final Fantasy VII-, dove è stato un personaggio temporaneamente giocabile, e in Crisis Core -Final Fantasy VII-, dove era un'invocazione.

Cait Sith è direttamente basato su un'invocazione con lo stesso nome apparsa in Final Fantasy VI: a seguito della sua comparsa in Final Fantasy VII, il suo aspetto è diventato tanto iconico da comparire in un gran numero di capitoli successivi, regolari e spin-off, con queste stesse fattezze.

ProfiloModifica

Aspetto fisicoModifica

Cait Sith è il secondo personaggio giocabile non umano ad apparire nel gioco, e l'unico di tutto il gruppo a essere un robot. Non ne esiste solo uno al mondo, ma un'intera linea produttiva che comprende ufficialmente almeno sette esemplari: i vari modelli di Cait Sith condividono i propri ricordi e personalità, perciò se uno di essi è danneggiato o distrutto, se ne attiva automaticamente un altro per sostituirlo. Questa caratteristica è vista almeno due volte nella compilation.
Cait Sith ha l'aspetto di un gattino antropomorfo dal pelo nero, con una grossa testa e arti molto esili. La sua pelliccia è bianca sul muso, sulla pancia e sulla punta della coda, e le guance sono molto arruffate. I suoi occhi sono inoltre perennemente chiusi, tratto tipico di alcuni personaggi manga. Essendo basato su una creatura che ha ispirato il gatto con gli stivali, indossa due stivaletti marroni, oltre a un paio di grossi guanti bianchi e un mantello rosso. In testa porta una corona dorata, che pare essere legata a un non ben specificato hobby del suo costruttore.

In Final Fantasy VII, Cait Sith cavalca un enorme moguri robotico che, secondo quanto affermato dalle guide strategiche, egli stesso ha portato alla vita con la magia. Il moguri è alto quasi quanto un uomo, è grasso e tozzo, completamente senza collo e con due enormi canini che spuntano dalla mascella inferiore, oltre alle caratteristiche alette. Il robot è controllato da Cait Sith e, per estensione, da Reeve attraverso il megafono del gattino, ed è lui quello che prende effettivamente parte ai combattimenti, dato che senza di esso Cait Sith non saprebbe cavarsela contro i nemici. Per qualche strana ragione, il moguri robot non ricompare in nessun altro titolo della compilation, relegando Cait Sith a personaggio di supporto.

PersonalitàModifica

Ci sono parecchi giocattoli che mi assomigliano, ma ce n'è solo uno come me!
—La frase famosa di Cait Sith

Dal momento che si tratta di un semplice robot controllato mentalmente da Reeve, Cait Sith non ha una personalità ben delineata. Dal modo in cui parla e si comporta, tuttavia, si può evincere che è dotato di un'intelligenza artificiale abbastanza avanzata da permettergli di avere un pensiero indipendente: ciò gli consente di continuare a muoversi anche senza il controllo di Reeve, e una sola volta in tutta la compilation è visto completamente inattivo. La capacità di pensiero indipendente ha anche consentito a Cait Sith di sviluppare una personalità, ma non è mai chiaro durante tutta la storia quando esso parli per Reeve e quando no. Il momento più evidente in cui le due personalità collidono è quando Cait Sith decide di sacrificare se stesso per recuperare la materia nera: chiede ai protagonisti di non dimenticarlo, "anche se doveste incontrare un altro Cait Sith", eppure il secondo Cait Sith che appare poco più tardi si presenta ai protagonisti come se nulla fosse successo. Si può quindi supporre che prima di sacrificarsi stesse parlando per se stesso.
Cait Sith ha un carattere molto allegro e giocherellone, a volte anche irritante e petulante, ma è anche piuttosto codardo e poco incline al combattimento. Attraverso di lui, Reeve mostra la sua completa disapprovazione verso AVALANCHE e i suoi membri, rimproverandoli in modo particolare per gli effetti collaterali dei loro atti "eroici", dannosi quanto l'operato della Shinra. Quando però nota il loro fermo interesse per il futuro del pianeta, Cait Sith cambia bandiera e si allea con loro, portando lo stesso Reeve dalla loro parte. Cait Sith ama predire il futuro e, anche se le sue predizioni sono decisamente vaghe, molte di esse finiscono con l'avverarsi.

