Final Fantasy Wiki
Advertisement
Final Fantasy Wiki

Ah ah ah ah! Poveri stolti, siete caduti nella mia trappola! Io sono Astos, il Re degli elfi oscuri! Combinando il potere della corona che avete con voi e dell'occhio di cristallo in mio possesso... Diventerò il vero Re degli elfi! È inutile tentare di opporsi a me! Prenderò ciò che mi appartiene con la forza!
—Astos

Astos è un antagonista minore e boss del primo Final Fantasy.

Astos era il malvagio re degli elfi oscuri, riconoscibile dalla pelle verdastra. Aveva gettato un incantesimo sul principe degli elfi, condannandolo a un sonno profondo, e aveva rubato l'occhio di cristallo alla veggente Matoya per impedirle di trovare una cura.
Apparve ai guerrieri della luce nella rocca di ponente, sotto le spoglie di un re decaduto, chiedendo loro di recuperare una corona dalla grotta paludosa. Al loro ritorno l'elfo oscuro li attaccò di sorpresa, ma fu sconfitto dalla loro forza.

Tempo dopo, i guerrieri della luce rincontrarono l'anima inquieta di Astos nella baia dei sussurri, e lo sconfissero nuovamente per porre fine alle sue sofferenze.

Gameplay[]

Informazioni[]

Sprite Astos.png

Astos è incontrato all'interno della rocca di ponente, ma per poterlo affrontare è prima necessario recuperare la corona nella grotta paludosa e presentargliela. Lo scontro con lui partirà automaticamente dopo avegli parlato.

Nelle edizioni Dawn of Souls e 20th Anniversary del gioco, Astos può essere incontrato di nuovo in una particolare sala della baia dei sussurri: per proseguire al piano successivo, il giocatore dovrà interagire con le anime perse per donare loro la pace, e una di loro sarà proprio l'elfo oscuro, in cerca di vendetta.

Battaglia[]

Astos è un boss estremamente seccante, caratterizzato dal fatto di essere il primo del gioco a possedere altre abilità oltre ai normali attacchi fisici. Dispone delle magie elementali Fuoca e Tuona, oltre alle magie di status Sonno, Buio, Adagio e Adagiora e alla magia potenziante Andante. La sua magia più pericolosa è però Morte, che ama usare a inizio battaglia, con cui ucciderà un personaggio.

Statistiche[]

Statistiche
PV 420 Attacco 30
Difesa 18 Precisione 42
Agilità 39 Intelligenza 24
Schivata 78 Difesa magica 170
Guil 2000 ESP 2250
Informazioni
Oggetti FFI Spada PSP.png Spada di mithril
Tipo ---
Abilità Morte, Adagio, Adagiora, Buio, Sonno, Andante, Fuoca, Tuona
Bestiario
#032 #033 #034
Affinità elementali
Fuoco Ghiaccio
Tuono Terra
Dia Mutismo
Sonno Paralisi
Cecità Veleno
Pietra Caos
Spirito Tempo
Morte istantanea

Strategia[]

Per affrontare al meglio questo boss è consigliabile che il gruppo sia almeno a livello 8. Equipaggiare gli attaccanti fisici con la Spada di mithril e potenziarli con Andante aiuterà molto. Per proteggersi dalle magie elementali di Astos, il guaritore dovrebbe disporre di Antifuoco e Antituono, oltre alle migliori magie di cura. Se un personaggio è colpito da Morte, rimediare subito con una coda di fenice.
Una buona strategia per rendere Astos più malleabile è usare Silenzio su di lui a inizio battaglia. Affetto dallo status Mutismo, il boss potrà contare unicamente sui suoi ben più gestibili attacchi fisici.
Nelle edizioni Dawn of Souls e 20th Anniversary, se si riesce a ottenere un'Unghia basilisco tramite il minigioco segreto sulla nave, si potrà porre istantaneamente fine allo scontro pietrificando il boss.

Nella versione originale per NES, Astos è un boss decisamente più ostico a causa della totale assenza di rimedi contro la morte in battaglia. Se si vuole sconfiggere questo nemico senza subire troppe perdite, è necessario fare più tentativi: per questo motivo, è fortemente consigliato usare una tenda per salvare fuori dalla rocca di ponente.

Altre comparse[]

Pictlogica Final Fantasy[]

Astos appare come boss in questo gioco.

Final Fantasy Record Keeper[]

Astos compare come boss in questo gioco. Può essere affrontato nel dungeon del primo Final Fantasy basato sulla rocca di ponente, ma esistono anche dungeon speciali in cui è possibile affrontarne versioni più forti.

Mobius Final Fantasy[]

Un folletto che cercò di impadronirsi del trono degli Elfi raccogliendo artefatti demoniaci.

Astos è comparso come carta abilità in questo gioco. Permetteva a WoL di usare l'abilità Dark Flame, un attacco ad area di elemento fuoco che riduceva la resistenza dei nemici ai colpi critici. La carta infliggeva più danni se usata da una classe di tipo Ranger.

Comparse esterne a Final Fantasy[]

Un videogioco per Kevin - Captain N[]

Astos appare come antagonista nel settimo episodio della terza stagione, "I sogni infranti di Capitan N". Inizialmente si manifesta con l'aspetto di un frate, e usa il pomello della sua spada magica per ipnotizzare Capitan N e spingerlo ad addormentare il principe con un filtro magico. Indirizzati dalla strega Matoya, Lana, Kid Icarus e Mega Man riescono a recuperare il cristallo di Astos, sciogliere il maleficio su Capitan N e costringere Astos a rivelare la sua vera forma.

Galleria[]

Curiosità[]

  • Nella versione originale del gioco, la sprite di Astos era delle stesse dimensioni di quelle degli altri nemici elfi oscuri. A partire dall'edizione per WonderSwan Color, appare invece più grande per simboleggiare il suo status di re e di boss nel gioco.
  • Il design di Astos è stato riutilizzato per il boss Elfo oscuro in Final Fantasy IV e Final Fantasy IV: The After Years. L'edizione per Complete Collection per PSP dei due giochi ricicla la sprite di battaglia della versione 20th Anniversary.

Nemici correlati[]

Advertisement