FANDOM


FFII Ritratto Borghen PSP Borghen: Forza, tornate al lavoro! Al lavoro, ho detto! Prima finirete più grande sarà la mia gloria!
L'articolo necessita di essere revisionato e corretto: provvedi usando il tasto Modifica.


Owzer

Owzer: Relm... Per favore, torna presto...
L'articolo ha bisogno di più immagini: potresti aiutarci caricando e aggiungendo le immagini necessarie alla pagina.


L'Attacco finale è un elemento di gameplay presente in alcuni capitoli della serie Final Fantasy.

Si tratta di un attacco utilizzato da un mostro o, più raramente, da un personaggio, quando i suoi PV raggiungono lo zero.
Lo script dell'attacco finale può iniziare una specifica mossa che il nemico usa in questa occasione, oppure una sequenza o un filmato che si attiva solamente a queste condizioni.

ComparseModifica

Final Fantasy IV: The After YearsModifica

In questo capitolo, gli unici boss ad utilizzare degli attacchi disperati sono il re Behemoth e Shinryu, che faranno ricorso a Meteo una volta esaurite le energie vitali, infliggendo danni incredibilmente elevati al party ed un probabile KO.

Final Fantasy VModifica

Nel quinto capitolo della saga, diversi nemici dispongono di attacchi utilizzati quando esauriscono le energie. I due boss della torre forca, Minotauro ed Onnisciente, utilizzeranno le magie da loro custodite (rispettivamente Sancta e Vampalia) quando avranno esaurito i PV, prima di scomparire. Minotauro, tuttavia, fallirà in quanto di base non possiede alcun PM.

Altri nemici in grado di utilizzare attacchi disperati sono: il behemoth, che usa Meteora; il ghidra, che usa Antimaga lv 4; Titano, che usa Scuotiterra; la lepre infernale, che usa Miracolo su un alleato a caso; i Purobolos, che usano tale magia su tutti gli altri; e il drago violaceo, che usa Vampalia. Neo Shinryu, infine, può utilizzare addirittura due attacchi disperati in sequenza: Giga vampalia e Meteora.
Alcuni particolari nemici fanno partire eventi programmati quando i loro PV raggiungono lo zero: questi eventi sono anch'essi considerati degli attacchi finali, e se i nemici saranno affetti dallo status Furia, essi non si verificheranno. La trasformazione del nemico Alte Roite in Aevis jura e persino quella di Exdeath in Neo Exdeath sono comprese tra questi eventi, sebbene solo la prima possa essere evitata in tutte le versioni del gioco: nelle versioni fino a quella per Game Boy Advance, era possibile evitare la comparsa di Neo Exdeath attraverso vari espedienti.

Final Fantasy VIModifica

Nel sesto capitolo della saga, diversi nemici possiedono nel proprio script di battaglia un'azione da compiere proprio nel momento in cui sono sconfitti. Alcuni di essi, come l'anima dannata o Chadarnook (donna), sono programmati per ripristinare completamente i loro PV una volta che vengono prosciugati, per la semplice ragione che non sono loro i veri bersagli della battaglia. Altri, come Ultros o Mortifero, avviano una particolare sequenza una volta sconfitti. Il Cavalier occulto, inoltre, è celebre per la devastante magia Ultima che può utilizzare una volta sconfitto; il Bell'addormentato, infine, userà Meteora come attacco finale, nel caso il giocatore riesca a sconfiggerlo prima che fugga dalla battaglia.

Esistono alcune tecniche che permettono di annullare lo script dell'attacco finale, una per tutte la magia Oblio, che nelle prime versioni del gioco poteva essere usata anche sui boss, a causa di un glitch. Usare Oblio contro le anime dannate quando il boss Condannato è nascosto, per esempio, provocherà la fine immediata dello scontro, poichè l'intero party nemico è stato rimosso dal campo di battaglia.

Final Fantasy VIIModifica

Numerosi nemici in questo capitolo possiedono un attacco che usano quando i loro HP sono prosciugati. Tra questi si ricordano boss come Dyne, Ultima Weapon e Bestia del pozzo, ma anche nemici come il drago zombie o il due facce.