Un modo per riconoscere quando è Reeve a parlare attraverso Cait Sith è in base all'accento: nella versione giapponese del gioco, il gattino parla in dialetto kansai, mentre Reeve parla in dialetto kanto. Analogamene, nella versione anglosassone, Cait Sith ha un forte accento scozzese (in riferimento alla creatura mitologica su cui è basato), che Reeve non ha.

StoriaModifica

Orphan (crisi)Pericolo Spoiler: Seguono dettagli su trama e/o finale. (Salta sezione)

Il prototipoModifica

Reeve, l'architetto a capo del reparto di sviluppo urbano della Shinra, costruì il primo prototipo di Cait Sith in circostanze poco chiare. Il prototipo fu attivato da un gruppo di Turk disertori, che stavano cercando le materie di supporto dell'invocazione suprema Zirconiade, e il gattino fece loro la sua prima predizione: seguendo le sue indicazioni, i Turk riuscirono a trovare Reeve, che era stato raggiunto anche da Tseng. Reeve mostrò al gruppo le caratteristiche del robottino dopo aver rivelato di essere stato lui a crearlo, e Cait Sith fece una seconda predizione, affermando che la materia di supporto di Zirconiade si trovava a Gongaga.
Cait Sith accompagnò il gruppo di Turk alla ricerca della materia, e ad un certo punto rivelò che il suo creatore era a conoscenza del fatto che stavano lavorando per Veld, ex capo dei Turk dichiarato nemico della Shinra, ma che Reeve non avrebbe detto nulla al Presidente Shinra a causa dell'amicizia che lo legava a Veld. Durante uno scontro con le forze della prima AVALANCHE, Cait Sith rimase impressionato dalle capacità combattive dei Turk e tentò di prendere parte al combattimento, finendo inevitabilmente danneggiato.

Reeve era molto deluso delle scarse capacità difensive di cui aveva dotato il suo robottino, e iniziò a progettare un modo per aumentare la sua forza fisica. Capendo che una riconfigurazione per favorire la forza fisica avrebbe compromesso la sua agilità e velocità di movimento, decise di dotare Cait Sith di un trasporto che lo supportasse in battaglia: tempo dopo, avrebbe costruito un grosso moguri meccanico che il gattino avrebbe potuto cavalcare. Nel frattempo, Cait Sith fu ricostruito dai Turk con dei pezzi di fortuna, e Reeve, che doveva partecipare a una riunione, permise al gruppo di usare una copia del suo sistema di controllo neurale per controllare Cait Sith.
Più tardi, Rufus Shinra fu informato delle capacità di Cait Sith da Tseng, e concluse che avrebbe potuto essere un perfetto apparecchio da ricognizione. La sua idea venne messa in pratica durante il recupero della materia nel reattore mako di Gongaga, grazie anche alle predizioni che gli permisero di trovare la strada giusta.

Il gatto della fortunaModifica

Con gli anni, Reeve apportò un gran numero di miglioramenti a Cait Sith, senza mai intaccarne il design o la personalità: con l'aiuto dello stesso robottino, riuscì a ultimare il moguri meccanico e a renderlo un efficiente meccanismo di attacco e difesa, capace di equipaggiarsi con la materia e usare magie. Cait Sith era usato per sorvegliare persone o cose in varie occasioni, e faceva da occhi e orecchie del dirigente del reparto di sviluppo urbano.

