(Creata pagina con '<infobox theme="FFVII" theme-source="main release"> <navigation>'''Personaggio'''</navigation> <title><default>Brian Lockhart...')
 
Riga 3: Riga 3:
 
<title><default>Brian Lockhart</default></title>
 
<title><default>Brian Lockhart</default></title>
 
<data><default>ブライアン・ロックハート (''Buraian Rokkuhāto'')</default></data>
 
<data><default>ブライアン・ロックハート (''Buraian Rokkuhāto'')</default></data>
<data><default>[[File:FFVIIR Brian art.png|100px]]</default></data>
+
<data><default>[[File:FFVIIR Brian.png|100px]]</default></data>
 
<group>
 
<group>
 
<header>Informazioni biografiche</header>
 
<header>Informazioni biografiche</header>
Riga 58: Riga 58:
 
==Galleria==
 
==Galleria==
 
{{Galleria
 
{{Galleria
|File:FFVII padre di Tifa art.png|Schizzo concettuale
+
|File:FFVII padre di Tifa art.png|Schizzo concettuale di Tetsuya Nomura
  +
|File:FFVIIR Brian art.png|Artwork di Roberto Ferrari
 
|File:FFVII padre di Tifa.png|Modello di gioco
 
|File:FFVII padre di Tifa.png|Modello di gioco
 
}}
 
}}

Versione delle 06:48, 24 mag 2020

Brian Lockhart è un personaggio minore di Final Fantasy VII.

Si tratta del padre di Tifa Lockhart, la protagonista femminile del gioco, ed è morto cinque anni prima degli eventi del gioco durante l'incidente di Nibelheim. La sua morte è ciò che ha spinto Tifa a rinnegare per sempre ogni cosa avesse a che fare con la compagnia elettrica Shinra, e successivamente a unirsi al gruppo terroristico Avalanche per distruggerla.

Nel gioco originale non aveva un nome ufficiale ed era conosciuto solo come Padre di Tifa, ma gli artwork di di Tetsuya Nomura gli attribuivano il nome Brian, che è stato in seguito ufficializzato in Final Fantasy VII Remake. Oltre al gioco originale, Brian ha un ruolo minore nello speciale animato non canonico Last Order -Final Fantasy VII-.

Profilo

Aspetto fisico

Brian è un uomo sulla quarantina con gli occhi verdi, i capelli marroni folti e scompigliati, tenuti su da una fascia rossa legata dietro la nuca, e un paio di baffi. Indossa una giacca blu senza maniche con i bordi bianchi sotto una camicia rossa, pantaloni grigi scuri stretti da una cintura nera, stivali marroni con chiusure gialle e bende bianche avvolte attorno agli avambracci.

Nel suo cameo in Last Order, il padre di Tifa ha un aspetto più generico: ha un fisico più prestante, i capelli più corti ed è privo di baffi, e indossa una camicia bianca e pantaloni neri con bretelle.

In Final Fantasy VII Remake, l'aspetto originale di Brian è rielaborato per adattarsi meglio all'atmosfera country del villaggio di Nibelheim: il suo aspetto fisico non subisce particolari modifiche, a parte i capelli leggermente brizzolati, ma ora la camicia rossa ha il colletto più largo e le maniche rigirate, gli stivali sono sostituiti con dei mocassini marroni e la giacca è ora un tipico gilet western marrone, con nappe penzolanti vicino al colletto e sui taschini.

Storia

Orphan (crisi).pngPericolo Spoiler: Seguono dettagli su trama e/o finale. (Salta sezione)

Paure da adulti

Brian aveva cresciuto Tifa da solo in seguito alla morte di sua moglie quando la bambina aveva otto anni, ed era quindi diventato molto protettivo verso di lei. Una sera, ancora addolorata per la perdita di sua madre, Tifa si convinse che fosse ancora viva e cercò di scalare il monte Nibel per trovarla. Un ragazzo del villaggio, Cloud Strife, seguì Tifa preoccupato ma l'escursione finì con una brutta caduta quando un ponte sospeso cedette: Tifa rimase ferita nella caduta e suo padre, che non sapeva cosa era successo, incolpò Cloud dell'accaduto e proibì alla figlia di vederlo.

L'incidente di Nibelheim

Diversi anni dopo quegli eventi, Brian accolse il leggendario SOLDIER Sephiroth e un piccolo manipolo di soldati della Shinra, convocati a Nibelheim per problemi al reattore mako nella zona, e raccomandò Tifa perché facesse loro da guida, ignaro del fatto che anche Cloud era tra quei soldati.
Qualche giorno più tardi, in seguito a una scoperta fatta nel reattore, Sephiroth impazzì e diede alle fiamme il villaggio, uccidendo molti degli abitanti. Tifa seppe dal suo maestro Zangan che il padre aveva seguito Sephiroth fino al reattore di Nibelheim, e si precipitò all'inseguimento per evitare il peggio, ma arrivò troppo tardi: Brian era a terra morente all'ingresso del reattore, la spada di Sephiroth sporca di sangue e abbandonata a poca distanza.

Brian pregò Tifa di fuggire e morì tra le sue braccia. Piangendo sul suo corpo, Tifa dichiarò il suo odio per la Shinra, i SOLDIER, i reattori e Sephiroth. Brandendo la spada del SOLDIER leggendario, la ragazza entrò nel reattore in cerca di vendetta, ma fu facilmente disarmata e scagliata via.

Gli spoiler finiscono qui.

Sviluppo

Brian era conosciuto con questo nome solo negli artwork concettuali di Tetsuya Nomura, ma nei dati della versione giapponese del gioco effettivo è chiamato semplicemente "Tifapapa" (ティファパパ, Tifapapa). Tifa si rivolge a lui chiamandolo "Papa" (パパ, Papa), mentre in Last Order lo chiama 父さん (Tōsan) oppure 父 (Chichi).

Anche il suo profilo ufficiale nella guida del gioco originale si riferiva a lui chiamandolo semplicemente "padre di Tifa", e così fa anche l'artbook ufficiale incluso nell'edizione Deluxe di Final Fantasy VII Remake. Il nome Brian è stato ufficializzato nella guida Ultimania di quest'ultimo gioco.

Galleria

 
FFVII padre di Tifa art.png
 
FFVIIR Brian art.png
 
FFVII padre di Tifa.png

Curiosità

  • Nell'artwork concettuale di Nomura, si afferma che Brian ha esattamente 40 anni.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.