In questo capitolo, però, esiste anche una speciale materia, chiamata appunto Attacco finale, che permette anche ai personaggi giocabili di sfruttare un'ultima risorsa quando i loro HP sono azzerati. La materia, ottenibile vincendo uno scontro speciale alla Battle Square, può attivarsi per un massimo di cinque volte a battaglia a seconda del livello, e gli effetti possono essere sommati se più materie di questo tipo sono equipaggiate.
Un gran numero di tecniche e magie è associabile a questa materia, il che risulta estremamente comodo se un personaggio ucciso in battaglia vuole restituire il favore al nemico evocando i Knights of the Round, oppure vuole evitare di far sprecare turni agli alleati e utilizza Areiz, o meglio Fenice, su se stesso appena perde i sensi. La tecnica usata dipende dal tipo e dal livello della materia associata all'attacco finale: se è un'abilità comando, sarà usata l'abilità che essa insegna; se è una magia, sarà usata quella di livello più alto appresa; se si tratta di una delle materie Master, l'abilità sarà scelta a caso tra quelle disponibili.

Final Fantasy VIIIModifica

Alcuni mostri sopra il livello 30 dispongono di un attacco finale. Tra questi c'è il galkimasela, che usa Sancta, il Behemoth, che usa Flare, Catoplepas, che usa Meteor, e Krysta, che usa Ultima. Durante il secondo sogno di Laguna, nell'area scavi di Centra, l'ultimo sconfitto dei soldati di Esthar utilizzerà due volte Soul crash come attacco finale, riducendo a 1 gli HP di Ward e Kiros.

Final Fantasy IXModifica

In questo capitolo, ritornano i nemici che avviano una sequenza specifica dopo aver perso tutti gli HP. I boss Beatrix e Kuja, al termine di ogni battaglia contro di loro, utilizzeranno un attacco finale che ridurrà a 1 gli HP del party, terminando la battaglia istantaneamente. Il boss Malilith è inoltre in grado di utilizzare un potente attacco finale chiamato Pioggia di spade, che causa pesanti danni fisici.

Final Fantasy XModifica

In questo capitolo, solamente due nemici possiedono un attacco finale, nella fattispecie il King Behemoth e il Catoplepas, che concludono lo scontro rispettivamente con Meteo e Ultima dopo essere stati sconfitti. Questa volta, però, l'attacco finale può essere annullato se il mostro è sconfitto da un contrattacco o, nel caso del King Behemoth, è catturato.

Final Fantasy X-2Modifica

L'Humbaba, nuova incarnazione del King Behemoth del precedente capitolo, condivide con il suo predecessore la capacità di usare Meteo dopo aver perso tutti gli HP. Un altro mostro capace di usare un attacco finale dopo essere stato sconfitto è l'Assaltor 71, che utilizzerà Mawashigeri per rimuovere dalla battaglia un personaggio, anche se fallirà praticamente sempre.

Final Fantasy XIModifica

Alcuni nemici, come i Behemoth combattuti nei Corni di guerra KS99 BCNM, possono utilizzare degli attacchi finali.

Final Fantasy XIVModifica

I nemici in grado di utilizzare attacchi finali, in questo capitolo, sono due: il Behemoth, che può usare Meteora ellittica durante il Full Active Time Event "L'ha preso con gli occhi", e il fantasma di Meracydia, che una volta sconfitto nella seconda spira di Bahamut utilizzerà Scarica neuronale.

Bravely DefaultModifica

La classe di cavaliere nero può apprendere al livello 5 l'abilità di supporto All'inferno, che danneggia tutti i nemici quando il personaggio è sconfitto, infliggendo quattro volte il danno base. L'abilità non si attiva se è attivo lo status Risveglio.

Bravely Second: End LayerModifica

La classe di cavaliere nero può apprendere al livello 4 l'abilità di supporto Vampa gloriosa, che funziona in maniera identica all'abilità All'inferno nel titolo precedente. L'abilità non si attiva se chi la possiede è messo KO dall'effetto di Veleno o Congelamento.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.