Dopo la morte del presidente Shinra, Cait Sith fu inviato all'interno del Gold Saucer, dove iniziò a lavorare in incognito come macchina della fortuna in attesa che il gruppo della seconda AVALANCHE, ricercato dalla Shinra, arrivasse nella zona. In effetti il gruppo, guidato da Cloud Strife, raggiunse ben presto il parco divertimenti mentre era alla continua ricerca di Sephiroth: il giovane, incuriosito dal gattino robotico, provò a vedere se funzionava. Cait Sith, dopo diversi tentativi falliti, rispose con un sibillino "Troverai ciò che cerchi, ma al costo di perdere ciò che ti è più caro", e chiese loro di unirsi al gruppo per poter verificare quella profezia, che stupiva perfino lui. Mentre Cait Sith viaggiava con loro, riportava ogni loro mossa a Reeve attraverso il loro collegamento mentale, in modo che egli potesse tenerli sotto controllo.
Cloud sospettava già che nel gruppo vi fosse una spia, e ne ebbe la conferma quando Cait Sith, durante un pernottamento forzato del gruppo al Gold Saucer, rubò loro la pietrachiave, l'unico mezzo per entrare nel tempio degli Antichi e recuperare la materia nera. Il gattino consegnò la piccola sfera a Tseng, giunto sul posto su indicazione dello stesso Reeve, e quando il gruppo se ne accorse era ormai troppo tardi per fermarlo. Cait Sith confessò quindi di essere controllato a distanza dal quartier generale Shinra, e li obbligò a tenerlo con loro rivelando di aver fatto prendere in ostaggio Marlene, figlia adottiva di Barret, perchè gli dessero l'opportunità di rimediare al tradimento che era stato costretto a compiere.

Un'eroica redenzioneModifica

Non dimenticatemi, anche se doveste incontrare un altro Cait Sith. Addio, allora! Immagino sia il momento di salvare il pianeta...
—Cait Sith

Fedele alla parola data, Cait Sith guidò il gruppo fino al tempio degli Antichi, dove trovarono Tseng gravemente ferito e in fin di vita. Durante l'esplorazione della struttura, il gruppo scoprì che il tempio era ben più di un elaborato meccanismo inventato per impedire a chiunque di impossessarsi della materia nera, ma che il tempio stesso era la materia nera e l'unico modo per riportarla allo stato originario sarebbe stato attivare un comando per farlo rimpicciolire... che si trovava nella sua parte più interna. Dal momento che quel comando sarebbe per forza costato la vita a chiunque l'avesse attivato, Cait Sith decise di sacrificare se stesso per impedire ai suoi amici di morire: era un robot, d'altronde, poteva sempre essere ricostruito.
Aerith, l'amica di Cloud, propose a Cait Sith di farle un'ultima predizione, chiedendogli quanto fossero compatibili lei e Cloud: il micio robot rispose che erano fatti l'uno per l'altra, e che avrebbe fatto di tutto per farli contenti, anche far loro da prete il giorno del matrimonio. Ringraziando il gruppo per averlo accettato anche se era una spia, Cait Sith chiese loro di tenerlo sempre nei suoi ricordi, anche se dovessero incontrare un altro come lui, e si precipitò nelle profondità del tempio per attivare il sistema. Davanti agli occhi meravigliati di Cloud e Aerith, il tempio collassò su se stesso e riprese la sua forma originale di materia, ma quando il ragazzo si avvicinò per prenderla, la sua mente fu posseduta da Sephiroth, che lo costrinse a consegnargli la sfera nera. Un secondo Cait Sith, prontamente inviato da Reeve per l'eventualità, si presentò davanti ai due giovani proprio in tempo per fermare Cloud mentre cercava di strangolare Aerith in un attacco di pazzia. Da quel momento, Cait Sith n° 2 affiancò sempre il gruppo.

Contro la ShinraModifica

Sfortunatamente, gli sforzi di AVALANCHE non riuscirono a impedire a Sephiroth di portare a termine la prima parte del suo piano e di evocare la magia proibita Meteor. Quando ciò accadde, il cratere nord fu avvolto da una luce accecante e il pianeta, per difendersi dall'invocazione, liberò le Weapon dal loro sonno. Cloud finì in stato vegetativo, mentre Barret e Tifa furono catturati dalla Shinra. Il giorno successivo, la compagnia decise di uccidere i due membri di AVALANCHE con una camera a gas a Junon. Cait Sith aveva però radunato il gruppo e, camuffato da giornalista, approfittò dell'allarme rosso causato dall'arrivo di Sapphire Weapon.
Entrato nella prigione, il gattino addormentò la dirigente Shinra Scarlet con del gas soporifero e liberò Barret. In seguito, con l'aiuto del pilota Cid Highwind, presero il controllo dell'aeronave Shinra Highwind, e riuscirono poi a recuperare Tifa, che era riuscita a liberarsi dalla camera a gas grazie all'attacco della Weapon ed era intenta a prendersi a ceffoni con Scarlet lungo il gigantesco cannone della città.

Dopo il salvataggio, Cait Sith decise di dedicarsi a tempo pieno all'aiuto di AVALANCHE e decise che avrebbe invertito il suo ruolo, usando le conoscenze di Reeve per rivelare al gruppo i piani della compagnia. Grazie al suo aiuto, AVALANCHE scoprì che la Shinra stava cercando di distruggere Meteor con un carico di materia densa lanciato nello spazio, e che aveva inoltre portato il cannone di Junon a Midgar, in modo da impedire a un'altra Weapon, Diamond Weapon, di pulirsi i piedi sulla città.
La Weapon fu distrutta, ma riuscì comunque a lanciare un attacco sul quartier generale Shinra, portando alla presunta morte del presidente Rufus. Scarlet e il suo collega Heidegger si misero dunque alla direzione della compagnia, e come prima cosa arrestarono Reeve per aver permesso ad AVALANCHE di scoprire i loro piani. Reeve decise dunque di avvertire direttamente Cloud e i suoi compagni attraverso Cait Sith, e si ritrovò costretto a rivelare la sua identità come colui che manovrava il gattino. Ci tenne comunque a precisare che le uscite comiche di Cait Sith erano dovute al fatto che non ne aveva il controllo al 100%.

La caduta di MeteorModifica

Dopo che il gruppo di Cloud ebbe tolto di mezzo anche i nuovi direttori della Shinra e il professor Hojo, il ragazzo chiese ad ognuno dei suoi amici di trovare un motivo per proseguire verso lo scontro finale con Sephiroth. Mentre tutti i membri del gruppo si allontanavano per riflettere sulla situazione, Reeve iniziò a pensare per conto suo e disattivò Cait Sith.
Il giorno dopo, quando il gruppo si riunì, anche Reeve decise di continuare indirettamente il viaggio, e riattivò il suo gattino robotico per continuare a proteggere il pianeta. Alla fine, il gruppo sconfisse Sephiroth nelle profondità del cuore planetario, ma Meteor era ormai a pochi passi dallo schiantarsi su Midgar. Fortunatamente, Reeve usò Cait Sith per avvertire il gruppo che si era liberato e aveva fatto evacuare la città. Il gattino temette che l'evacuazione non servisse ormai a nulla, ma provvidenzialmente Meteor fu fermata una volta per tutte dall'intervento di Sancta e del flusso vitale, scaturiti dalle viscere di Gaia per intercessione di Aerith.

La seconda crisiModifica

Nei due anni successivi alla caduta di Meteor, Reeve continuò ad apportare migliorie a Cait Sith e, visto che ormai non sembrava esserci più bisogno di combattere, decise di accantonare temporaneamente il moguri robotico.
Quando le ombre di Sephiroth scatenarono Bahamut SIN sulla città di Edge, Cait Sith saltò in groppa all'amico Red XIII e raggiunse il resto del gruppo per affrontare il mostro, anche se temeva che i loro sforzi non fossero sufficienti a tenergli testa.

Cait Sith, assieme ai suoi amici, osservò dall'aeronave Shera quando impazzava il duello finale tra Cloud e il rinato Sephiroth, e anche quando Cloud si risvegliò nella chiesa del settore 5, il gattino robotico era presente, tenuto in braccio da Marlene.

DeepgroundModifica

C'è mancato poco! Non sono mai stato bravo a combattere.
—Cait Sith

Un anno dopo la seconda crisi, la città di Kalm, dove Vincent Valentine stava soggiornando, fu presa d'assalto da un gruppo di misteriosi soldati. Reeve, che si era unito alla World Regenesis Organization, raggiunse il pistolero nella città per convincerlo ad unirsi alla loro causa e fermare il nuovo nemico. Vincent si mostrò riluttante, ma Reeve non fece in tempo a ribattere che fu immediatamente colpito alle spalle da un soldato. Quando Vincent fece per soccorrerlo, quello che sembrava Reeve si rivelò essere un automa controllato da Cait Sith, che fece notare al pistolero quanto il suo fare incurante fosse solo una facciata.
Dopo aver scoperto che dietro i misteriosi attacchi c'era un gruppo chiamato Deepground, e che il loro obiettivo sembrava catturare persone che non si erano ammalate di geostigma negli anni precedenti, Cait Sith si infiltrò all'interno del reattore mako 0 per scoprire che cosa intendevano fare con quella povera gente. Purtroppo, non fece in tempo a scoprirlo che fu sorpreso da Nero lo Zibellino, uno degli Tsviet, che si impossessò del suo corpo usando i suoi poteri oscuri.

Avendo perso il segnale dal robottino, Reeve attivò subito un nuovo sostituto con tutti i ricordi dei precedenti quattro modelli, e questo fu una delle poche cose che l'inventore riuscì a trarre in salvo dopo la distruzione della base WRO da parte di Deepground. Il gattino girò liberamente all'interno della Shera, e fu usato per connettersi al sistema di rete neurale sinaptica usato dalla ex tsviet Shelke Rui, in modo da recuperare le informazioni del modello scomparso: grazie ai dati mostrati dal sistema, la WRO scoprì che Deepground stava progettando di risvegliare Omega attraverso una grande quantità di flusso vitale non contaminato dal geostigma.
Sfortunatamente, il Cait Sith n° 4 era anche lui a bordo della Shera e, quando arrivò il momento opportuno, Nero lo zibellino fuoriuscì dal suo corpo e lanciò un attacco all'aeronave dall'interno.

Gli spoiler finiscono qui.

Poteri e abilitàModifica

Cait Sith è un robot costruito con la tecnologia della Shinra. Anche se le sue caratteristiche non sono completamente note, si sa che è controllato a distanza dal suo creatore, Reeve, attraverso un meccanismo collegato direttamente al suo cervello, che gli consente di impartirgli ordini mentalmente e, occasionalmente, di parlare attraverso di lui. Dal momento che sarebbe poco pratico doverlo controllare costantemente, Reeve ha dotato Cait Sith di un'intelligenza artificiale autonoma, che gli permette di agire e pensare in maniera indipendente.
Poiché non è in grado di combattere autonomamente, Cait Sith cavalca un moguri meccanico che funziona con una combinazione di tecnologia e magia, a cui sia il gattino che lo stesso Reeve impartiscono ordini vocali per farlo muovere. Entrambi i robot possono essere equipaggiati con la materia. Date le sue piccole dimensioni, inoltre, Cait Sith può intrufolarsi in quasi ogni anfratto, dalle tubature ai condotti di areazione, cosa che lo rende perfetto per le missioni stealth.

Cait Sith è stato prodotto in una serie di almeno sette esemplari, otto contando il prototipo, e tutti i modelli condividono lo stesso programma e gli stessi ricordi. Quando un modello è danneggiato irreparabilmente, se ne attiva immediatamente un altro, che conserverà tutti i ricordi e le abilità del precedente.

PoteriModifica

  • Predizione: anche se non è mai stato del tutto chiarito come ci riesca, Cait Sith è in grado di predire il futuro. Le sue predizioni, quando riesce a farle, sono spesso molto vaghe, ma ci sono buone possibilità che si avverino. Il prototipo di Cait Sith ha fatto largo uso di questa abilità per trovare la strada giusta negli intricati condotti del reattore mako di Gongaga, dove era stato inviato dai Turk per recuperare la materia di supporto. La predizione più inquietante mai fatta è però quella fatta al Gold Saucer, dove predisse che, nella sua ricerca di Sephiroth, Cloud avrebbe perso ciò a cui teneva di più, riferendosi inaspettatamente alla morte di Aerith, avvenuta diverso tempo dopo.
  • Limite: attraverso i suoi poteri di predizione, Cait Sith è in grado di accumulare energia per sferrare potenti attacchi finali. I suoi attacchi si affidano completamente alla sorte per danneggiare i nemici o supportare gli alleati, e possono scatenare gli effetti più disparati:

AbilitàModifica

DebolezzeModifica

  • Inadatto a combattere: essendo un animale di peluche, Cait Sith è assolutamente incapace di combattere; per gli scontri e i movimenti, infatti, utilizza un enorme moguri meccanico.
  • Scarsa resistenza: trattandosi di un robot costruito principalmente per la ricognizione, Cait Sith non è fatto per sopportare ingenti danni, e un semplice colpo o proiettile ben assestato è sufficiente per incapacitarlo e renderlo potenzialmente inutilizzabile.

EquipaggiamentoModifica

  • Megafono: benchè a combattere sia a tutti gli effetti il moguri robot, questo può accadere solo grazie al megafono con cui Cait Sith è equipaggiato. Si tratta di un oggetto che può essere potenziato grazie alla materia, e grazie ad essa può trasferire ulteriori abilità al moguri, come l'attacco elementale o altre capacità. Il modello di base è un megafono giallo di piccole dimensioni, dotato di due slot collegati e due singoli per la materia.
  • Dadi: Cait Sith può utilizzare fino a sei dadi in combattimento, lanciandoli e danneggiando i nemici in base al loro risultato.
  • Slot Machine: avendo "lavorato" come macchina della fortuna, Cait Sith è dotato di una slot machine interna, che utilizza per sferrare diversi tipi di attacchi speciali.
  • materia: le materie sono ciò che conferisce a Cait Sith parte dei suoi poteri, in quanto gli danno anche la capacità di usare la magia.
    • Materia Manipolazione: la materia con cui Cait Sith era equipaggiato al suo incontro con gli eroi al Gold Saucer è una materia comando, di colore giallo, che conferisce il potere di manipolare la mente dei propri nemici. Si tratta di una materia non semplice da utilizzare e che non funziona sui nemici con una mente sufficientemente forte, ma può risultare molto utile per ribaltare la sorte delle battaglie, oppure per apprendere le tecniche nemiche.
  • Fiocco
  • Telefonino

TrasportoModifica

  • Moguri robot: un pupazzo con un costume da moguri animato da una combinazione di magia e tecnologia. Oltre a fungere da mezzo di trasporto, questo pupazzo è anche un buon sistema di autodifesa, che sfrutta una discreta forza fisica per colpire i nemici con i propri pugni. Il robot è dotato di un'autonomia minima, quindi è necessario impartirgli comandi specifici per fargli fare determinate azioni: i comandi sono impartiti da Cait Sith stesso o da Reeve attraverso il megafono con cui il gattino è equipaggiato. Il moguri ha anche permesso a Cait Sith di camuffarsi da umano per infiltrarsi nella prigione di Junon e liberare Tifa e Barret.
  • Red XIII: durante la battaglia contro Bahamut SIN a Edge, Cait Sith è arrivato in groppa al suo vecchio amico Nanaki.

GameplayModifica

Final Fantasy VIIModifica

Cait Sith si unisce al gruppo ad un livello pari alla media dei livelli dei personaggi disponibili. Comparate con il resto dei personaggi, le sue statistiche non sono molto alte, ma dispone di buoni valori di attacco magico e spirito, che lo rendono piuttosto utile come mago. Allo stesso tempo, dispone di un livello di attacco fisico decisamente basso.
Le armi di Cait Sith sono dei megafoni, che usa per impartire ordini al moguri meccanico. Benchè non siano eccelse, le armi di Cait Sith hanno il pregio di avere molti più slot materia rispetto alle armi base di altri personaggi, e proprio una delle sue armi, il megafono d'argento rintracciabile a Nibelheim, è una delle pochissime armi con otto slot ottenibili nel disco 1.

L'arma finale di Cait Sith è chiamata Grande plauso e infligge danni direttamente proporzionali agli HP del gattino. L'arma si trova in un armadietto al piano 64 del quartier generale Shinra, durante la seconda visita alla struttura. L'area è già visitabile nel disco 1, ma Cloud lascerà il megafono al suo posto non sapendo come usarlo.

StatisticheModifica

ArmiModifica

LimiteModifica

Cait Sith è il personaggio a disporre del minor numero di Limite (Final Fantasy VII), possedendone solamente due. Entrambe hanno un funzionamento molto particolare: si affidano infatti alla casualità per generare i più svariati effetti, solitamente tradotti in danni diretti o status particolari. Uno degli attacchi di Cait Sith, Game Over, è famoso per essere in grado di eliminare all'istante qualunque nemico, compresi i boss; Death Joker, invece, ha lo stesso effetto... sul party alleato.

  • Dadi: lancia alcuni dadi e infligge danni pari a 100 volte il punteggio ottenuto; in caso di numero doppio, triplo eccetera... il danno inflitto raddoppia, triplica ecc... Ogni dieci livelli si aggiunge un dado, fino ad un massimo di sei dadi dal livello 60 in poi.
  • Slot: sbloccabile sconfiggendo 80 nemici con Cait Sith. Gira una slot machine, dotata di effetti diversi a seconda della combinazione ottenuta. Le tre ruote possono essere fermate con il tasto Playstation Button X.
    • Combinazione casuale: Toy Box (scaglia un oggetto contro i nemici, danneggiandoli)
    • Tre BAR: Invoca (richiama un'invocazione. L'invocazione scelta dipende dal livello di Cait Sith)
    • Tre corone: Soldatini (compaiono sei soldatini che fanno fuoco sui nemici, infliggendo danni ad area)
    • Tre stelle: Danza moguri (compare un moguri che recupera HP ed MP del party)
    • Tre cuori: Buone stelle (compare una ragazza in bikini con zampe e orecchie feline, che potenzia gli attacchi del party)
    • Tre pupazzi: Combina (utilizzabile solo se si ha un party di tre personaggi: gli altri due lasciano il campo di battaglia, mentre Cait Sith si potenzia, acquisisce tutte le abilità e raggiunge quota 9.999 HP e 999 MP. Alla fine della battaglia, gli HP dei personaggi saranno ridotti ad 1/3)
    • Tre facce: Game Over (uccide istantaneamente tutti i nemici)
    • Due facce e un BAR: Death Joker (uccide tutti i membri del party, causando Game Over)

Crisis Core -Final Fantasy VII-Modifica

Cait Sith compare in questo gioco come invocazione. L'oggetto necessario a invocarlo, il megafono di Cait Sith, si può trovare in un forziere durante la missione 8-4-3 "Posta sospetta 3". L'invocazione può essere attivata attraverso la "Modalità Chocobo" dell'OMD, facendo tris con l'immagine di Cait Sith: il suo effetto è Forza e coraggio, che garantisce vari status positivi, la cui durata varia in base al livello di potenza dell'invocazione stessa.

Nome Ottieni Livello/Potenza Immagine
Descrizione 1 2 3 4 5
CCVII OMD Cait Sith
Forza e coraggio
Missione 8-4-3 30 sec. 40 sec. 50 sec. 100 sec. CCVII OMD Forza e coraggio
Cura gli status Veleno, Silenzio, Stop e Shock e conferisce Barriera, Barriera M, Resistenza, Costo MP/AP=0, Fisico/Magico = 0. 20 sec. 30 sec. 60 sec. 120 sec.
5 sec. 8 sec. 10 sec. 15 sec. 30 sec.

Dirge of Cerberus -Final Fantasy VII-Modifica

Cait Sith è temporaneamente controllabile durante l'esplorazione del reattore mako 0 nel capitolo 4. La missione è molto difficile, in quanto le scarse attitudini combattive del micino lo rendono vulnerabile a qualunque tipo di attacco. Sarà dunque necessario proseguire lungo il livello senza farsi vedere.
Cait Sith può essere controllato anche durante alcune missioni secondarie accessibili dall'apposito menù, ovviamente dopo averle rintracciate e raccolte durante il gioco principale. Tali missioni consisteranno nell'usare Cait Sith per sconfiggere alcuni dei boss del gioco, come Rosso Cremisi o Arch Azul: ciò che ne risulterà sarà decisamente comico.

MusicaModifica

Il tema musicale di Cait Sith è l'eponimo "Cait Sith's Theme", udibile durante il primo incontro con il gattino nel Gold Saucer, e durante il suo sacrificio nel tempio degli Antichi.

Altre comparseModifica

Dissidia Final FantasyModifica

Cait Sith fa una piccola apparizione nel picchiaduro crossover come tutor del manuale di gioco: assieme a Barret, si occupa di spiegare al party il funzionamento della modalità Arcade.
Esiste inoltre una carta amico di Cait Sith: si tratta di un Sephiroth al livello 66, equipaggiato con un set di cristallo, una gemma arancione e una tessera Shinra ottenibili via Eureka. La citazione della carta, "Sono Cait Sith No. 2! Piacere di conoscervi!", è pronunciata nel gioco originale dalla seconda incarnazione del gattino, quando appare nel tempio degli Antichi dopo il sacrificio della prima.

Pictlogica Final FantasyModifica

PFF Cait Sith

Cait Sith appare come personaggio in questo spinoff per smartphone.

Final Fantasy Airborne BrigadeModifica

Cait Sith è un alleato e un personaggio leggendario invocabile in questo social game.

Abilità:
  • Dadi
  • Game Over
  • Buone stelle
  • Toy Box
  • Soldatini
Abilità Leggenda:
  • Dadi
  • Game Over
  • Buone stelle
  • Toy Box
  • Soldatini

CuriositàModifica

  • In inglese, l'arma finale di Cait Sith si chiama HP Shout, ma in giapponese è chiamata Marvelous Cheer. Il nome è usato come attacco di una delle carte Cait Sith nello spin-off Final Fantasy Fables: Chocobo Tales, dove in italiano è tradotto con "Grande plauso".
  • Per motivi sconosciuti, il moguri di Cait Sith non è mai stato usato in nessuno dei capitoli della compilation. Non era presente nemmeno nel flashback della battaglia finale visto nella sequenza d'apertura di Final Fantasy VII: Advent Children, dove invece il gattino cavalcava Red XIII come fa poi durante gli eventi del film. Nell'edizione Complete, la sequenza d'apertura è stata modificata per includere il moguri.
  • Sbirciando dal buco della serratura nella stanza dei coniugi anziani nell'Honey Bee Inn, è possibile vedere un Cait Sith a destra dello schermo. Anche se non è espressamente detto, è implicito che i due coniugi siano i genitori di Reeve, e che il Cait Sith abbia il compito di sorvegliarli.
  • Parlando con Reeve sulla Shera in Dirge of Cerberus, il numero del nuovo modello di Cait Sith cambierà in base a certi eventi del gioco. Se ad essere attivato è il numero 5, questi si presenterà dicendo: "Numero 5 è vivo!". Questa frase è una citazione al film del 1986 Corto circuito, in cui è detta dal protagonista, il robot Numero 5, come frase di chiusura della pellicola.
  • Se Cloud decide di portare Cait Sith nel giro in gondola del Gold Saucer, questi rimarrà in piedi per tutto il tragitto, in quanto il suo moguri è troppo grande per entrare nel seggiolino.
  • La bambola di Cait Sith, un minion ottenibile in Final Fantasy XIV, ha come descrizione la frase: "Ciò che può sembrare nulla per te, era tutto per coloro che sono morti...". Questa stessa frase è detta da Cait Sith a Barret, riguardo ai danni causati dagli attacchi di AVALANCHE.
  • Il fatto che Cait Sith lavori come macchina della fortuna potrebbe essere ispirato al fatto che, secondo una credenza comune in Giappone e in Gran Bretagna, incrociare un gatto nero è sinonimo di buona sorte. Nel resto del mondo, tuttavia, lo stesso fatto è considerato portatore di sfortuna.
  • Sebbene nel gioco originale non sia effettivamente spiegato come faccia Reeve a manovrare Cait Sith, in Dirge of Cerberus è rivelato che ciò avviene tramite controllo mentale.
  • Il tema di Cait Sith, come per molti altri temi della saga, è stato utilizzato dal programma televisivo Le Iene, trasmesso su Italia 1, come sottofondo musicale per diversi servizi.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.